Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Le mafie restituiscono il maltolto

Conferenza nazionale sui beni confiscati alle mafie

 
Dieci proposte per ripartire chiediamo, al Governo e al Parlamento  urgenti modifiche normative finalizzate a:
1) difendere e rafforzare il principio del riutilizzo sociale dei beni confiscati, prevedendo la loro vendita solo in casi residuali;
2) assicurare che l'Agenzia nazionale possa funzionare veramente con personale qualificato e un'unica sede a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei ministri;
3) rafforzare le sezioni misure di prevenzione dei Tribunali per far fronte ai tanti sequestri del valore di centinaia di milioni di euro;
4) dare piena attuazione all'albo degli amministratori giudiziari per poter contare su professionalità adeguate;
5) utilizzare il più possibile le liquidità rimaste troppo a lungo bloccate nel Fondo unico giustizia;
6) garantire l'accesso al credito per lo start up di cooperative e imprese giovanili;
7) prevedere la destinazione delle risorse della programmazione dei fondi comunitari 2014-2020 per il sostegno ai progetti sui beni e sulle aziende confiscate;
8) tutelare i lavoratori onesti delle aziende e a incentivare la nascita di cooperative di dipendenti;
9) estendere la possibilità di destinare le aziende per le finalità sociali e agli enti territoriali;
10) assegnare in via anticipata i beni e aziende sin dalla fase del sequestro per evitare che rimangano inutilizzati e si perda il loro valore economico-sociale.
 
L'auspicio è che vengano approvate al più presto quelle proposte contenute nel disegno di legge di iniziativa popolare "Io riattivo il lavoro" promosso dalla CGIL e dal mondo sindacale e quelle inserite nel rapporto "Per una moderna politica antimafia" elaborato dalla Commissione istituita dal Governo Letta e presieduta dal Consigliere Roberto Garofoli. E chiediamo che le stesse vengano inserite - come dichiarato dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi - all'ordine del giorno del programma del semestre di Presidenza italiana del Consiglio europeo.
 

 
 
 
 

 
"Occorre rafforzare l'agenzia nazionale dei beni confiscati. E' inutile mantenere tante sedi sparse in Italia, meglio una sola, centrale, a Roma, presso la presidenza del Consiglio dei ministri. Piena attuazione dell'albo degli amministratori. Ne abbiamo tanti bravi ma bisogna distinguere per non confondere e valorizzare gli onesti, perché purtroppo ce ne sono stati anche tanti che hanno accumulato poteri su poteri. Inoltre bisogna garantire l'accesso al credito per le cooperative di giovani. E soprattutto ribadiamo il No alla vendita dei beni confiscati se non come ipotesi residuale, perché se non è residuale c'é altro dietro". Sono alcune delle proposte presentata da Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera nel suo intervento di apertura al Conferenza Nazionale sui beni confiscati promossa da Libera che si è svolta oggi a Roma alla presenza tra gli altri di Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali; Maurizio Martina, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali; Andrea Orlando, Ministro della Giustizia; Virginio Rognoni; Rosy Bindi, Presidente Commissione parlamentare antimafia; Franco Roberti, Procuratore Nazionale antimafia; Ignazio Marino, sindaco di Roma e con la partecipazione dei rappresentanti di circa 400 realtà sociali e che sono assegnatari di beni confiscati nel nostro Paese.

Durante la Conferenza Nazionale Libera ha presentato il primo censimento sulle buone prassi di utilizzo dei beni confiscati: sono 395 le realtà sociali censite e che sono assegnatari di beni confiscati nel nostro Paese. Il 65,8% delle 395 realta' censite da Libera si trova nel Sud Italia, il 25% nel Nord e il 9% nel centro Italia. La regione con il maggior numero di esperienze positive e' la Sicilia, con 99 buone prassi, seguita dalla Lombardia, con 75 realta' sociali, mentre terza e' la Campania, con 64. Nel dettaglio, il 58,5% del totale sono rappresentate dalle associazioni. Il 23,4% sono cooperative, mentre il 2,3% riguardano Fondazioni e Comunita'. Per quanto riguarda gli ambiti di settore, nel 22% dei casi le realta' sociali operano in attivita' per minori, il 13,4% operano con diversamente abili, il 13% nel reinserimento lavorativo, il 5,8% con soggetti farmacodipendenti, il 4% con anziani e migranti e il 2,7% con donne soggette a violenza; il restante 29,6% operano in altri settori.

Don Luigi Ciotti nel suo intervento di apertura ha ricordato il Prefetto Fulvio Sodano scomparso il 27 febbraio scorso e il Prefetto Renato Profili. "E' dimostrato - ha ribadito don Ciotti citando le parole del prefetto Sodano - che la confisca e' lo strumento piu' valido per aggredire i patrimoni mafiosi. Abbiamo bisogno di una normativa senza inutili orpelli che la appesantiscano, lo diceva Sodano e' adesso, ancora una volta, lo ribadiamo anche noi. Se non c'e' uno scatto deciso anche contro la corruzione non andremo avanti, a volte si muore di troppa prudenza, la situazione del nostro Paese non puo' piu' attendere, e' un problema di giustizia sociale".

