News

Per il tribunale tedesco i nomi di Falcone e Borsellino non meritano tutela

La rete europea CHANCE esprime rammarico per la sentenza della Corte di giustizia di Francoforte.

La rete CHANCE – Civil Hub Against orgaNised Crime in Europe – promossa da Libera, mafianeindanke, Eine Welt Leipzig e molte altre organizzazioni partner in tutta Europa, esprime profondo rammarico per la decisione della Corte distrettuale di giustizia di Francoforte.

A soli due mesi dalla celebrazione per la “risoluzione Falcone” proclamata a conclusione della Conferenza degli Stati aderenti alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata transnazionale a Vienna, è triste leggere le pagine di questa sentenza.

Il processo ha visto Maria Falcone, sorella di Giovanni Falcone, e la Fondazione Falcone in tribunale contro la pizzeria “Falcone & Borsellino” di Francoforte, con la richiesta di rimozione del nome e del marchio da qualsiasi tipo di materiale pubblicitario. La pizzeria, inoltre, affianca l’immagine dei giudici a quella di Marlon Brando ne “Il Padrino” e a fori di proiettile. I giudici di Francoforte – nonostante abbiano riconosciuto nella sentenza il lavoro e il grande coraggio di Giovanni Falcone come magistrato – non hanno ritenuto fossero ragioni sufficienti per tutelarne a pieno il nome in territorio tedesco. La sentenza, infatti, afferma che il nome “Falcone” non sia diffusamente conosciuto e collegato alla figura del magistrato in Germania, vista la distanza temporale dalla sua uccisione. Inoltre, viene presupposta una distinzione tra un pubblico esperto “di procuratori e criminologi” che conoscerebbe, anche in Germania, l’importanza di Falcone, e il pubblico di riferimento della decisione, che invece comprende – secondo i giudici – le “persone che frequentano i ristoranti”, alludendo alle carenze conoscitive di questo ultimo. 

Questa decisione non contribuisce in alcun modo a combattere gli stereotipi mafiosi, molto comuni e pericolosi fuori dai confini italiani, perché portatori di un’immagine fuorviante di cosa siano le mafie e quale pericolo rappresentino per una società libera ed equa. In questa occasione i giudici avrebbero avuto la possibilitá di sostenere le forze democratiche, entrando più approfonditamente nel merito della questione e non limitandosi solo all’applicazione dei paragrafi legislativi. 

Con la sentenza della Corte di Francoforte emerge inoltre che quella memoria che in Italia è preservata e tutelata, in Germania non può essere protetta con le leggi attuali – e figure ampiamente riconosciute come i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino possono così diventare oggetto di abuso e dileggio.

Come rete europea CHANCE siamo sempre più convinti dell’importanza di costruire una memoria comune europea delle vittime della criminalità organizzata e delle mafie. È fondamentale continuare il lavoro di sensibilizzazione e informazione anche in Europa, affinché decisioni come questa in futuro tengano conto del grave danno culturale che sono in grado di generare.


 

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche