Giustizia // Memoria e Impegno

Beneitalia

A vent’anni dall’approvazione della legge 109/96, Disposizioni in materia di gestione e destinazione di beni sequestrati o confiscati, Libera, con il sostegno di Fondazione Charlemagne, ha realizzato una ricerca sui beni confiscati alle mafie e riutilizzati socialmente. La realizzazione di una ricerca sui beni effettivamente riutilizzati risponde a due esigenze di fondo: 

  • colmare una lacuna informativa e di portare i suoi risultati al servizio del compito istituzionale dell'ANBSC - Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata - e di tutti gli attori, pubblici e privati, coinvolti nei processi di valorizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata; 
  • attraverso la diffusione di dati trasparenti, aggiornati e pubblici sui beni riutilizzati, far conoscere le potenzialità positive di questi luoghi. 

Sono oltre 650 realtà tra associazioni e cooperative sociali che gestiscono beni confiscati in tutta Italia, prevalentemente appartamenti, ville e terreni. La Sicilia è la regione con il maggior numero di realtà sociali che gestiscono beni confiscati con 134 soggetti gestori, seguita dalla Lombardia con 127, Campania con 110 e Calabria con 90 soggetti gestori. Tra le realtà sociali impegnate in progetti di riutilizzo il maggior numero è costituito da associazioni di varia tipologia e cooperative sociali che gestiscono per lo più appartamenti e ville.

Pubblicazione
Libera il bene
Giustizia // Beni Confiscati

Libera il bene

Il fascicolo "Libera il bene, dal bene confiscato al bene comune" è un documento di particolare interesse con molti numeri, alcune storie e diverse infografiche e testimonia una parte significativa dell'impegno della Chiesa nella costruzione della legalità.

Progetto
E!State Liberi!
Campi Estivi

E!State Liberi!

Campi di impegno e formazione sui beni confiscati è un progetto finalizzato alla valorizzazione e alla promozione del riutilizzo sociale dei beni confiscati e sequestrati alle mafie.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche