Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise PÓgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Modica (RG): presentazione del libro "disOrdini"

"Libera - Presidio di Modica" e "Il Clandestino - con permesso di soggiorno" presentano il 2 febbraio 2012 alle ore 18.30 - Libreria Mondadori - Modica:

disOrdini - di Alessandro Maria Calý, Navarra Editore

Due architetti, due avvocati, diversi medici, un ingegnere tutti condannati per collusioni con la mafia, e tutti ancora iscritti nei rispettivi Albi. Come mai? Garantismo non pu˛ certo tradursi in impunitÓ. Questo libro racconta la storia di un presidente di un Ordine che a Palermo cancella Michele Aiello, il primo caso nel nostro Paese di espulsione da un Albo professionale per fatti di mafia indipendentemente da una sentenza penale. PerchŔ allora, nonostante siano diverse centinaia i casi di professionisti collusi con le mafie, gli Ordini non intervengono per radiarli? Le ragioni sono tante ed in questo libro se ne ricava una chiave di lettura con delle proposte concrete per una possibile loro riforma.

Interverranno: l'autore Alessandro Calý e Umberto Di Maggio Coordinatore regionale di Libera Sicilia

 

Comunicati

  1. Emergenza migranti. Dieci anni di Staino

    Dodici vignette firmate da Sergio Staino e commentate da Luigi Ciottiáper riflettere sul rapporto tra i migranti e noi: "Staino con la sua arte si ferma sulla soglia della tragedia. Non solo per umana pietÓ, ma per invitarci all'impegno. Quelle morti non si aspettano le nostre lacrime, ma il coraggio di costruire un mondo davvero umano..."

  2. Riparte dal Veneto la Carovana antimafie

    RipartirÓ il 1 settembre da Piove di Sacco (Padova) la Carovana Internazionale Antimafie, promossa da Arci, Libera, Avviso Pubblico, Cgil, Cisl e Uil, per la seconda parte del viaggio dell'edizione 2015.

  3. Libero Grassi, un faro per le nostre coscienze

    Il 29 agosto 2015 ricorreáil ventiquattresimo anniversario della morte di Libero Grassi. Il 29 agosto del 1991 alle 7.45 di un'assonnata mattina di fine estate palermitana fu barbaramente ucciso sotto l'uscio di casa l'imprenditore tessile che fu fra i primi a denunciare pubblicamente il suo "No" al pizzo.