Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Milano: La memoria e l'impegno

La memoria e l'impegno. Perché quest'anno a Genova? Per discuterne:
Il 29 febbraio, dalle ore 15 alle 18,00 al Liceo Virgilio, piazza Ascoli 2 saranno presenti:
don Dell'Olio dell'ufficio di presidenza di Libera, l'avvocato Umberto Ambrosoli, figlio di Giorgio Ambrosoli, fatto uccidere, a Milano, l' 11 luglio del 1979, dal banchiere Michele Sindona, *padre Guido Bertagna ex direttore del Centro cultura San Fedele * Elena Ferrari, sorella dì Alessandro Ferrari, il vigile coraggioso perito nella strage di via Palestro del luglio del '93.

La Giornata della Memoria e dell'Impegno ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie: oltre 900 nomi di vittime innocenti delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell' ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere .
Ricordare significa, infatti, rinascere nell'impegno come cittadini e come esseri umani.

Il 21 marzo di ogni anno, Libera rinnova questo momento di impegno, proprio il giorno della primavera, giorno di rinascita e rifioritura della natura. Questo anno, inoltre cadono il trentennale della morte di Pio La Torre e del generale dalla Chiesa e il ventennale della strage di Capaci e di via D'Amelio.

Libera ha indetto la manifestazione nazionale a Genova sabato 17 marzo per riaffermare la volontà di contrastare il processo di colonizzazione, da parte della 'ndrangheta, in tutto il centro-nord dell'Italia
Il 29 febbraio al Liceo Virgilio parteciperanno delegazioni di classi delle scuole di Milano. Sono previste : letture e riflessioni; un ricordo di Lea Garofalo (uccisa barbaramente dalla mafia a Milano nel 2009) a cura dei giovani di Libera presidio "Lea Garofalo"; un intervento a nome dei Gruppi Scout AGESCI Milano 68 - Milano 99 che hanno realizzato "Mafianopolis" un gioco interattivo sul territorio milanese , nei luoghi simbolo della lotta alla mafia nella città di Milano.

L'iniziativa è promossa da:
Libera Milano, formazione-scuola
Coordinamento delle scuole milanesi per la legalità e la cittadinanza attiva
Gruppo di educazione alla legalità e ai diritti del lstituto. Virgilio di Milano

 

Comunicati

  1. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  2. Puliamo il Mondo

    "Aderiamo a Puliamo il mondo perché è necessario riscoprire le responsabilità che abbiamo verso la Terra, base della nostra vita e nostra casa comune. Come dice papa Francesco, questione ambientale e questione sociale sono facce di una stessa medaglia. Ecco allora che ripulire il mondo non vuol dire solo liberarlo dalla sporcizia materiale, ma bonificarlo da quel diffuso inquinamento etico che genera disuguaglianze, esclusione, barriere fisiche e culturali" ha dichiarato don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele.

  3. La Provincia di Varese - Don Luigi e la sua forza nella bellezza delle montagne

    Francesco Caielli racconta l'incontro con don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, avvenuto in alta montagna dove "le urla sono ovattate e le differenze sono azzerate dalla bellezza e dalla fatica"