Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Le Navi della legalità

Ogni anno, il 23 maggio, a Palermo, sono migliaia gli studenti che partecipano al momento conclusivo del percorso di educazione alla legalità organizzato e promosso dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e dalla Fondazione "Giovanni e Francesca Falcone" che prevede una  cerimonia dall'alto valore educativo e simbolico.  Le scuole selezionate partecipano al viaggio sulle  "Navi della legalità" e a tutte le manifestazioni che si svolgono durante la giornata del 23 maggio. Il 22 maggio dai porti di Civitavecchia e Napoli partono le due Navi della Legalità, su ciascuna  delle quali salgono a bordo oltre un migliaio di studenti. Durante il viaggio i ragazzi e i docenti che  li accompagnano hanno la possibilità di dialogare con importanti figure delle Istituzioni e delle  Associazioni che si occupano di legalità. La mattina del 23 maggio le delegazioni delle scuole di Palermo e di tutta la Sicilia attendono al porto l'arrivo delle Navi per accogliere le scuole del resto d'Italia. Dopo una breve cerimonia di benvenuto gli studenti si dividono: alcuni vanno verso  l'Aula Bunker del carcere Ucciardone di Palermo per assistere al momento istituzionale della manifestazione, mentre gli altri si recano in  Piazze simboliche della città e della provincia di Palermo. Nel pomeriggio partono due cortei: uno dall'Aula Bunker e l'altro da Via D'Amelio. Entrambi i cortei si riuniscono sotto l'Albero Falcone in Via Notarbartolo per celebrare insieme il momento solenne del Silenzio, suonato dal trombettiere della Polizia di Stato all'orario della strage.
Sia il 22 che il 23 maggio don Luigi Ciotti, presidente di Libera si incontrerà con i ragazzi e condividerà con loro diversi momenti di riflessione.

Comunicati

  1. Nota di Libera su sentenza processo Pesci

    In una nota Enza Rando, vicepresidente nazionale di Libera e legale dell'associazione commenta la sentenza che si e' chiusa con dieci condanne per complessivi 109 anni del processo davanti al tribunale di Brescia per estorsioni, minacce, detenzione abusiva di armi, aggravati dall'associazione a delinquere di stampo mafioso, per fatti accaduti a Mantova dove nel 2015 

  2. Libera Catania: chiediamo verità e giustizia per gli omicidi di Francesco Vecchio e Alessandro Rovetta

    Il Coordinamento provinciale di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie a Catania - in relazione alla ricerca della verità sugli omicidi di Francesco Vecchio e di Alessandro Rovetta - ribadisce il proprio impegno di memoria e testimonianza per tutte le vittime delle mafie e la vicinanza ai tanti familiari che ancora aspettano di conoscere i motivi e i contesti nei quali sono maturati gli omicidi dei loro cari.

  3. Perugia: seminario di formazione per docenti

    Il Presidio insegnati  "G. Rechichi" organizza seminari di formazione per docenti, presidi e cittadinanza sul tema: "Lavoro etico, etica del lavoro". Il primo appuntamento si svolgerà il 22 settembre.