News

San Giusto Canavese (TO): Incendiata la villa confiscata al re della droga

Libera: "Non dobbiamo lasciarci impaurire e non cancelleremo gli appuntamenti già in calendario nella villa del boss"

È una notizia grave, un fatto praticamente unico in Piemonte. A San Giusto Canavese (TO), territorio da tempo infiltrato dalla 'ndrangheta, il bene appartenuto a Nicola Assisi, oggi confiscato e in attesa di essere assegnato per essere restituito alla collettività, è stato gravemente danneggiato. Un incendio, di natura dolosa a opera di ignoti. Un chiaro avvertimento, con due bombole di gas vuote lasciate nel centro delle stanze. Il bene, appartenuto a uno dei più importanti narcotrafficanti italiani, ancora oggi latitante, è un simbolo della presenza delle mafie nel nostro territorio.

L'atto, chiaramente intimidatorio, dimostra la volontà di Assisi di provare a fermare il percorso per restituire quel bene alla cittadinanza. Libera Piemonte, che nella villa ha ricordato l'assassinio di Pio La Torre e di Rosario Di Salvo lo scorso 30 aprile, non si lascia impaurire dalla minaccia portata a segno e non ha nessuna intenzione di cancellare gli appuntamenti che in quel luogo aveva in calendario. 

Il prossimo 16 giugno, infatti, saremo a San Giusto Canavese per l'assemblea Regionale della nostra rete, alla presenza dei tanti volontari che quotidianamente lavorano per far rinascere i beni confiscati e per portare avanti percorsi formazione e sensibilizzazione, con Luigi Ciotti, Gian Carlo Caselli, il Prefetto Renato Saccone, i rappresentanti delle forze dell’ordine, le istituzioni del territorio, dimostrando che le mafie si possono sconfiggere e che la legalità conviene. Saremo in quella villa per continuare il percorso che porterà all'assegnazione di quel bene e per dimostrare che lo Stato può vincere sulle mafie, se la lotta si porta avanti uniti.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003 e/o successive integrazioni o modifiche