Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise PÓgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Chi siamo

"Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" Ŕ nata il 25 marzo 1995 con l'intento di sollecitare la societÓ civile nella lotta alle mafie e promuovere legalitÓ e giustizia. Attualmente Libera Ŕ un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtÓ di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalitÓ. La legge sull'uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l'educazione alla legalitÓ democratica, l'impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attivitÓ antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera Ŕ riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della SolidarietÓ Sociale. Nel 2008 Ŕ stata inserita dall'Eurispes tra le eccellenze italiane.

 
 
 
 
 
 

Comunicati

  1. Musica contro le mafie

    "Musica contro le mafie" Ŕ un importante premio musicale che coniuga la musica all'impegno sociale.

  2. Libera non aderisce alla manifestazione "Antimafia Capitale: per la LegalitÓ contro le mafie"

    In merito alle notizie riportate da alcuni organi di stampa, si precisa che Libera non aderisce alla manifestazione "Antimafia Capitale: per la LegalitÓ contro le mafie" che si svolgerÓ domani giovedý 3 settembre a Roma in piazza San Giovanni Bosco, essendo Libera un coordinamento di associazioni, pi¨ di 1.600 dove ciascuna realtÓ Ŕ libera di aderire, di costruire i propri percorsi e fare le proprie scelte.

  3. Un grappolo di diritti 2015

    "Un grappolo di diritti" Ŕ stato il primo evento legato alla prima raccolta di uva avvenuta a TERRA AUT dopo la confisca nel 2010.