News

Vivi compie quattro anni!

Vivi,il web doc diventa più ricco, più fruibile, più agile. Sempre più un punto di riferimento serio per quanti vogliono approfondire il tema della memoria.

Vivi è un web-doc dedicato alla memoria delle vittime innocenti delle mafie, un luogo virtuale in cui incontrare le vite di persone realmente vissute. E’ una fonte ricchissima di risorse documentali, immagini, testimonianze, spunti di riflessione e campagne comunicative legate agli obiettivi che vogliamo realizzare, sempre attenti alle esigenze che la costruzione quotidiana di una memoria comune ci suggerisce.

In questi anni Vivi è stato arricchito di contenuti ed è diventato sempre più un punto di riferimento serio per quanti vogliono approfondire queste tematiche. Consapevoli del valore di questo percorso abbiamo realizzato alcuni cambiamenti importanti, per rendere il sito ancora più fruibile, veloce e agile.

Appena si entra nel sito incontriamo immagini importanti per la nostra memoria storica. Da ora in poi possiamo comprendere quali siano i contenuti in evidenza attraverso una nuova Homepage, a cui si accede con il pulsante Skip intro. Avremo così, a portata di lettura le campagne comunicative in evidenza a cui sarà possibile aderire attraverso una call to action; così come sarà più veloce la consultazione del Calendario della Memoria. Ci si potrà, inoltre, iscrivere alla newsletter di Libera per poter ricevere gli aggiornamenti sugli argomenti che seguiamo.

Infine, consapevoli di quanto sia importante poter accedere ai contenuti di Vivi in ogni momento e luogo da mobile, il sito ha ricevuto un vero e proprio restyling per permettere una più facile e immediata consultazione attraverso cellulare o tablet.

Il cuore di Vivi è la narrazione delle storie delle persone che la violenza mafiosa ha reso vittime e grazie alle segnalazioni di coloro che ci hanno scritto, utilizzando l’indirizzo email dedicato, abbiamo conosciuto nuove storie. L’intero aggiornamento del sito è rivolto a permettere a sempre più persone di conoscere le singole storie, ma anche di completarle attraverso l’invio di materiale prezioso.

In questo modo ci auguriamo che Vivi possa essere sempre più, l’espressione della memoria comune che contraddistingue l’identità di una comunità consapevole che il cambiamento parte dalla conoscenza di un passato vitale nell’oggi.

Progetto
News correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche