Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise PÓgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Contromafie 2009

 

ROMA 23, 24 E 25 OTTOBRE 2009
II^ EDIZIONE DEGLI STATI GENERALI DELL'ANTIMAFIA

 
 
 
Logo di Contromafie 2009
 
 
 
 
 

LIBERA da sempre lavora per rafforzare il versante della prevenzione nell'opera di contrasto alle mafie, nella consapevolezza che il solo versante repressivo sia necessario ma non sufficiente. La prima vera risposta al controllo mafioso del territorio Ŕ la pratica di cittadinanza e partecipazione che singoli, associazioni e formazioni sociali di ogni genere sono chiamati a costruire e vivere. A tale riguardo nei documenti di Libera spesso si richiama uno dei suoi obiettivi principali: "costruire una comunitÓ alternativa alle mafie", dove vengano riconosciuti a ogni essere umano diritti e non favori, a differenza di quanto avviene nel sistema mafioso, cosý come Ŕ definito nella Carta Costituzionale. La battaglia contro le mafie Ŕ quindi necessariamente una battaglia per i diritti sanciti dalla Costituzione.

CONTROMAFIE Ŕ un percorso di impegno culturale e sociale, uno strumento di lavoro che LIBERA propone periodicamente per offrire progettualitÓ e contenuti all'associazionismo che si occupa di lotta alle mafie e che si batte per legalitÓ e giustizia sociale; ulteriore obiettivo Ŕ la verifica degli esiti del confronto avviato con le istituzioni, con la politica e altri soggetti, a partire da quanto contenuto nel Manifesto finale di ogni edizione. Il messaggio degli Stati generali Ŕ duplice, ovviamente negativo (contro le mafie) ma soprattutto positivo (per i diritti della Costituzione): Ŕ necessario "essere contro" tutte le mafie e la corruzione, le illegalitÓ e i soprusi, ma Ŕ pi¨ importante "essere per" costruire percorsi e spazi di libertÓ, cittadinanza, informazione, legalitÓ, giustizia, solidarietÓ.

 
 


 


LE TRE GIORNATE
Si conferma lo schema della prima edizione, in ragione dei positivi riscontri e dalla maggiore funzionalitÓ garantita al dibattito, al confronto e alla proposta.

NOTTE BIANCA DI CONTROMAFIE
 
LE AREE E I GRUPPI DI LAVORO
 
IL MANIFESTO DELLA PRIMA EDIZIONE
 
LE ASSOCIAZIONI CHE HANNO ADERITO


PROPOSTE ALLOGGI
Gli alloggi che vi proponiamo per le giornate.


La centralitÓ della plenaria d'apertura Ŕ dedicata all'analisi dei risultati e degli obiettivi che sono stati raggiunti sulla base delle richieste contenute nel Manifesto della prima edizione. Pannelli e video d'apertura sono gli strumenti utilizzabili a questo scopo. 

 
 
Sotto l'alto patronato del Presidente della Repubblica.

Si ringraziano:
Regione Lazio, Provincia e Comune di Roma, Fondazione Unipolis, Tavola Valdese, CESV Roma, CSV Puglia, CSV Sardegna.



Nelle giornate di Contromafie verrÓ rilasciato a coloro che lo richiedano un attestato di partecipazione con gli estremi delle ore di formazione svolte nell'ambito dell'attivitÓ degli stati Generali dell'Antimafia. L'Associazione LIBERA Ŕ Ente di formazione accreditato presso il Ministero dell'Istruzione, dell'UniversitÓ e della Ricerca. L'attestato si rilascia ai sensi del D.M. 177/2000.






 
 
 
 
 
 
 
 

INFO
TEL. 06/69770326
WEB http://www.libera.it 
EMAIL contromafie@libera.it

.
 

Comunicati

  1. Libera aderisce a La nostra Europa

    In occasione del Sessantenario dei Trattati di Roma, Libera aderisce e partecipa a "La nostra Europa", una coalizione di associazioni, movimenti sociali, sindacati, organizzazioni e attori sociali impegnati a costruire insieme una grande mobilitazione popolare il 23.24.25 marzo a Roma, quando  i leader della UE si incontreranno per celebrare i 60 anni di integrazione europea. 

  2. Da Locri l'urlo contro tutte le mafie

    Il 21 marzo la Giornata della memoria coi vescovi calabresi in prima linea. L'evento promosso da Libera e da Avviso pubblico si svolgerÓ nella cittadina jonica, luogo simbolo della battaglia alla 'ndrangheta. Col diretto sostegno della Conferenza episcopale calabra
    Articolo di Antonio Maria Mira su  Avvenire | 19 febbraio 2017

  3. Don Ciotti: "La politica si metta al servizio della societÓ (civile)"

    "DignitÓ, Ŕ questa la parola chiave". Riconquistare la dignitÓ perduta. Don Luigi Ciotti riparte da qui. Prete, una vita in mezzo alla strada dedicata ai pi¨ poveri e agli emarginati. Con il Gruppo Abele si Ŕ occupato di problemi sociali (droga, Aids, prostituzione, immigrazione), con Libera si prefigge invece di contrastare mafie ed illegalitÓ diffusa.
    Intervista a don Luigi Ciotti di Giacomo Russo Spena su Micromega.