Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Milano: La memoria e l'impegno

La memoria e l'impegno. Perché quest'anno a Genova? Per discuterne:
Il 29 febbraio, dalle ore 15 alle 18,00 al Liceo Virgilio, piazza Ascoli 2 saranno presenti:
don Dell'Olio dell'ufficio di presidenza di Libera, l'avvocato Umberto Ambrosoli, figlio di Giorgio Ambrosoli, fatto uccidere, a Milano, l' 11 luglio del 1979, dal banchiere Michele Sindona, *padre Guido Bertagna ex direttore del Centro cultura San Fedele * Elena Ferrari, sorella dì Alessandro Ferrari, il vigile coraggioso perito nella strage di via Palestro del luglio del '93.

La Giornata della Memoria e dell'Impegno ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie: oltre 900 nomi di vittime innocenti delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell' ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere .
Ricordare significa, infatti, rinascere nell'impegno come cittadini e come esseri umani.

Il 21 marzo di ogni anno, Libera rinnova questo momento di impegno, proprio il giorno della primavera, giorno di rinascita e rifioritura della natura. Questo anno, inoltre cadono il trentennale della morte di Pio La Torre e del generale dalla Chiesa e il ventennale della strage di Capaci e di via D'Amelio.

Libera ha indetto la manifestazione nazionale a Genova sabato 17 marzo per riaffermare la volontà di contrastare il processo di colonizzazione, da parte della 'ndrangheta, in tutto il centro-nord dell'Italia
Il 29 febbraio al Liceo Virgilio parteciperanno delegazioni di classi delle scuole di Milano. Sono previste : letture e riflessioni; un ricordo di Lea Garofalo (uccisa barbaramente dalla mafia a Milano nel 2009) a cura dei giovani di Libera presidio "Lea Garofalo"; un intervento a nome dei Gruppi Scout AGESCI Milano 68 - Milano 99 che hanno realizzato "Mafianopolis" un gioco interattivo sul territorio milanese , nei luoghi simbolo della lotta alla mafia nella città di Milano.

L'iniziativa è promossa da:
Libera Milano, formazione-scuola
Coordinamento delle scuole milanesi per la legalità e la cittadinanza attiva
Gruppo di educazione alla legalità e ai diritti del lstituto. Virgilio di Milano

 

Comunicati

  1. Libera su omicidi a San Marco in Lamis (Foggia)

    L'agguato del 9 agosto è la dimostrazione che siamo davanti una guerra criminale, feroce e violenta, una guerra in atto da tempo ma sottovalutata. Foggia, la Capitanata , il Gargano sono teatro di di una lunga scia di sangue che confermano ulteriormente una presenza mafiosa violenta e ben radicata nel territorio.

  2. Don Ciotti, necessario politica torni parlare con le persone

    Perche' la democrazia torni a essere "potere del popolo" e' necessario che la politica torni a parlare con le persone e non alle persone. E necessario che agisca con loro, non al loro posto". Cosi' don Luigi Ciotti, presidente di Libera, a margine di un incontro a Rispescia (Grosseto) dove e' in corso Festambiente.

  3. La rivolta delle donne, una crepa nelle mafie

    I momenti di silenzio e di preghiera, la riflessione e l'attenzione ai segni di speranza non possono andare in ferie. Tanto più se quei segni annunciano possibili svolte e cambiamenti, conquiste o riconquiste di civiltà. Nel mondo chiuso e violento delle mafie sta avvenendo un fatto nuovo e potenzialmente di-rompente: la rivolta delle donne, la presa di coscienza dei giovani. Leggi l'editoriale di don Luigi Ciotti sul numero 32 di Famiglia Cristiana