Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Estate 2015: campi di volontariato sui terreni confiscati alla mafie

 
 


 

.
 

Tanti giovani scelgono di fare un'esperienza di volontariato e di formazione civile sui terreni e i beni confiscati alle mafie ed ora gestiti dalle cooperative sociali e dalle associazioni. Segno questo, di una volontà diffusa di essere "protagonisti" e di voler tradurre questo impegno in una azione concreta di responsabilità e di condivisione.

L'obiettivo principale dei campi di volontariato sui beni confiscati alle mafie è quello di diffondere una cultura fondata sulla legalità e giustizia sociale che possa efficacemente contrapporsi alla cultura della violenza, del privilegio e del ricatto. Si dimostra così, che è possibile ricostruire una realtà sociale ed economica fondata sulla pratica della cittadinanza attiva e della solidarietà. Caratteristica fondamentale di E!State Liberi è l'approfondimento e lo studio del fenomeno mafioso tramite il confronto con i familiari delle vittime di mafia, con le istituzioni e con gli operatori delle cooperative sociali. L'esperienza dei campi di volontariato ha tre momenti di attività diversificate: il lavoro agricolo o attività di risistemazione del bene, la formazione e l'incontro con il territorio per uno scambio interculturale.

E!state Liberi è la rappresentazione più efficace della memoria che diventa impegno, è il segno tangibile del cambiamento necessario che si deve contrapporre alla "mafiosità materiale e culturale" dilagante nei nostri territori.
 

Per maggiori informazioni sui Campi di volontariato: estateliberi@libera.it  oppure chiamare i numeri 06/69770335 - 06/69770347 - 06/69770345

 
 
.
 
 
 
 
.
 
.
 
.
 
.
 
.
 
 
 
 
.
 
 
 

 
 

Con il Patrocinio ed il Contributo di:
 

.
.
 

 
 

Con il Patrocinio di

 
.
 

 
 

Con il Contributo di:

.
 
.
.
 
.
 

Comunicati

  1. Iniziata la causa civile per il riconoscimento di vittima di mafia di Ruffo Nicola . Con i familiari per chiedere verità e giustizia

    Lo scorso 15 aprile si è tenuta davanti il Tribunale di Bari l'udienza per la causa di riconoscimento di vittima di mafia di Nicola Ruffo. E' stata una giornata importante per la famiglia Ruffo: con Libera vicino, per la prima volta hanno sentito difendere, anche nelle aule del tribunale, la memoria del padre e chiedere verità e giustizia per il loro caro. Il Giudice si è riservato e si aspetta la decisione.

  2. Claudio Fava commenta gli attacchi de "Il Giornale" a don Ciotti

    Con un post Facebook il vice presidente della Commissione parlamentare antimafia ha commentato le polemiche del quotidiano diretto da Sallusti sulla presunta reticenza del presidente di Libera e fondatore del Gruppo Abele in merito alle vicende di corruzione che hanno investito Lega Coop.

  3. Basilicata: E tu di che pasta sei?

    Partirà domenica 19 aprile in diverse piazze della Basilicata l'iniziativa per i vent'anni di Libera che propone la pasta "Venti Liberi", i banchetti saranno allestiti nella mattinata di domenica 19 aprile a Lagonegro in Viale Roma, a Lauria in Piazza San Nicola, a Villa d'Agri in P.zza Zecchettin, a Potenza presso la Bottega Equomondo in Via Angilla Vecchia ed a Matera in Piazza Vittorio Veneto dove l'iniziativa proseguirà anche nel pomeriggio.