Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Tragedia migranti, Luigi Ciotti: "Morti che devono pesare sulla coscienza di tutti"

 

"Proviamo un immenso dolore per queste morti innocenti. È una triste storia che continua e anche le parole sono stanche. Sono morti che devono pesare sulle coscienze di tutti. E dovono farci dire basta, basta ai trafficanti di morte, basta ai venditori di illusioni, basta a chi anche su queste morti fa propaganda, basta a chi cerca scorciatoie con leggi che negano diritti, alimentano illegalità e disperazione", afferma Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera in una nota sull'ennesima, immane tragedia dei migranti al largo di Lampedusa.

"Chiediamo speranza e concretezza. Quella speranza che ha il volto degli esclusi -prosegue Luigi Ciotti - il volto dei poveri, il volto di quelle persone vittime delle false promesse. Bisogna creare le condizioni affinché chi fugge dalla disperazione, dalla fame, da situazioni di miseria e povertà possa trovare accoglienza, ma anche libertà e dignità. Alla politica chiediamo un atto di coraggio: abbandonare la facile strada del consenso per imboccare quella difficile ma feconda della giustizia sociale. Una politica- conclude Luigi Ciotti- che sia capace di trasformare quelle paure in speranze. Nessuno, sull'immigrazione, ha la ricetta in tasca. Ma il forte elemento multietnico della nostra società - una realtà di fatto, piaccia o dispiaccia a qualcuno - ci impone di trovare il difficile punto di equilibrio tra accoglienza e legalità. E' in gioco lo sviluppo sociale, economico e culturale di un Paese che è stato migrante, che ha proteso in passato le sue mani trovandone altre pronte ad afferrale. L'Italia chieda la convocazione del consiglio Europeo da tenersi in maniera sobria, essenziale sull'isola di Lampedusa, per un coinvolgimento vero, concreto dell' Europa in un luogo di accoglienza, di solidarietà e di dialogo interculturale".

 
 
 

Dalle ore 20 di venerdì 4 ottobre 2013 - Veglia di corresponsabilità per le vittime di Lampedusa

In questa giornata di lutto nazionale per l'immane tragedia nel mare di Lampedusa, Libera promuove una Veglia di corresponsabilità con inizio alle ore 20. Ci ritroveremo in tutte le piazze e i luoghi del nostro paese in cui associazioni e cittadini vorranno esprimere la loro solidarietà ai migranti vittime della strage e il loro impegno perché la politica cambi davvero.
 
 
LAZIO
 
A Roma
alle ore 20.00 in piazza del Campidoglio, per partecipare alla veglia promossa dal Comune di Roma.
 
 
SICILIA

Catania
- Chiesa di San Pietro e Paolo - ore 18.00 - in collaborazione con Pax Christi all'interno dell'iniziativa in ricordo di Don Tonino Bello.

Misterbianco (CT)
-  Stabilimento Monaco - ore 18.30 - all'interno della Festa della Legalità. Partecipano Nando Dalla Chiesa (Presidenza nazionale di Libera) ed Umberto Di Maggio (Coordinatore regionale di Libera in Sicilia).

Palermo
- Alle 19 davanti la Bottega di Libera in piazza Castelnuovo 13

Gela
- ore 18:30 presso la parrocchia di Santa Lucia, sede dell'associazione, verra' celebrata una messa per ricordare le vittime di Lampedusa
 
Enna - A Leonforte, Piazza Cappuccini ore 20.00

Messina -  Alle 19.30 presso la Chiesa di S.Giuseppe, Via C. Battisti (di fronte all'Istituto Jaci)

 
LIGURIA

Genova - Alle ore 18 in piazza San Lorenzo dal duomo a Genova


VALLE D'AOSTA

Aosta
- Veglia presso il convento dei Cappuccini, via Emile Chanoux 130 a Chatillon. L'inizio sarà alle 20.30


BASILICATA

Potenza
- l'appuntamento è alle ore 19,00 in Piazza Prefettura


TOSCANA

Firenze
domenica pomeriggio 6 OTTOBRE presso la sede del presidio di Sant'Andrea in Percussina Emanuela Loi, via Scopeti 48, Parrocchia di Sant'Andrea in Percussina, terremo una breve veglia di preghiera, alle 17.00 circa
 

EMILIA ROMAGNA

Bologna - domani 5 ottobre alle 16.00 Libera, in collaborazione con Cgil e Arci organizza in Comune un veglia alla quale parteciperà anche il Sindaco di Bologna
 

PUGLIA

Cerignola
- il Presidio di Cerignola insieme alla Parrocchia di san Domenico alle ore 19.30 ci sarà un momento di preghiera

Lucera (FG) - Alle ore 20:00, in piazza Tribunali
 
San Severo (FG) -  nell'Albergo diffuso " Casa Sankara"

 
CALABRIA

Crotone - Alle ore 21:00 presso la Stazione Ferroviaria

 
LOMBARDIA
 
Bergamo - c/o oratorio Beato Giovanni XXIII di Ponte San Pietro h. 20.00 lettura del messaggio di don Luigi Ciotti e momento di ricordo per le vittime di Lampedusa in occasione della cena della legalità
 
Treviglio (BG) - in occasione dell'incontro con Giuseppe Carini previsto alle 20.45 presso il centro salesiano don Bosco a Treviglio si terrà la lettura del messaggio di don Luigi Ciotti e un momento di ricordo delle vittime di Lampedusa


UMBRIA
 
Perugia - Palazzo Gallenga Università per stranieri, ore 18:30 "cibo e diritti", in silenzio in memoria delle vittime di Lampedusa


 

Comunicati

  1. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  2. La Provincia di Varese - Don Luigi e la sua forza nella bellezza delle montagne

    Francesco Caielli racconta l'incontro con don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, avvenuto in alta montagna dove "le urla sono ovattate e le differenze sono azzerate dalla bellezza e dalla fatica"

  3. Libera e Gruppo Abele aderiscono a Puliamo il Mondo

    Tra il 23 ed il 25 settembre migliaia di cittadini scenderanno in campo per dare un aiuto concreto al nostro stupendo territorio, troppo spesso vittima dell'incuria e dell'indifferenza generale.