Giustizia // Beni Confiscati

Confiscati bene 2.0

L’attività di contrasto alle mafie deve colpire con priorità assoluta gli aspetti patrimoniali ed economici delle organizzazioni criminali, soprattutto con la confisca dei beni ed il loro riutilizzo per finalità sociali. Riportare al "bene comune" le ricchezze acquisite in maniera illegale assume il profondo significato di rafforzare le azioni di prevenzione e repressione della criminalità organizzata. I beni confiscati, oltre ad avere un valore economico intrinseco da riutilizzare socialmente, costituiscono testimonianze culturali della bellezza dell'etica pubblica. La loro valorizzazione può essere un punto di partenza per la riqualificazione del contesto culturale, sociale e urbano dei territori. Alcuni beni confiscati sono poi "materialmente" beni culturali, edifici di pregio artistico o opere d'arte sottratti alla criminalità organizzata e possono divenire strumenti di riscatto e di educazione alla bellezza. 

Le azioni principali

Confiscati bene 2.0 vuole essere una strategia di attivazione della comunità monitorante in tutta Italia, che, attraverso la realizzazione di un portale web nazionale, porterà alla trasparenza e promozione del riutilizzo sociale dei beni confiscati. 

Saranno due le linee di azione principali: 

  • raccogliere, creare, fornire dati in open data completi, fruibili, aggiornati, tanto sul bene quanto sulla “vita” del bene; 
  • generare comunità che si occupano, si interessano e operano sui beni confiscati, rendendoli luogo di partecipazione tramite il monitoraggio civico, il racconto di best practice istituzionali, la promozione di progettualità degli enti gestori, al fine di rendere i beni confiscati volano di coesione territoriale. 

Il progetto è realizzato in partenariato con associazione OnData e con il contributo di Fondazione TIM che è espressione dell'impegno sociale di TIM e la cui missione è promuovere la cultura del cambiamento e dell'innovazione digitale, favorendo l’integrazione, la comunicazione, la crescita economica e sociale. 

Approfondimento
BeneItalia - Quaderni di Libera con Narcomafie
Beni Confiscati

BeneItalia - Quaderni di Libera con Narcomafie

Libera, con il sostegno della Fondazione Charlemagne Italiana onlus, ha realizzato la ricerca "BeneItalia. Economia, welfare, cultura, etica: la generazione di valori nell'uso sociale dei beni confiscati alle mafie".

Progetto
E!State Liberi!
Campi Estivi

E!State Liberi!

Campi di impegno e formazione sui beni confiscati è un progetto finalizzato alla valorizzazione e alla promozione del riutilizzo sociale dei beni confiscati e sequestrati alle mafie.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche