Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

"Miseria Ladra": le proposte di Libera per ridare speranza all'Italia

Una Campagna nazionale che vuol passare dalla denuncia alla proposta per costruire speranza e fiducia in Italia: è quella lanciata dall' Associazione Libera di cui è presidente nazionale don Luigi Ciotti, e dal Gruppo Abele. Oggi la presentazione dell'iniziativa a Senigallia insieme a quella del dossier intitolato "Miseria Ladra" con numeri e storie che rivelano un Paese fragile, povero, segnato dalla disoccupazione e dalla disuguaglianza sociale.


 
 

R. - In Italia sta crescendo la povertà relativa, attualmente, sono circa 8 milioni le persone che vivono con una disponibilità di 500 euro al mese; la povertà assoluta sta aumentando in maniera vertiginosa: abbiamo tre milioni e mezzo di persone in questo stato. Un milione di persone soltanto negli ultimi quattro anni sono entrati nel circuito della povertà assoluta. Negli ultimi dieci anni, il numero degli impoveriti è aumentato in tutta Italia. Soprattutto il titolo del dossier vuole rendere chiara l'idea con la quale intendiamo muoverci: ci sono persone che non nascono povere, ma sono rese povere da un sistema economico e sociale che produce disuguaglianze. Allora, ladro significa rubare, significa rubare il presente e il futuro a tante persone. Noi vogliamo cercare di promuovere una sensibilizzazione con tutte le associazioni, i gruppi, le cooperative che si stanno già da anni impegnando in Italia affinché queste condizioni vengano rimosse e si possa proporre anche una diversa socialità per tutti, una diversa dignità della vita umana. ...

D. - Voi denunciate, oltre alla povertà, anche la mancanza di una regia politica nella gestione del welfare, e quindi interventi che mancano, che sono fatti male in campo sociale ...

R. - Sì. Noi abbiamo assistito al drammatico abbattimento del fondo sociale, il fondo per la non-autosufficienza: significa che chi è debole, chi è povero, chi soprattutto è in condizione di grave disabilità non ha più nessun tipo di assistenza. Noi vogliamo quindi che questo fondo venga di nuovo rifinanziato, così come vogliamo che venga rifinanziato il fondo per gli affitti: infatti, ci sono persone che non possono pagare l'affitto e sono sotto sfratto. Chiediamo che ci sia un reddito minimo di inserimento o comunque un qualsiasi altro dispositivo di tutela che sia maggiormente condiviso e diffuso tra le persone. La cassa integrazione sta terminando, e noi pensiamo - ad esempio - che la sola social card sia riduttiva. Quindi c'è una serie di provvedimenti immediati che, secondo noi, si possono mettere in pratica a Fondo invariato, cioè convertendo alcune spese che sono state invece improntate per altro - pensiamo alla questione degli F35, degli armamenti - e che possono essere dirottate su questo Fondo.

D. -Avete avviato una campagna nazionale proprio per rilanciare la fiducia nell'Italia ...

R. - La fiducia nell'Italia noi dobbiamo darla, perché altrimenti questo Paese appare come un Paese che non ha più le forze per poter reagire. Noi conosciamo tante esperienze bellissime, tante accoglienze, tanti operatori sociali che ogni giorno si impegnano tanto per poter dare delle opportunità alle persone, però le cooperative sociali sono in difficoltà: molte rischiano di chiudere perché, ad esempio, gli enti locali non riescono più a pagare. Ridare speranza significa dare immediatamente la possibilità a tanti operatori di poter fare il lavoro che in questi anni hanno fatto in maniera egregia: l'assistenza alle persone anziane, ai minori in difficoltà, dare subito opportunità per fare uscire dal carcere con inserimenti lavorativi ... E soprattutto, la scuola: ci sono moltissimi giovani che ormai non vanno a scuola, c'è un'intera generazione che si sta bruciando. Ogni anno il numero di coloro che si iscrivono all'università è in diminuzione, anche perché l'università è diventata un lusso ...

D. - Tante proposte, quindi, ma come farete a farle arrivare "a destinazione", cioè a chi poi decide e amministra il bene comune?

R. - Noi consegneremo questa piattaforma al presidente della Camera e al presidente del Senato; chiederemo loro di istituire una giornata all'interno del Parlamento nel corso della quale si possano dare risposte adeguate, quindi una giornata in cui il Parlamento si dedichi completamente a ragionare su come uscire da questa crisi che non è soltanto economica, ma è anche sociale e culturale. Chiediamo una giornata di riflessione, possibilmente in occasione della Giornata mondiale dell'Onu per la lotta alla povertà, che è il 14 ottobre. E poi proporremo una cosa analoga a tutte le Regioni: che ci sia una giornata in cui il Consiglio regionale ragiona sulle priorità sociali da prospettare al Paese.

Testo proveniente dal sito Radio Vaticana

Comunicati

  1. LiberARTI - Il teatro nelle periferie

    Giovedì 30 giugno, alle ore 19, si terrà presso l'Oda Teatro l'incontro finale della prima parte del progetto "LiberARTI - Il teatro nelle periferie", realizzato da Libera Foggia in collaborazione con la compagnia teatrale Cerchio di Gesso e con il contributo della Fondazione Banca del Monte - Domenico Siniscalco Ceci.

  2. "Legittima difesa": netta contrarietà da Libera Liguria

    "In merito alla legge approvata quest'oggi dal Consiglio Regionale della Liguria sulla cosiddetta "legittima difesa" desideriamo ribadire, dopo averlo fatto già più volte in passato, la nostra netta contrarietà. In primo luogo, ci sembra illegittima l'equiparazione tra condotte lecite, poste in essere nei limiti dello scriminante della legittima difesa, e condotte illecite, poste in essere con eccesso colposo."

  3. Luigi Ciotti in ricordo del regista Giuseppe Ferrara

    "È stato un uomo di cultura generoso, scomodo, restio ai compromessi. Il suo cinema - anche nelle opere di finzione - si è sempre ispirato alla realtà, alle grandi questioni sociali e politiche del nostro tempo. Ha puntato la cinepresa sulle verità rimosse e manipolate. Ha scandagliato nei misteri della nostra storia recente (dal rapimento Moro al delitto Sindona, dalla strage di Ustica alla morte annunciata di Carlo Alberto dalla Chiesa e di Giovanni Falcone)."