News

Ciotti su approvazione al Senato decreto "sblocca cantieri"

Si sta concimando il terreno su cui potrà attecchire rigogliosa la malapianta della corruttela futura.

Il decreto “sblocca cantieri” di cui molti autorevoli tecnici e magistrati – pur riconoscendo la necessità di una misura del genere - hanno sottolineato le debolezze, le ambiguità e il potenziale criminogeno, è un chiaro e deprecabile esempio di come la giustizia sociale possa essere sacrificata ai giochi di potere di una politica che ha perso l’orizzonte fondamentale dell’etica del bene comune. Più spazio alla corruzione, con l'incremento di poteri arbitrari dei commissari straordinari svincolati da regole e controlli. Più spazio alle infiltrazioni mafiose, con l'innalzamento della soglia di lavori subappaltabili. Più spazio ai cartelli di imprenditori, i soli capaci di volgere a proprio vantaggio un meccanismo insensato di assegnazione delle gare con criteri casuali di esclusione delle offerte. Meno spazio ai diritti e alla sicurezza dei lavoratori, ancora sacrificati sull'altare del profitto, per quanto spesso illecito. Meno spazio a competenze e professionalità, data l'eliminazione di un albo dei professionisti imparziali per le commissioni di gara e la delega alle imprese dell'elaborazione dei progetti esecutivi nell'appalto integrato. In poche parole, si sta concimando il terreno su cui potrà attecchire rigogliosa la malapianta della corruttela futura. 

Luigi Ciotti, Presidente nazionale Libera

Approfondimento
Decreto sblocca cantieri
News // Anticorruzione Civica

Decreto sblocca cantieri

Libera: "Lo scenario che si delinea dalla futura applicazione del decreto somiglia all'Eden della corruzione futura e delle infiltrazioni di imprese mafiose".

News correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche