Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Modica (RG): presentazione del libro "disOrdini"

"Libera - Presidio di Modica" e "Il Clandestino - con permesso di soggiorno" presentano il 2 febbraio 2012 alle ore 18.30 - Libreria Mondadori - Modica:

disOrdini - di Alessandro Maria Calì, Navarra Editore

Due architetti, due avvocati, diversi medici, un ingegnere tutti condannati per collusioni con la mafia, e tutti ancora iscritti nei rispettivi Albi. Come mai? Garantismo non può certo tradursi in impunità. Questo libro racconta la storia di un presidente di un Ordine che a Palermo cancella Michele Aiello, il primo caso nel nostro Paese di espulsione da un Albo professionale per fatti di mafia indipendentemente da una sentenza penale. Perchè allora, nonostante siano diverse centinaia i casi di professionisti collusi con le mafie, gli Ordini non intervengono per radiarli? Le ragioni sono tante ed in questo libro se ne ricava una chiave di lettura con delle proposte concrete per una possibile loro riforma.

Interverranno: l'autore Alessandro Calì e Umberto Di Maggio Coordinatore regionale di Libera Sicilia

 

Comunicati

  1. Mafia: don Ciotti, si tracci solco, ora serve scatto in più

    ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Dobbiamo tracciare un solco, non dobbiamo permettere che si vada avanti cosi'. In questi anni e' cresciuta la cultura del contrasto alle mafie nella societa' civile, nella scuola, nei gruppi. Sono cresciute la confisca dei beni, l'azione della magistratura e le operazioni delle forze dell'ordine, ma e' cresciuta anche la mafia. Serve uno scatto in piu' da parte di tutti, la societa' civile deve essere piu' responsabile. La prima grande riforma da fare e' un'autoriforma, il risveglio delle nostre coscienze. Dobbiamo trasformare la nostra indignazione in responsabilita'". Cosi' il presidente di Libera, don Luigi Ciotti.

  2. A Contromafie lancio bando quarta edizione del premio Morrione

    Non poteva esserci occasione migliore degli Stati Generali dell'antimafia "ControMafie" in programma a Roma dal 23 al 26 ottobre per lanciare il nuovo bando del Premio Roberto Morrione rivolto a tutti i giovani giornalisti, free lance, studenti e volontari dell'informazione con la passione per l'inchiesta televisiva.

  3. Libera accanto alla cooperativa R (e)sistenza

    Nel pieno rispetto delle decisioni del Tribunale Amministrativo Regionale della Campania, anche noi auspichiamo l'attivazione di procedure di evidenza pubblica per l'assegnazione del bene confiscato "Amato Lamberti" a Chiaiano, così come più volte richiesto dai rappresentanti della stessa Cooperativa (R)esistenza, continuando  a sostenere le attività prossime future della cooperativa.