Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Chi siamo

"Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" è nata il 25 marzo 1995 con l'intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull'uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l'educazione alla legalità democratica, l'impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall'Eurispes tra le eccellenze italiane.

 
 
 
 
 
 

Comunicati

  1. Emergenza migranti. Dieci anni di Staino

    Dodici vignette firmate da Sergio Staino e commentate da Luigi Ciotti per riflettere sul rapporto tra i migranti e noi: "Staino con la sua arte si ferma sulla soglia della tragedia. Non solo per umana pietà, ma per invitarci all'impegno. Quelle morti non si aspettano le nostre lacrime, ma il coraggio di costruire un mondo davvero umano..."

  2. Riparte dal Veneto la Carovana antimafie

    Ripartirà il 1 settembre da Piove di Sacco (Padova) la Carovana Internazionale Antimafie, promossa da Arci, Libera, Avviso Pubblico, Cgil, Cisl e Uil, per la seconda parte del viaggio dell'edizione 2015.

  3. Libero Grassi, un faro per le nostre coscienze

    Il 29 agosto 2015 ricorre il ventiquattresimo anniversario della morte di Libero Grassi. Il 29 agosto del 1991 alle 7.45 di un'assonnata mattina di fine estate palermitana fu barbaramente ucciso sotto l'uscio di casa l'imprenditore tessile che fu fra i primi a denunciare pubblicamente il suo "No" al pizzo.