Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Milano: La memoria e l'impegno

La memoria e l'impegno. Perché quest'anno a Genova? Per discuterne:
Il 29 febbraio, dalle ore 15 alle 18,00 al Liceo Virgilio, piazza Ascoli 2 saranno presenti:
don Dell'Olio dell'ufficio di presidenza di Libera, l'avvocato Umberto Ambrosoli, figlio di Giorgio Ambrosoli, fatto uccidere, a Milano, l' 11 luglio del 1979, dal banchiere Michele Sindona, *padre Guido Bertagna ex direttore del Centro cultura San Fedele * Elena Ferrari, sorella dì Alessandro Ferrari, il vigile coraggioso perito nella strage di via Palestro del luglio del '93.

La Giornata della Memoria e dell'Impegno ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie: oltre 900 nomi di vittime innocenti delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell' ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere .
Ricordare significa, infatti, rinascere nell'impegno come cittadini e come esseri umani.

Il 21 marzo di ogni anno, Libera rinnova questo momento di impegno, proprio il giorno della primavera, giorno di rinascita e rifioritura della natura. Questo anno, inoltre cadono il trentennale della morte di Pio La Torre e del generale dalla Chiesa e il ventennale della strage di Capaci e di via D'Amelio.

Libera ha indetto la manifestazione nazionale a Genova sabato 17 marzo per riaffermare la volontà di contrastare il processo di colonizzazione, da parte della 'ndrangheta, in tutto il centro-nord dell'Italia
Il 29 febbraio al Liceo Virgilio parteciperanno delegazioni di classi delle scuole di Milano. Sono previste : letture e riflessioni; un ricordo di Lea Garofalo (uccisa barbaramente dalla mafia a Milano nel 2009) a cura dei giovani di Libera presidio "Lea Garofalo"; un intervento a nome dei Gruppi Scout AGESCI Milano 68 - Milano 99 che hanno realizzato "Mafianopolis" un gioco interattivo sul territorio milanese , nei luoghi simbolo della lotta alla mafia nella città di Milano.

L'iniziativa è promossa da:
Libera Milano, formazione-scuola
Coordinamento delle scuole milanesi per la legalità e la cittadinanza attiva
Gruppo di educazione alla legalità e ai diritti del lstituto. Virgilio di Milano

 

Comunicati

  1. Sentenza Condor - Martedi 17 Gennaio 2017, Rebibbia, Roma

    Dopo quasi due anni di dibattimento, 60 udienze e con l'audizione di decine di testimoni, esperti, familiari e compagni di prigionia delle vittime, il prossimo 17 gennaio dalle ore 9,30 si terrà l'ultima udienza nell'aula bunker di Rebibbia a Roma relativa al Processo Condor. A seguire nel corso della stessa giornata sarà emessa la sentenza per il sequestro e l'omicidio di 42 giovani, tra cui 20 italiani, avvenuti in Cile, Argentina, Bolivia, Brasile e Uruguay tra il 1973 e il 1978. Gran parte di loro sono ancora oggi desaparecidos. 

  2. Approvare rapidamente leggi per rafforzare la prevenzione e il contrasto alle mafie e alla corruzione

    Approvare le misure riguardanti gli amministratori locali minacciati e intimiditi, le modifiche alla normativa in materia di beni e aziende confiscate alle mafie, la riforma della prescrizione dei processi, le misure di contrasto alla criminalità nel settore del gioco d'azzardo e quelle a favore dei testimoni di giustizia, e riconoscere ufficialmente il 21 marzo come Giornata nazionale della memoria in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  3. "Uomini dello Stato coinvolti? Salto di qualità grave"

    Sempre i soliti noti. "Leggo nomi ricorrenti, che ho già incontrato tante volte in altri processi". Vincenza Rando, avvocato in prima linera contro le mafie e referente per l'Emilia-Romagna di Libera, non si stupisce di certo di fronte all'ultima inchiesta sui legami tra la malavita organizzata e il territorio bolognere: "Restiamo un crocevia importante, un territorio appetibile per gli affari delle famiglie criminali più in vista".

    Intervista a Enza Rando fatta da Federico Del Prete su Il Resto del Carlino | Bologna | 11 gennaio 2016