Campo Tematico per singoli a Messina

  • Luogo: Messina (ME) - Sicilia
  • A chi è rivolto: singoli maggiorenni
  • Quota di partecipazione: 140,00 euro/persona
  • Posti disponibili: 12
  • Tipologia alloggio: letto
  • Campo tematico: Si
  • Periodo: dal 8 luglio 2019 al 14 luglio 2019
  • Posti esauriti

On The Road - le strade dell'antimafia sociale

“Basta seguire la strada e prima o poi si fa il giro del mondo” cosi scrive Jack Kerouac nel libro che da il nome al nostro campo. “On the road”, per strada, incontreremo testimonianze ed esperienze concrete per comprendere che “antimafia sociale” significa impegno condiviso, a partire dal territorio e dentro la comunità.

Attraverso le organizzazioni e le associazioni impegnate nel Presidio di Libera intitolato a “Nino e Ida Agostino” scopriremo la storia del fenomeno mafioso di Messina e provincia, in particolare comprendendo la funzione del pizzo e delle estorsioni quali strumenti di controllo del territorio e le strategie di prevenzione e contrasto al racket. Le attività del campo prenderanno le mosse dal bene “liberato” di Via Roosvelt che ospita la sede del Comitato Addiopizzo Messina Onlus, uno spazio di educazione al consumo critico e al supporto ai commercianti che denunciano. Sarà un’esperienza fortemente dinamica che consentirà di conoscere ed approfondire aspetti di una mafia anomala, che si è radicata su un territorio cuscinetto tra Palermo, Catania e la Calabria. Lungo le strade della “città babba”, attraverseremo luoghi di memoria e di impegno che raccontano di chi ieri e oggi ha contrastato e contrasta la presenza pervasiva delle mafie. Non saranno solo le storie di giornalisti, poliziotti, magistrati, ma anche di tante cittadine e cittadini, realtà associative e di volontariato, comitati e comunità, che nella rete territoriale di Libera a Messina, e non solo, realizzano quotidianamente azioni concrete di riscatto e di costruzione di percorsi di giustizia sociale.

Da ormai quasi dieci anni il Presidio di Libera a Messina, attraverso un'azione di coinvolgimento di giovani, scuole, associazioni e sindacati rappresenta un'opportunità per sperimentare spazi di partecipazione ed impegno non solo per dire “no” alle mafie ma per fare i tanti “si” su cui fondare una società libera, giusta ed uguale.

 

Attività previste

Le attività formative saranno realizzate attraverso incontri e testimonianze, non soltanto presso il bene confiscato, ma andando a trovare i protagonisti delle storie di impegno in luoghi significativi della città di Messina e della sua provincia come il Palazzo di Giustizia, l'Università, alcuni Quartieri di periferia, ambiti nei quali la criminalità mafiosa ha attuato negli anni le sue strategie di controllo del territorio, condizionando l'economia e la società messinese nel suo complesso.

Questo percorso consentirà la scoperta e la conoscenza del territorio e della comunità anche attraverso la storie esemplari di bellezza e riscatto come quella di “Gigliopoli, la città dei bambini spensierati”, situata a Capo Milazzo, uno dei luoghi più suggestivi e incontaminati della Sicilia.

Le attività manuali previste, oltre ad interventi di manutenzione creativa presso il bene confiscato, si inseriranno nelle azioni di promozione del consumo critico e di contrasto al racket delle estorsioni, già attivate dal Presidio di Libera insieme al Comitato Addiopizzo Messina Onlus.

Nello specifico si realizzeranno interventi di animazione territoriale, insieme ad attivisti e operatori, per la divulgazione di materiali e documentazione indirizzati alla comunità ed in particolare ai commercianti.

 

Informazioni pratiche 

Come arrivare

in treno

DA VILLA SAN GIOVANNI: STAZIONE FS VILLA S.G. + TRAGHETTAMENTO con Caronte & Tourist o Bluferries

DA SICILIA: STAZIONE FS MESSINA CENTRALE E QUINDI TRAM

in aereo:

AEROPORTO DI CATANIA + PULLMAN SAIS AUTOLINEE

AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA + PULLMAN E TRAGHETTAMENTO con Liberty Lines da Reggio Calabria

Servizio Chiamabus

http://www.atam.rc.it/html/index.html

in autobus: AUTOBUS DI LINEA IN ARRIVO A STAZIONE CENTRALE FS DA TUTTE LE DESTINAZIONE

Da Palermo e Catania SAIS Autolinee

in auto: USCITA MESSINA CENTRO, DIREZIONE PROVINCIALE/VILLA DANTE

 

Ospitalità: I partecipanti dormiranno presso la foresteria - casa di accoglienza della Caritas Diocesana.

 

Alimentazione: La cucina sarà coogestita. Previa indicazione è prevista l'organizzazione del pasto anche per vegetariani, vegani, celiaci ed allergie varie.

 

Materiali obbligatori da portare: biancheria da letto e personale, asciugamani, scarpe comode, ciabatte, vestiti leggeri, borraccia.

Materiali consigliati: crema solare, costume da bagno e repellente antizanzare.

 

Storia del bene confiscato

Il bene confiscato di Via Roosevelt 6 a Messina era in precedenza un appartamento di proprietà di Letterio Sollima, esponente del clan Sparacio dedito all’usura e cognato del boss Luigi.

Nei primi anni ’90 è stato oggetto del primo provvedimento di sequestro, giunto poi a confisca definitiva nel 2000. Il bene è stato assegnato ad Addiopizzo Messina nel 2012, attraverso una gara pubblica bandita dal Comune di Messina.

Dopo l’affidamento, l’appartamento, chiuso e lasciato in stato di abbandono per circa venti anni, è stato ristrutturato da Addiopizzo che vi ha realizzato una sala multimediale attrezzata, una web radio, una bottega con i prodotti di Libera Terra ed una biblioteca sociale.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne.

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche