Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Amunì: «La strada è sempre quella, tutto tranne la mafia»

La Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, tenutasi quest'anno a Firenze, ha visto la presenza, fra i 150 mila partecipanti, di 14 ragazzi siciliani, beneficiari di un progetto a cura degli Uffici dei Servizi Sociali per i Minori (USSM), in collaborazione con l'Associazione Libera.

Amunì , la cui traduzione dal siciliano è "Andiamo", è un percorso di partecipazione e co-responsabilità, che - ci racconta Andrea, 18 anni - coinvolge «ragazzi che hanno avuto problemi con la legge nella minore età. Ci sono degli operatori (assistente sociale, psicologo, ...) che si prendono in carico questi ragazzi per far capire loro cos'è veramente la mafia».

Tra i 16 e i 20 anni, tutti provengono dall'area penale esterna di Palermo, affidati cioè dal Tribunale della sorveglianza ai Servizi Sociali, e dunque a famiglie o comunità, per scontare una parte o tutta la pena detentiva fuori dal carcere, al fine di facilitare il reinserimento nella società civile, risparmiando loro l'ambiente carcerario.

«Io faccio parte del progetto dal 2011, ed ho già partecipato alla Giornata della memoria dell'anno scorso a Genova, una belissima esperienza, tanto che quando mi hanno proposto di venire anche a Firenze, ho subito accettato!». Andrea è un bel ragazzo sorridente, alto, occhi schietti e taglio alla moda. Sicuro di sé, non ha esitazione a parlare della natura del progetto, dell'argomento mafia e della percorso di educazione civica da lui intrapreso e che volge quasi al termine.

«Ogni anno Libera e l'USSM organizzano eventi e incontri, per consentire ai ragazzi di capire certe realtà. Siamo andati a Portella della Ginestra dove sono stati uccisi dei contadini dal bandito Salvatore Giuliano, e a San Giuseppe Iato dove è stato ucciso il piccolo Giuseppe Di Matteo - dove oggi sorge il Giardino della Memoria (NdR). Abbiamo visto il documentario Io ricordo, con le intervista a tutti i familiari delle vittime di fatti mafiosi, e alcuni li abbiamo anche incontrati».

«All'inizio del percorso - prosegue Andrea, sotto gli occhi dei suoi compagni di viaggio, che ascoltano partecipi - non avevo un'idea chiara di cos'è la mafia: per me la mafia non era poi così cattiva, poi studiandola a fondo e nei dettagli, ho appreso che sono state uccise tantissime persone, anche donne e bambini innocenti senza aver fatto nulla di male, ed ho capito che la mafia è davvero una montagna di m...». Peppino Impastato oggi rivive nel volto e nella voce di questo diciottenne siciliano di Trapani.

«Tutta l'Italia pensa "la Sicilia è uguale alla Mafia", ma non è così, non siamo tutti così. È vero, c'è la mafia in Sicilia, ma come c'è in Sicilia, c'è in tutta Europa e in tutto il mondo. Io finirò quest'estate a giugno, e spero di continuare a partecipare con Libera e con l'USSM, per vivere altre belle esperienze e conoscere tante altre persone. Una cosa è certa... La strada è sempre quella: tutto tranne la mafia».
 
 di Françoise Farano

 
 

Comunicati

  1. Legambiente e Libera: "Saffioti dimostra dignità e coraggio. Non sia lasciato solo"

    La scelta di Gaetano Saffioti, testimone di giustizia che vive sotto scorta da 17 anni,  di demolire con la sua ditta edile la casa abusiva del clan Pesce a Rosarno, dimostra la dignità e il coraggio di un imprenditore capace di fare il suo mestiere senza sottostare al giogo delle famiglie mafiose.

  2. Demolita a Rosarno la villa del clan Pesce

    La villa abusiva dei Pesce a Rosarno non c'è più. A ridurla in macerie, nel pomeriggio, i mezzi dell'imprenditore Gaetano Saffioti che, fedele al suo personalissimo motto "pratica ca rumpa a grammatica", ha deciso di passare nel giro di poche ore dalle parole ai fatti.

  3. Lo sport del doping

    «Se il doping si è così diffuso è perché sono di più coloro che intendono la performance sportiva come un obiettivo da raggiungere a tutti i costi, rispetto a chi ritiene che il doping produca solo risultati apparenti e a caro prezzo». Dall'ultimo libro di Sandro Donati "Lo sport del doping"