News

Prende il via ExtraLibera,le giornate di Contromafiecorruzione

Mafie sempre "imprenditrici"capaci di padroneggiare i meccanismi più sofisticati della finanza ma l'Italia risulta agli ultimi posti, tra i paesi del Consiglio d'Europa, per il numero di persone in carcere per i reati economici-finanziari

Il giornalisti che voglio seguire l' evento devono registrarsi compilando il modulo accredito

 

Due giorni di lavoro e di confronto per fare il punto sullo stato della lotta alle mafie e alla corruzione nel nostro Paese, con un'attenzione particolare a quanto accade in Europa e nel resto del mondo mettendo insieme esperienze e concretezze. Al via ExtraLibera, le giornate di Contromafiecorruzione di Libera che si svolgeranno a Roma, presso Auditorium Parco della Musica venerdì 29 e sabato 30 aprile 2022. Obiettivo della due giorni denunciare il pericolo di una “normalizzazione” dell'infezione virale mafiosa e corruttiva, infezione da cui il nostro Paese deve decidersi di guarire una volta per tutte. Normalizzazione perché l'attuale variante del virus mafioso è all'apparenza asintomatica, agisce sottotraccia minando nell'ombra le basi della democrazia. La due giorni di Contromafiecorruzione sono la conclusione di un percorso durato due mesi con oltre 1000 partecipanti che hanno animato gli 11 gruppi di lavoro (dall'educazione e ricerca per contrastare mafie e corruzione, all’aggressione dei patrimoni criminali ed il riutilizzo sociale dei beni confiscati, dalla transizione ecologica e lotta all’ecomafia, al cyber crimine e criptovalute, dalla libertà d'informazione ai percorsi per l’affermazione dei diritti delle vittime innocenti delle mafie, dall'intreccio mafie e politiche alla lotta alla corruzione, dalle politiche sociali per sconfiggere mafie e disuguaglianze alla globalizzazione delle mafie), con il contributo di oltre 100 relatori promossi dalla rete di Libera, da Legambiente ad Avviso Pubblico, dall'Agesci ai Sindacati.

Oggi le mafie – denuncia Libera- hanno cambiato abiti e modi, avendo scoperto che attraverso manovre finanziarie è possibile riciclare, investire, moltiplicare i loro patrimoni senza ricorrere con la frequenza di prima alla violenza diretta. Sono diventate così mafie “imprenditrici”, capaci di padroneggiare i meccanismi più sofisticati della finanza, di prevedere e in parte influenzare, col peso dei loro patrimoni, le fluttuazioni delle Borse, di assicurarsi le prestazioni di professionisti e tecnici di prim’ordine.

E nonostante la nuova visione “moderna” del manager mafioso l'Italia, risulta agli ultimi posti, tra i paesi del Consiglio d'Europa, per il numero di persone in carcere per i reati economici-finanziari. Libera ha elaborato le statistiche penali del Consiglio d'Europa al 31 gennaio 2020 dove su 41.679 persone detenute in carcere solo 1% pari a 418 persone sono detenute per i tipici reati dei “colletti bianchi”, ossia i crimini dei potenti troppo spesso impuniti. Una percentuale irrilevante se paragonata al 5% di persone detenute in carcere per reati economici finanziari su oltre 49mila detenuti di Francia e Spagna e l'11% su oltre50mila detenuti della Germania. Da evidenziare che nel nostro paese, secondo le statistiche penali del Consiglio d'Europa, su 41.679 persone detenute in carcere ben il 31% sono detenute per droga, tra i valori più alti in assoluto.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche