Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Le proposte di Libera Formazione verso il 16 marzo a Firenze

 

Anche quest'anno il percorso che ci porterà alla piazza della Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie sarà reso concreto da centinaia di incontri nelle scuole e nelle università di tutta Italia.
Un cammino ricco di impegno e speranza, che ci vede al fianco di studenti, insegnanti, dirigenti scolastici a riscrivere nella quotidianità la nostra scelta per la lotta alle mafie e per l'affermazione della giustizia sociale.
Firenze, il 16 marzo accoglierà un variopinto corteo, che sarà anche il frutto del lavoro svolto in classe dagli studenti. In molti infatti raccoglieranno il nostro invito a partecipare ai progetti proposti da Libera Formazione e questo renderà la nostra rete ancora più salda, con i diversi nodi molto vicini nel fare, anche se geograficamente lontani.

Le proposte per prepararsi alla manifestazione nazionale sono tre.

 

Regoliamoci

Quest'anno il progetto Regoliamoci, promosso da Libera in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, pone al centro il tema dello sport e del gioco. Il titolo del bando di quest'anno è "Dire, fare... GIOCARE!".
Il gioco rappresenta senz'altro una base imprescindibile della crescita dell'essere umano. E' il primo strumento di conoscenza di sé e poi successivamente di socializzazione con gli altri. Per questa ragione Libera e il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca propongono un percorso-concorso articolato su tre livelli differenti, accomunati dal ragionamento su sport e gioco. 
Mantenendo la costante di rivolgerci agli studenti di ogni ordine e grado, proponiamo, per quest'anno, di differenziare il progetto da realizzare per partecipare al concorso e dunque chiediamo alle scuole primarie, secondarie di primo grado e secondarie di secondo grado di lavorare nel medesimo solco, diversificando però l'oggetto di studio e analisi a partire dal quale realizzare l'elaborato. Per le primarie il titolo del percorso è "Diritti in gioco"; per le secondarie di primo grado "Diritto e rovescio della medaglia" e per le secondarie di secondo grado è "Che azzardo!".
Consulta il bando qui o sul sito www.miur.it

 

Premio Pio La Torre

 L'obiettivo del Premio è quello di tenere viva la memoria di Pio La Torre e tramandare alle nuove generazioni la storia di un uomo che si è battuto fino a perdere la vita per la lotta alle mafie. Allo scopo di incoraggiare la riflessione su Pio La Torre e in particolare sul suo ruolo di uomo politico che utilizzò gli strumenti legislativi per portare avanti la lotta contro la mafia, per la quarta edizione del Premio si propone ai partecipanti di elaborare una proposta per il riutilizzo sociale delle aziende confiscate alle mafie.
Il Premio si rivolge a giovani di età compresa fra i 11 e i 21 anni, a cui chiediamo di riflettere sul proprio territorio per elaborare un'idea imprenditoriale con finalità sociale che possa trasformare il patrimonio appartenuto ai boss mafiosi.
In particolare saranno dati ai ragazzi dei suggerimenti in merito a tre tipologie aziendali e i partecipanti potranno scegliere su quali focalizzare la propria attenzione e sviluppare la propria idea. Oggetto del Premio è l'ideazione di un'attività imprenditoriale con finalità sociali, che possa sfruttare il patrimonio appartenuto alle mafie.
I tre settori merceologici in cui potranno elaborare i piani imprenditoriali sono:
- ristorazione
- commercio
- edilizia

Leggi il bando completo.

 

Semi di giustizia, fiori di corresponsabilità

 Un altro modo per arrivare al 16 marzo e alla XVIII Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie, sarà raccogliere la memoria di una delle vittime innocentemente uccise dalla criminalità organizzata e portare in piazza il loro nome, la loro storia. Un percorso questo che è rivolto alle scuole fin dalla nascita di Libera e che connota da sempre la giornata della memoria e dell'impegno. Affinché quei nomi trovino nuova vita e non ci sia più alcuna distinzione tra le vittime più "celebri" e le altre. Lo slogan di quest'anno è "Semi di giustizia, fiori di corresponsabilità" e per questa ragione chiederemo agli studenti di scendere in piazza con dei fiori realizzati da loro, che rappresentino la memoria delle vittime da ricordare. Sui fiori potranno apporre il nome della vittima, una frase, un disegno, ciò che vorranno... ognuno potrà scegliere come ricordare e far vivere il sacrificio della persona uccisa dalla criminalità mafiosa.
La piazza si riempirà così di fiori colorati di vita, di fiori colorati di impegno. L'impegno di cui ciascuno ripartirà carico, dopo la manifestazione di Firenze.


Per contatti:
segreteriafirenze@libera.it
cell. 3669217001

 

Comunicati

  1. Tv2000: Diretta con don Luigi Ciotti

    Il 31 maggio 2016 su Tv2000 dalle 15.15 durante la trasmissione "Siamo noi" sarà presente don Luigi Ciotti

  2. Siderno (RC): Intitolazione strada a Gianluca Congiusta

    Il coordinamento Libera Locride e l'associazione Cambi@menti, in tutte le sue componenti, esprimono viva soddisfazione per la recente delibera della Prefettura di Reggio Calabria che ha autorizzato l'intitolazione di una strada di Siderno a Gianluca Congiusta, il giovane imprenditore ucciso dalla 'ndrangheta il 24 maggio del 2005.

  3. Concluso l'iter di destinazione dei beni confiscati a Pietralunga. Libera Umbria: "Una bella notizia, ora subito il bando per il riutilizzo sociale"

    Libera Umbria: "Una bella notizia, ora subito il bando per il riutilizzo sociale. Finalmente i beni confiscati alla 'ndrangheta siti nel comune di Pietralunga sono tornati definitivamente alla nostra comunità locale, grazie all'azione di coordinamento istituzionale della Prefettura di Perugia. Ora può partire la fase del riscatto concreto, attraverso la creazione di opportunità di lavoro vero, di un pezzo di territorio importante della nostra regione, restituito alla collettività".