Secondo gli ultimi dati dell'Agenzia Nazionale Beni Sequestrati riferiti 7 gennaio 2013 sono 12.946 i beni confiscati in Italia, di cui 11.238 immobili e 1.708 aziende. Le prime sei regioni per presenza di beni confiscati sono: Sicilia con 5.515 beni; Campania, con 1.918; Calabria con 1.811; Lombardia con 1.186; Puglia con 1.126 e Lazio con 645.

Durante la giornata Libera ha presentato due nuove campagne sui beni confiscati:  "Libera il Welfare, i beni confiscati per l'inclusione sociale" e "Impresa bene comune, il made in Italy dell'antimafia".

 
 
 

Impresa bene comune

Trasformare ogni azienda sottratta alle mafie in una risorsa in grado di sostenere il Paese in un momento di grande difficoltà economica e sociale. E' questo l'obiettivo della nuova campagna "Impresa Bene comune", promossa da Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, in collaborazione con Unioncamere, InfoCamere, le organizzazioni del mondo economico, imprenditoriale, sindacale e professionale, della cooperazione e della finanza etica, i Giovani imprenditori, i Giovani dottori commercialisti e i Giovani soci del credito cooperativo in una logica di responsabilità sociale d'impresa. Un'assunzione di responsabilità sociale che dovrebbe rappresentare una dimensione naturale dell'agire di ogni soggetto imprenditoriale, in quanto ne enfatizza la dimensione di istituto economico-sociale che, nel realizzare la sua tipica missione produttiva, inevitabilmente è in grado di fornire un contributo fondamentale allo sviluppo dell'economia ed alla crescita socio-culturale del Paese.La campagna "Impresa bene comune" si propone di coinvolgere il sistema imprenditoriale sano (il Made in Italy) del nostro Paese in un grande progetto di responsabilità sociale: condividere le esperienze imprenditoriali di successo e metterle al servizio del recupero, della salvaguardia e della valorizzazione delle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata, a beneficio dello sviluppo economico, della legalità e della tutela del lavoro. Obiettivi che hanno animato anche la recente proposta di legge di iniziativa popolare "Io riattivo il lavoro", promossa dalla CGIL e sostenuta anche da Libera, il cui iter di approvazione è iniziato in Commissione Giustizia alla Camera.

 
 
 
 

Libera il welfare

"Vogliamo che lo Stato sequestri e confischi tutti i beni di provenienza illecita, da quelli dei mafiosi a quelli dei corrotti. Vogliamo che i beni confiscati siano rapidamente conferiti, attraverso lo Stato e i Comuni, alla collettività per creare lavoro, scuole, servizi, sicurezza e lotta al disagio" Con queste parole cominciava la petizione popolare promossa da Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. Difficile fino a diciotto anni fa, immaginare che le ricchezze delle mafie potessero trasformarsi in opportunità di lavoro, in luoghi di stimolo alla partecipazione civile, di accoglienza, di servizi alla persona, di costruzione di comunità solidali. Oggi occorre articolare una proposta all'altezza del cambiamento di cui abbiamo bisogno. E' necessario partire dalle esperienze straordinarie ed originali dei territori; da una identità ideale e da valori comuni che mettano in rete le buone pratiche di riutilizzo a fini sociali. Si è assistito al moltiplicarsi di esperienze di rete sui beni confiscati, in tutto il paese.Sarà fondamentale costruire una banca dati in cui riportare e favorire lo scambio delle esperienze e delle "buone pratiche" legate alla gestione dei beni confiscati, pratiche come veri e propri modelli di interventi e servizi sociali integrati in grado di migliorare le condizioni di vita delle persone. L'uso sociale e produttivo dei beni confiscati, inoltre, pone al centro dell'attenzione il valore strategico della crescita dell'economia sociale, che produce beni e servizi d'utilità pubblica e beni relazionali, che tende alla ricchezza, intesa come beni comuni, della comunità intera, - oltre che occasioni d'occupazione - e nella quale il portato valoriale ed etico del mondo del volontariato e del no-profit ne diviene l'anima.

 
 

Comunicati

  1. LiberARTI - Il teatro nelle periferie

    Giovedì 30 giugno, alle ore 19, si terrà presso l'Oda Teatro l'incontro finale della prima parte del progetto "LiberARTI - Il teatro nelle periferie", realizzato da Libera Foggia in collaborazione con la compagnia teatrale Cerchio di Gesso e con il contributo della Fondazione Banca del Monte - Domenico Siniscalco Ceci.

  2. "Legittima difesa": netta contrarietà da Libera Liguria

    "In merito alla legge approvata quest'oggi dal Consiglio Regionale della Liguria sulla cosiddetta "legittima difesa" desideriamo ribadire, dopo averlo fatto già più volte in passato, la nostra netta contrarietà. In primo luogo, ci sembra illegittima l'equiparazione tra condotte lecite, poste in essere nei limiti dello scriminante della legittima difesa, e condotte illecite, poste in essere con eccesso colposo."

  3. Luigi Ciotti in ricordo del regista Giuseppe Ferrara

    "È stato un uomo di cultura generoso, scomodo, restio ai compromessi. Il suo cinema - anche nelle opere di finzione - si è sempre ispirato alla realtà, alle grandi questioni sociali e politiche del nostro tempo. Ha puntato la cinepresa sulle verità rimosse e manipolate. Ha scandagliato nei misteri della nostra storia recente (dal rapimento Moro al delitto Sindona, dalla strage di Ustica alla morte annunciata di Carlo Alberto dalla Chiesa e di Giovanni Falcone)."