Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Firmata convenzione tra Libera e sette atenei milanesi

Venerdì 14 marzo 2014, presso il rettorato del Politecnico di Milano è stata sottoscritta la Convenzione per un piano di cooperazione culturale e formativa tra "LIBERA. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" e sette atenei milanesi: IULM Libera Università di Lingue e Comunicazione, Politecnico di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Università Commerciale Luigi Bocconi, Università degli Studi Bicocca-Milano, Università degli Studi di Milano, e NABA Nuova Accademia Belle Arti.
È la prima volta in Italia che un accordo del genere vede la luce e la convenzione formalizza la collaborazione avviata fin dal 2010, quando la Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie si svolse a Milano e i rettori diedero a Libera la disponibilità a lavorare insieme, partendo dalla comune consapevolezza dell'accresciuta minaccia rappresentata dalle mafie nella regione e in città.
Nell'arco di più di tre anni sono stati realizzati oltre dieci seminari interuniversitari e sono state promosse diverse iniziative a latere che hanno visto protagonisti docenti e studenti, insieme ai cittadini per la diffusione della cultura della legalità, unico vero anticorpo alla violenza mafiosa e alle pratiche di corruzione connesse.
La convenzione sottoscritta dal presidente di Libera, Don Luigi Ciotti e dai rettori e dai legali rappresentanti delle sette Università milanesi prevede la realizzazione di "uno o più seminari (con cadenza almeno annuale), aperti agli studenti anche degli altri Atenei, sui temi della criminalità organizzata, della sua storia, delle sue cause sociali e politiche, delle possibilità di prevenzione, con particolare riferimento alla presenza della criminalità organizzata nel territorio milanese e più in generale nel Nord Italia".
Altro punto fondante la convenzione è la collaborazione "nella realizzazione e nella produzione di attività di ricerca e documentazione aggiornata sulla presenza delle organizzazioni mafiose nel Nord, con particolare riguardo alla regione Lombardia, e a renderle disponibili agli altri sottoscrittori".
Sono previsti poi il rilascio di crediti formativi, incontri con esperti dell'associazionismo e delle università e un impegno comune nella diffusione dei contenuti e delle elaborazioni al di fuori della comunità scientifica universitaria, nell'ottica di una diffusione dei saperi e delle notizie a quanti più cittadini possibili.
Insomma un nuovo punto di partenza nella collaborazione positiva fin qui sperimentata.
Don Ciotti al riguardo ha manifestato la propria soddisfazione: "E' la cultura che dà la sveglia alle coscienze e quanto viene sottoscritto oggi a Milano è un passo fondamentale nella costruzione di una corresponsabilità, uno scatto in avanti di tutti nel momento in cui le mafie hanno ripreso alla grande i propri traffici. Dal mondo delle università e da Libera viene un segnale importante, perché tutti si rendano conto che la conoscenza, lo studio, l'approfondimento sono fondamentali nella battaglia contro le mafie e la corruzione".

Info: Susanna Schwarz (schwarz.susa@gmail.com, cell. 347/1514518), responsabile per LIBERA Milano della formazione universitaria e a Lorenzo Frigerio (lorenzo.frigerio@fastwebnet.it, cell. 335/1203515), Fondazione LIBERA INFORMAZIONE

Comunicati

  1. Libera su omicidi a San Marco in Lamis (Foggia)

    L'agguato del 9 agosto è la dimostrazione che siamo davanti una guerra criminale, feroce e violenta, una guerra in atto da tempo ma sottovalutata. Foggia, la Capitanata , il Gargano sono teatro di di una lunga scia di sangue che confermano ulteriormente una presenza mafiosa violenta e ben radicata nel territorio.

  2. Don Ciotti, necessario politica torni parlare con le persone

    Perche' la democrazia torni a essere "potere del popolo" e' necessario che la politica torni a parlare con le persone e non alle persone. E necessario che agisca con loro, non al loro posto". Cosi' don Luigi Ciotti, presidente di Libera, a margine di un incontro a Rispescia (Grosseto) dove e' in corso Festambiente.

  3. La rivolta delle donne, una crepa nelle mafie

    I momenti di silenzio e di preghiera, la riflessione e l'attenzione ai segni di speranza non possono andare in ferie. Tanto più se quei segni annunciano possibili svolte e cambiamenti, conquiste o riconquiste di civiltà. Nel mondo chiuso e violento delle mafie sta avvenendo un fatto nuovo e potenzialmente di-rompente: la rivolta delle donne, la presa di coscienza dei giovani. Leggi l'editoriale di don Luigi Ciotti sul numero 32 di Famiglia Cristiana