News

Terra, solchi di verità e giustizia

Replicando la “formula” adottata negli ultimi due anni, prima a Messina, e lo scorso anno a Locri, Foggia sarà il 21 marzo la “piazza” principale, ma simultaneamente, in migliaia di luoghi d’Italia, dell’Europa e dell’America Latina, la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie verrà vissuta attraverso la lettura dei nomi delle vittime e, di seguito, con momenti di riflessione e approfondimento. Insieme per ricordare le oltre 900 vittime innocenti delle mafie con la lettura dei loro nomi e farsi portavoce di una richiesta di verità e giustizia. A sottolineare – non solo simbolicamente – che per contrastare le mafie e la corruzione occorre sì il grande impegno delle forze di polizia e di molti magistrati, ma prima ancora occorre diventare una comunità solidale e corresponsabile, che faccia del “noi” non solo una parola, ma un crocevia di bisogni, desideri e speranze. Volti di un Paese magari imperfetto, ma pulito e operoso, che non si limita a constatare ciò che non va, ma si mette in gioco per farlo andare.

 

Piazze regionali 

Piemonte - Salluzzo (CN)

Liguria – Sarzana (SP)

Umbria - Assisi

Veneto - Padova

Trentino - Rovereto

Marche - Jesi

Calabria - Vibo Valentia

Campania - Pompei-Scafati

Friuli VG - Muggia (TS)

Lombardia - Mantova

Molise - Campobasso

Emilia - Parma

Abruzzo - Sulmona

Valle d'Aosta - St. Vincent

Toscana - Pisa

Puglia - Foggia

Alto Adige - Bolzano

Sardegna – Alghero

Sicilia - Agrigento

Approfondimento
play
#21marzosocialday
Memoria e Impegno // 21 marzo

#21marzosocialday

Il 21 marzo 2016 più di 350.000 persone si sono ritrovate insieme in migliaia di piazze, scuole, parrocchie e associazioni in tutta Italia.
Il racconto della Giornata della memoria e dell'impegno attraverso gli occhi di chi l'ha vissuta.

News correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani informato sulle nostre iniziative e campagne

Ho letto l'informativa sulla Privacy e autorizzo Libera a processare i miei dati personali secondo il Decreto Legislativo 196/2003