Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Palermo: la biblioteca necessaria

Le Balate e la Fondazione Unipolis chiamano a discutere e a impegnarsi bibliotecari, scrittori, giornalisti, operatori sociali e cittadini
 
Un pomeriggio di confronto sul ruolo delle biblioteche
per la crescita culturale, sociale e civile del territorio
 
Venerdì 20 gennaio 2012, ore 15
Biblioteca dei bambini e dei ragazzi Le Balate
Via delle Balate 4 - Palermo
 
"La biblioteca necessaria. Uno spazio di inclusione e di incontro in una città da riscoprire". È questo il titolo dell'incontro promosso dalla Biblioteca dei bambini e dei ragazzi Le Balate e dalla Fondazione Unipolis, in programma il prossimo venerdì 20 gennaio a Palermo. Un'occasione di riflessione sul valore della cultura e delle biblioteche in Italia - con particolare attenzione alle zone periferiche del Mezzogiorno - alla quale sono invitati a partecipare e dare un contributo bibliotecari, scrittori, editori, giornalisti, insegnanti, educatori, genitori, imprese e soggetti impegnati nel sociale.
 
In un momento di crisi economica e sociale, caratterizzato da forti disuguaglianze, le biblioteche possono e devono essere luoghi di incontro e azione collettiva, presidi per promuovere una cultura diffusa e accessibile anche ai soggetti tradizionalmente lontani dai 'luoghi del sapere'. Per questo, è necessario siano inseriti in una strategia di investimento pubblico per la riqualificazione della città e non possono essere lasciate alla sola gestione dei volontari. La Biblioteca Le Balate interpreta la sua 'missione' in questo senso, ponendosi come uno spazio urbano pacificato nel difficile contesto del centro storico di Palermo (vicino al mercato Ballarò), dove tutti - a cominciare dai bambini -  trovano libri e altri strumenti culturali, intrecciano relazioni. L'incontro si propone come momento per far conoscere questo progetto di grande valore, affinché si creino anche le condizioni per ampliarne l'attività e la durata nel tempo.
 
Nel corso del pomeriggio, verrà presentato anche il rapporto di collaborazione e sostegno alla Biblioteca da parte della Fondazione Unipolis, nell'ambito del proprio progetto 'culturability - la responsabilità della cultura per una società sostenibile'. Unipolis sostiene la gestione della biblioteca con un contributo biennale e collabora attivamente al progetto in una logica di partnership di lungo periodo che garantisca all'iniziativa una prospettiva sostenibile e duratura.
 
L'incontro sarà aperto dagli interventi di Donatella Natoli - Biblioteca Le Balate, Antonella Agnoli - saggista ed esperta di biblioteche, Walter Dondi - direttore della Fondazione Unipolis. Inoltre, porteranno i loro saluti: don Benedetto Genualdi  - direttore della Caritas diocesana di Palermo, Giuseppe Savagnone - pastorale della Cultura dell'Arcidiocesi di Palermo, Tommaso Calamia - presidente dell'Associazione di promozione sociale Le Balate. Hanno già assicurato un loro intervento importanti rappresentanti del mondo culturale palermitano e non solo.

 

Comunicati

  1. Diario dei campi: Non ho mai visto occhi stanchi di conoscere

    Inizio il mio diario con una frase che Francesca disse sabato notte, in attesa dell'alba. In quel momento, dopo una settimana di lavoro e poche ore di sonno, i nostri occhi si stavano effettivamente chiudendo, ma stavamo cercando in tutti i modi di stare svegli, di ascoltare mentre ci raccontava la storia di Roberto Antiochia e Ninni Cassarà.

  2. Genova, l'ultima beffa: lo Stato confisca e riaffitta, nelle case tornano le prostitute

    Maddalena, l'amministratore giudiziario stipula i nuovi contratti negli appartamenti sottratti alla famiglia Canfarotta.

  3. Povertà dei governati, miseria dei governanti

    Questo breve articolo non prende spunto da una notizia, ma da un dato che non fa più notizia: "se non verrà fatto nulla per cambiare la tendenza, entro il 2025 in Europa ci saranno 146 milioni di persone 'a rischio di povertà', cioè tra il 25 e il 33 per cento della popolazione".