Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Presentazione del dossier "Corruzione, le cifre della tassa occulta che impoverisce e inquina il paese"

 

Libera, Legambiente e Avviso Pubblico presentano il Dossier "Corruzione, le cifre della tassa occulta che impoverisce e inquina il paese"

Conferenza stampa Lunedi' 1 ottobre ore 11,00 presso la Federazione Nazionale della Stampa Italiana Corso Vittorio Emanuele II, 349 Roma


Saranno presenti: Don Luigi Ciotti, presidente nazionale Libera, Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente, Alberto Vannucci, professore di Scienza politica l'Università di Pisa, Pierpaolo Romani, Avviso Pubblico, Enrico Fontana, Legambiente, Roberto Natale, presidente Fnsi

 

La nuova mafia si chiama corruzione che inquina i processi della politica, minaccia il prestigio e la credibilità delle Istituzioni, inquina e distorce gravemente l'ambiente e l'economia, sottrae risorse destinate al bene della comunità, corrode il senso civico e la stessa cultura democratica. Libera, Legambiente e Avviso Pubblico presentano il dossier "Corruzione, le cifre della tassa occulta che impoverisce ed inquina il paese". La conferenza stampa di presentazione si svolgerà lunedi' 1 ottobre ore 11,00 presso la sede della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, corso Vittorio Emanuele II, 349 Roma. Saranno presenti Don Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera, Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente, Alberto Vannucci, professore di Scienza politica presso l'Università di Pisa, Pierpaolo Romani, coordinatore nazionale Avviso Pubblico, Enrico Fontana, coordinatore nazionale Osservatorio Ambiente e Legalità di Legambiente, Roberto Natale, presidente Fnsi.

Ufficio Stampa
Tel. 06/69770328- 3355966624

 

 

Libera: "La nuova mafia si chiama corruzione, il Governo acceleri senza mediazioni  l' approvazione  DDL anti corruzione"
Oltre un milione di firme raccolte da Libera  e Avviso Pubblico consegnate al Presidente Napolitano per chiedere  attuazione delle norme che  prevede il riutilizzo  sociale dei beni confiscati ai  corrotti.
Secondo Eurobarometer nel 2011 : il 12 per cento dei cittadini italiani si è visto chiedere una tangente in termini assoluti,  circa 4 milioni e mezzo di cittadini italiani hanno ricevuto almeno una richiesta di tangenti.
Lunedi' 1 ottobre Libera presenta dossier sulla corruzione in Italia

 

"Cosa ancora si deve aspettare per intervenire: il governo senza mediazioni acceleri l'approvazione  del  ddl anticorruzione. La nuova mafia si chiama corruzione che inquina i processi  della politica, minaccia il prestigio e  la credibilità delle  Istituzioni , inquina e distorce gravemente l'economia, sottrae  risorse destinate al  bene della comunità, corrode  il senso civico e  la stessa cultura  democratica. Contro la corruzione e per chiedere l'attuazione delle norme che prevede la confisca e riutiilizzo sociale dei beni sottratti ai corrotti Libera con Avviso Pubblico ha raccolto oltre un milione di cartoline  consegnate  al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. per chiedere di intervenire affinché governo e parlamento adeguino il nostro codice alle leggi internazionali anticorruzione a partire da quelle stabilite  dalla Convenzione di Strasburgo del 1999. E perché venga  finalmente data piena attuazione alla norma, già introdotta nella Finanziaria  2007, che prevede la confisca e il riutilizzo sociale dei  patrimoni  sottratti dai corrotti al bene comune." In una nota Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie interviene sulla corruzione che attanaglia il nostro paese.

"Davanti alla costi  della corruzione diretti e indiretti non si deve tacere. Non puo' essere normale la corruzione perche' non è  normale una società che ruba a se stessa. E' una tassa occulta - denuncia Libera -  che trasforma risorse  pubbliche,  destinate a servizi e opere, in profitti illeciti.  E' come se ogni italiano fosse costretto a versare 1.000 euro l'anno  nelle  casse del malaffare e dell'illegalità."  E la gravità de fenomeno è fotografato da alcuni dati anticipati  di un dossier  sulla Corruzione in Italia che Libera presenterà lunedi' 1 ottobre in conferenza stampa a Roma: : particolarmente significativo il dato relativo alle esperienze personali di tangenti, ossia alla corruzione vissuta sulla propria pelle dai cittadini,  secondo Eurobarometer nel 2011- conclude Libera-  il 12 per cento dei cittadini italiani si è visto chiedere una tangente nei 12 mesi precedenti, contro una media europea dell'8 per cento. In termini assoluti, questo significa il coinvolgimento personale, nel corso di quell'anno, di circa 4 milioni e mezzo di cittadini italiani in almeno una richiesta, più o meno velata, di tangenti.

 
 
 
 

Comunicati

  1. Perugia: seminario di formazione per docenti

    Il Presidio insegnati  "G. Rechichi" organizza seminari di formazione per docenti, presidi e cittadinanza sul tema: "Lavoro etico, etica del lavoro". Il primo appuntamento si svolgerà il 22 settembre.

  2. Nuova referente per Libera Catanzaro

    Il 14 settembre durante l'assemblea provinciale di Libera Catanzaro, alla presenza del coordinatore regionale don Ennio Stamile è stata eletta la nuova referente del coordinamento provinciale: Elvira Iaccino.

  3. Libera Liguria saluta positivamente la sentenza con cui la Cassazione accerta l'esistenza della 'ndrangheta nella regione

    "La conferma di numerose condanne relative al locale di Ventimiglia - commenta Libera - e la necessità di celebrare un nuovo giudizio sui presunti membri del locale di Bordighera vanno a definire un quadro pesante e definito del livello allarmante del radicamento criminale della 'ndrangheta nel Ponente ligure, con riflessi ormai incontestabili in tutta la regione, al di là di ogni interpretazione riduttiva o negazionista".