Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Firenze: Semi di giustizia, fiori di responsabilità

 
.
 
 
.
 
 
.
 
 
.
.
 
 
.
 
 
.
 
 
 
 
 

Si svolgerà a Firenze, il 16 marzo, la diciottesima edizione della "Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie" promossa da Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie e Avviso Pubblico, Enti Locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie in collaborazione con la Rai Segretariato Sociale e Rapporti con il Pubblico, con il patrocinio del Comune di Firenze, la Provincia di Firenze,  la Regione Toscana, Comune di Scandicci  e sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica. La Giornata della Memoria e dell'Impegno ricorda tutte le vittime delle mafie e rinnova in nome di quelle vittime il suo impegno di contrasto alla criminalità organizzata. La giornata tradizionalmente si svolge ogni anno, il 21 marzo, primo giorno di primavera, ma quest'anno viene anticipata al sabato 16 marzo per favorire la massima partecipazione di quanti arriveranno da ogni parte d'Italia. Sono circa 500  i bus, che arriveranno a Firenze  da tutt'Italia e  un treno speciale dalla Liguria.
 
Libera per la XVIII edizione ha scelto la Toscana, ha scelto Firenze ."Semi di Giustizia, fiori di Corresponsabilità" è lo slogan che accompagnerà la giornata, durante la quale si incontreranno nel capoluogo fiorentino  circa  600  familiari (italiani e stranieri) delle vittime delle mafie in rappresentanza di un coordinamento di oltre 5000 familiari.  Un appuntamento preceduto da oltre 100 iniziative promosse  su tutto il territorio regionale, tra incontri nelle scuole, cineforum, dibattiti, convegni. Perché Firenze?  Le ragioni sono tante. È innanzitutto la città sfregiata dalla strage di via Georgofili, nella notte del 26 e 27 maggio 1993. Vittime del terrorismo mafioso, morirono cinque persone: la famiglia Nencioni al completo, papà Fabrizio e mamma Angela, le figlie Nadia di 9 anni e Caterina di soli 50 giorni. Morì Dario Capolicchio, studente siciliano di architettura trasferitosi in Toscana, amante della montagna e impegnato nella difesa dell'ambiente. Li ricorderemo insieme a tutte le altre vittime innocenti delle mafie, stretti attorno ai loro parenti e famigliari. Firenze è poi la città adottiva del grande Nino Caponnetto - di cui è appena trascorso il decennale della morte - "padre" del pool antimafia di Falcone e Borsellino, ha dato i natali a un altro valoroso magistrato, Pier Luigi Vigna, da poco scomparso, nonché al giudice Gabriele Chelazzi - morto anni fa - che ha lavorato tanto su via dei Georgofili e al quale si devono molti dei risultati dell'inchiesta.

Ma a Firenze nasce anche don Lorenzo Milani - che a Calenzano promosse quelle "esperienze pastorali" tradotte nell'utopia di Barbiana - e toscano di Santa Fiora, alle pendici del monte Amiata, è padre Ernesto Balducci, che a Firenze ha vissuto per molto tempo. Coscienze inquiete di un Chiesa chiamata a saldare il cielo e la terra, la carità e i diritti, la legalità e la responsabilità. Cristiani e cittadini che hanno denunciato l'ingiustizia e promosso la dignità e libertà di tutte le persone, tenendo insieme lo spirito del Vangelo e i principi  della Costituzione, la prima delle nostre leggi antimafia.
Ma la scelta di Firenze ha anche un valore simbolico, legato a ciò che evoca il nome Firenze nella mente e nel cuore degli italiani e del mondo intero. Firenze come sinonimo di quel Rinascimento che ha prodotto opere di raro ingegno e bellezza nell'ambito delle arti e della letteratura, della scienza e del pensiero politico. Ed è a questo significato che vuole associarsi anche la "nostra" Firenze:  come tappa di un necessario Rinascimento morale, sociale, civile. 
 
Firenze  sarà protagonista il 15 marzo dove nel pomeriggio presso Sala dei 500 a Palazzo Vecchio  si svolgerà l'incontro tra i familiari delle vittime delle mafie a seguire la veglia di preghiera interreligiosa  presso la Basilica di S. Croce.  Alle 21.00 presso Obi Hall presentazione del No crime festival e spettacolo teatrale"Ultimo domicilio: sconosciuto" mentre sempre alle 21.00 veglia organizzata dall'Agesci presso la Palestra Ridolfi. Il 16  marzo appuntamento con la marcia con partenza da Fortezza da Basso e dopo aver sfilato per le strade cittadine  arrivo spazio antistante Stadio Artemio Franchi. Qui sarà allestito un palco dove saranno letti gli oltre 900 nomi di vittime delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell'ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere. Ma da questo terribile elenco mancano tantissime altre vittime, impossibili da conoscere e da contare. Perché i  traffici delle mafie fanno anche altre vittime: quelle dei morti sul lavoro, della tratta degli esseri umani, i tanti morti provocati dal traffico degli stupefacenti, le vittime del caporalato, dello sfruttamento della prostituzione, del traffico delle armi e quelle avvelenate e uccise dalla criminalità  dei rifiuti. La piazza si riempirà di fiori colorati di vita, colorati di impegno grazie ai lavori    realizzati dagli studenti di tutte le scuole d'Italia  in  memoria delle vittime. Sui fiori sarà scritto il  nome della vittima, una frase, un disegno, per ricordare e far vivere il sacrificio della persona uccisa dalla criminalità mafiosa. Nel pomeriggio si svolgeranno 17 seminari tematici dalla corruzione al doping, dall'intreccio mafia e politica all' ecomafie, dall'educazione ai beni confiscati, dall' informazione all' etica delle professioni. Sono previsti sette  spettacoli teatrali.
E il  21 marzo, primo giorno di primavera, per ribadire che quel giorno sia istituita a livello nazionale la "Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie" in centinaia di piazze, parrocchie, strade, scuole, consiglio comunali di tutto il paese presidi di Libera, associazioni, scout, movimenti, studenti, comunità ecclesiastiche si raduneranno per rileggere quel  interminabile elenco dei 900 nomi vittime delle mafie. 

Ufficio Stampa
06/69770328
335-5966624/349-2325973
 
Per ragioni organizzative i giornalisti interessati a seguire la manifestazione del 15 e del 16 marzo a Firenze  sono pregati di accreditarsi scaricando il modulo


In collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della  Ricerca, Ufficio Regionale Scolastico per la Toscana, Corpo Forestale, Cgil, Cisl, Uil. Cesvot, Coldiretti  

Si ringrazia  Fondazione Unipolis, Unicoop Firenze, UniCredit Foundation, Unioncamere Toscana, Banca Etica, Banca Credito Cooperativo di Cambiano, ChiantiBanca, BCC Credito Cooperativo Federazione Toscana, BCC Credito Cooperativo Impruneta, Banca del Mugello Credito Cooperativo, BCC Credito Cooperativo Pontassieve, BCC Credito Cooperativo Signa

 

Comunicati

  1. Corriere del Trentino | "Guerre, basta lacrime, bisogna agire"

    Don Ciotti a Dobbiaco per i Colloqui: Indignarsi è inutile. Serve impegno quotidiano. Articolo di Giancarlo Riccio sul Corriere del Trentino, 30 settembre 2016.

  2. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  3. Puliamo il Mondo

    "Aderiamo a Puliamo il mondo perché è necessario riscoprire le responsabilità che abbiamo verso la Terra, base della nostra vita e nostra casa comune. Come dice papa Francesco, questione ambientale e questione sociale sono facce di una stessa medaglia. Ecco allora che ripulire il mondo non vuol dire solo liberarlo dalla sporcizia materiale, ma bonificarlo da quel diffuso inquinamento etico che genera disuguaglianze, esclusione, barriere fisiche e culturali" ha dichiarato don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele.