Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

XXI Giornata della Memoria e dell'Impegno

 

21 marzo ROMA ore 10, Casa del Jazz
21 marzo LATINA ore 9, Piazza del Popolo 
21 marzo RIETI ore 9, Piazza Vittorio Emanuele II 
21 marzo COLLEFERRO ORE 10.30, Piazza Italia (Giardini Vassallo)


Programma del 21 marzo 2016 a Roma - Casa del Jazz (Viale di Porta Ardeatina, 55)   

Nella città di Roma la XXI Giornata della Memoria e dell'Impegno si svolgerà, a partire dalle ore 10:00 presso la Casa del Jazz, bene confiscato alle mafie e restituito alla città, sito in viale di Porta Ardeatina 55. Il programma: La giornata avrà inizio a partire dalle ore 10:00. Dal palco saranno letti i circa 900 nomi di vittime innocenti delle mafie, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell'ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere. Nel pomeriggio si svolgeranno seminari tematici che verteranno sui metodi della criminalità a Roma, sul rapporto tra mafie e giornalismo e sulla dignità della pena per rieducare alla libertà.


Seminari:   

CRIMINALITA' ORGANIZZATA E INFORMAZIONE - Associazione Stampa Romana (Auditorium Casa del Jazz) 
12.00-15.00: riservato ai giornalisti accreditati 
15.00-17.00: aperto a tutti   

Relatori: 
Diana De Martino - Sostituto Procuratore Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo 
Alberto Spampinato - Direttore di Ossigeno per l'Informazione Stefano Signoretti - vice dirigente della Squadra Mobile, Questura di Roma 
Lazzaro Pappagallo - Segretario dell'Associazione Stampa Romana 
Claudio Fava - vicepresidente Commissione di inchiesta sul fenomeno delle mafie 
Fabrizio Feo - giornalista del Tg3 
Federica Angeli - giornalista de La Repubblica 


DIGNITA' DELLA PENA PER RIEDUCARE ALLA LIBERTA' - Libera e Azione Cattolica (tensostruttura alla Casa del Jazz) 
15.00-17.00: aperto a tutti

Relatori:
Cesare Pinelli - Professore ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico presso l'Università degli Studi di Roma "Sapienza" 
Angelo Zaccagnino - Ex Provveditore regionale dell'Amministrazione penitenziaria per le regioni Calabria, Lazio, Piemonte e Puglia 
Patrizio Gonnella - Presidente dell'Associazione "Antigone"     


VIOLENZA, AFFARI E CORRUZIONE. I METODI DELLA CRIMINALITA' A ROMA (Auditorium Casa del Jazz) 
17.30-19.30: aperto a tutti

Relatori:
Alfonso Sabella - magistrato e autore del libro "Capitale infetta" 
Andrea Palladino - Giornalista de Il Fatto Quotidiano e L'Espresso     


Spettacolo teatrale "Dieci storie proprio così", Teatro Argentina, ore 21.00


 

Comunicati

  1. Corriere del Trentino | "Guerre, basta lacrime, bisogna agire"

    Don Ciotti a Dobbiaco per i Colloqui: Indignarsi è inutile. Serve impegno quotidiano. Articolo di Giancarlo Riccio sul Corriere del Trentino, 30 settembre 2016.

  2. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  3. Puliamo il Mondo

    "Aderiamo a Puliamo il mondo perché è necessario riscoprire le responsabilità che abbiamo verso la Terra, base della nostra vita e nostra casa comune. Come dice papa Francesco, questione ambientale e questione sociale sono facce di una stessa medaglia. Ecco allora che ripulire il mondo non vuol dire solo liberarlo dalla sporcizia materiale, ma bonificarlo da quel diffuso inquinamento etico che genera disuguaglianze, esclusione, barriere fisiche e culturali" ha dichiarato don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele.