Approfondimenti

Donne coraggiose

In un video Luigi Ciotti parla di Margherita e Giovanna, due donne innamorate della vita, della verità e della giustizia.

Margherita è Margherita Asta, amica e sorella a me molto cara. Ho celebrato il suo matrimonio con Enrico nel 2011 accompagnandola su sua richiesta all’altare, perché il papà Nunzio era già mancato.

Margherita è figlia di Barbara e sorella maggiore di Giuseppe e Salvatore Asta, uccisi nella strage di Pizzolungo il 2 aprile 1985 nell’attentato al giudice Carlo Palermo, uscito miracolosamente illeso.

Giovanna è Giovanna Galatolo. Figlia del boss Vincenzo, condannato, pochi giorni fa, il 13 novembre a trent’anni di carcere, uno dei mandanti della strage. Sono passati trentacinque anni da quell’orrenda carneficina: tanti, troppi, per sapere un pezzo di verità. Il corso della giustizia è ancora molto ostacolato da chi sta dalla parte delle mafie. Da chi opera, invece che per la verità, per il potere e la menzogna.

Margherita è una donna fuori dal comune. Dopo Pizzolungo ha fatto quello che solo pochi riescono a fare: reagire a un dolore insostenibile per cercare la verità sulla mamma e i suoi fratellini. Decisa a lottare contro l’omertà, l’indifferenza e la rassegnazione diffuse. Messa di fronte a un bivio, tra il disperarsi, il dolore, il ripiegarsi su se stessa, e l’impegnarsi a scelte d’impegno. Da molti anni è una delle colonne portanti di Libera.

Giovanna nel 2013 si è liberata di un peso interiore che la schiacciava sin da quando era bambina, tarlo che non le dava pace. E ha raccontato cosa accadde il giorno di Pizzolungo, quando la televisione diede notizia della strage: la madre che si scaglia contro il marito al grido “i bambini non si toccano!”, e il marito che reagisce picchiandola. La testimonianza di Giovanna è stata importante per fare emergere un pezzo di verità.Ha percorso la stessa strada di Rita Atria e Lea Garofalo, ribellandosi alla cultura mafiosa in cui era stata allevata. Strada molto rischiosa che oggi anche altre donne percorrono per garantire a se stesse e ai loro figli una vita libera dalle mafie, rompendo il vincolo dell’obbedienza, del silenzio, del segreto.

Margherita ha detto che incontrerebbe molto volentieri GiovannaSono un esempio, per il nostro Paese. Esempio di quel coraggio e integrità morale che oggi hanno soprattutto volto femminile. Forse perché le donne, in quanto generatrici di vita, accettano meno degli uomini vedere la vita sfregiata e uccisa. Margherita e Giovanna: strade luminose di speranza e di futuro.

Luigi Ciotti

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche