Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Firmata convenzione tra Libera e sette atenei milanesi

Venerdì 14 marzo 2014, presso il rettorato del Politecnico di Milano è stata sottoscritta la Convenzione per un piano di cooperazione culturale e formativa tra "LIBERA. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" e sette atenei milanesi: IULM Libera Università di Lingue e Comunicazione, Politecnico di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Università Commerciale Luigi Bocconi, Università degli Studi Bicocca-Milano, Università degli Studi di Milano, e NABA Nuova Accademia Belle Arti.
È la prima volta in Italia che un accordo del genere vede la luce e la convenzione formalizza la collaborazione avviata fin dal 2010, quando la Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie si svolse a Milano e i rettori diedero a Libera la disponibilità a lavorare insieme, partendo dalla comune consapevolezza dell'accresciuta minaccia rappresentata dalle mafie nella regione e in città.
Nell'arco di più di tre anni sono stati realizzati oltre dieci seminari interuniversitari e sono state promosse diverse iniziative a latere che hanno visto protagonisti docenti e studenti, insieme ai cittadini per la diffusione della cultura della legalità, unico vero anticorpo alla violenza mafiosa e alle pratiche di corruzione connesse.
La convenzione sottoscritta dal presidente di Libera, Don Luigi Ciotti e dai rettori e dai legali rappresentanti delle sette Università milanesi prevede la realizzazione di "uno o più seminari (con cadenza almeno annuale), aperti agli studenti anche degli altri Atenei, sui temi della criminalità organizzata, della sua storia, delle sue cause sociali e politiche, delle possibilità di prevenzione, con particolare riferimento alla presenza della criminalità organizzata nel territorio milanese e più in generale nel Nord Italia".
Altro punto fondante la convenzione è la collaborazione "nella realizzazione e nella produzione di attività di ricerca e documentazione aggiornata sulla presenza delle organizzazioni mafiose nel Nord, con particolare riguardo alla regione Lombardia, e a renderle disponibili agli altri sottoscrittori".
Sono previsti poi il rilascio di crediti formativi, incontri con esperti dell'associazionismo e delle università e un impegno comune nella diffusione dei contenuti e delle elaborazioni al di fuori della comunità scientifica universitaria, nell'ottica di una diffusione dei saperi e delle notizie a quanti più cittadini possibili.
Insomma un nuovo punto di partenza nella collaborazione positiva fin qui sperimentata.
Don Ciotti al riguardo ha manifestato la propria soddisfazione: "E' la cultura che dà la sveglia alle coscienze e quanto viene sottoscritto oggi a Milano è un passo fondamentale nella costruzione di una corresponsabilità, uno scatto in avanti di tutti nel momento in cui le mafie hanno ripreso alla grande i propri traffici. Dal mondo delle università e da Libera viene un segnale importante, perché tutti si rendano conto che la conoscenza, lo studio, l'approfondimento sono fondamentali nella battaglia contro le mafie e la corruzione".

Info: Susanna Schwarz (schwarz.susa@gmail.com, cell. 347/1514518), responsabile per LIBERA Milano della formazione universitaria e a Lorenzo Frigerio (lorenzo.frigerio@fastwebnet.it, cell. 335/1203515), Fondazione LIBERA INFORMAZIONE

Comunicati

  1. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  2. Puliamo il Mondo

    "Aderiamo a Puliamo il mondo perché è necessario riscoprire le responsabilità che abbiamo verso la Terra, base della nostra vita e nostra casa comune. Come dice papa Francesco, questione ambientale e questione sociale sono facce di una stessa medaglia. Ecco allora che ripulire il mondo non vuol dire solo liberarlo dalla sporcizia materiale, ma bonificarlo da quel diffuso inquinamento etico che genera disuguaglianze, esclusione, barriere fisiche e culturali" ha dichiarato don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele.

  3. La Provincia di Varese - Don Luigi e la sua forza nella bellezza delle montagne

    Francesco Caielli racconta l'incontro con don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, avvenuto in alta montagna dove "le urla sono ovattate e le differenze sono azzerate dalla bellezza e dalla fatica"