News

Modifica Codice dei contratti pubblici e innalzamento soglia di valore degli appalti pubblici

Libera: " Forte preoccupazione, nessun passo indietro su trasparenza e legalitą negli appalti".

“Esprimiamo forte preoccupazione per una riforma che fa fare un passo indietro in termini di prevenzione della corruzione e di rischio di infiltrazione mafiosa nelle commesse per lavori, servizi e forniture delle amministrazioni comunali - per pił della metą degli appalti complessivi - vanificando le competenze e professionalitą acquisite in questi anni dai dirigenti di tanti Comuni nelle procedure di appalto ad evidenza pubblica al fine di assicurare pił trasparenza e integritą. Una beffa natalizia, nessun passo indietro su trasparenza e legalitą negli appalti”.

In una nota Libera interviene dopo che nell' intervento in Aula al Senato di ieri mattina il Governo ha confermato che nel maxi emendamento al disegno di legge di bilancio 2019 č prevista una modifica al Codice dei contratti pubblici che innalza in modo molto rilevante la soglia di valore degli appalti pubblici entro la quale si potrą procedere tramite affidamenti diretti.

“Le disposizioni del Codice- prosegue Libera- che premiano i soggetti offerenti migliori condizioni di prezzo e qualitą degli acquisti pubblici non possono essere considerate un orpello burocratico da sacrificare in nome di un’ideologica pseudo-liberalizzazione che rischia di trasformarsi in salvacondotto al soddisfacimento di interessi opachi. Né quelle norme sono causa di un presunto blocco della spesa per investimenti, che risulta in realtą di nuovo in crescita. Riformare il Codice degli appalti in questo momento appare oggettivamente pericoloso non solo sotto il profilo dei maggiori rischi di corruzione e abusi, ma anche in quanto prepara il terreno a potenziali infiltrazioni mafiose, come emerge da molte inchieste giudiziarie e come denunciato alcuni giorni fa dal presidente dell'Anac e dai sindacati del settore. “

Rischi, inoltre, confermati dal rapporto Liberaidee - una recente ricerca sociale sulla percezione e la di presenza di mafie e corruzione - dove il 41,2 per cento del campione degli intervistati indicano i funzionari che assegnano appalti tra le figure pił coinvolte in pratiche corruttive e il 27,9 per cento ritiene la pratica degli appalti truccati tra le attivitą che sono pił legate alla presenza mafiosa.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche