Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise PÓgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Chi siamo

"Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" Ŕ nata il 25 marzo 1995 con l'intento di sollecitare la societÓ civile nella lotta alle mafie e promuovere legalitÓ e giustizia. Attualmente Libera Ŕ un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtÓ di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalitÓ. La legge sull'uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l'educazione alla legalitÓ democratica, l'impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attivitÓ antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera Ŕ riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della SolidarietÓ Sociale. Nel 2008 Ŕ stata inserita dall'Eurispes tra le eccellenze italiane.

 
 
 
 
 
 

Comunicati

  1. Al via il campo di Asinara

    Prende avvio il 27 luglio 2015 a Cala d'Oliva (Asinara) il primo campo di volontariato e formazione "E!state Liberi!" promosso da Libera, Associazioni nomi e numeri contro le mafie in collaborazione con il CSV Sardegna Solidale.

  2. Diari dal campo di Pietralunga (PG) | 2015

    Trenta ragazzi, arrivati da tutta Italia per partecipare ai campi di volontariato di Libera, percorrono i sentieri della Resistenza umbra. Incrociano nel loro cammino la lotta del movimento partigiano e rivivono nei racconti di Matteo, giovane volontario dell'Anpi e impegnato anche in Libera, le storie della brigata San Faustino, Maria Keller, Don Marino (il Prete Bandito).

  3. Libera Campania su furto e danni al bene confiscato "Fondo Rustico Amato Lamberti"

    Un episodio che preoccupa e inquieta. Oltre al danno per la cooperativa, Ŕ inquietante che l'atto vandalico viene segnato con simboli, apparsi sulle pareti dei capannoni e sulle bandiere , di intolleranza verso chi come la Cooperativa Resistenza si impegna quotidianamente a contrastare il razzismo e la xenofobia promuovendo la pratica dell'accoglienza e della solidarietÓ.