Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Il premio Guido Vergani cronista dell'anno 2011 ad Andrea Guolo, autore di "Mafie in pentola"

È stato consegnato sabato 26 novembre a Milanodal direttore del Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli, e dalla presidente del Gruppo Cronisti Lombardi, Rosi BrandiBologna, 28 novembre 2011Andrea Guolo, giornalista e autore di "Mafie in pentola. Libera Terra, il sapore di una sfida", è stato premiato sabato 26 novembre a Milano (Circolo della Stampa) come vincitore del premio "Cronista dell'anno 2011", dedicato alla memoria di Guido Vergani. Si è imposto nella sezione carta stampata, quale autore di una serie di servizi pubblicati dal settimanale La Conceria sulle scarpe tossico/nocive vendute nei negozi della Chinatown milanese.
 
Il premio è stato consegnato dal direttore del Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli (presidente della giuria) e dalla presidente del Gruppo Cronisti Lombardi, Rosi Brandi.
 
"Scarpe al veleno", si legge nella motivazione. "Nel cuore di Milano i negozi di Chinatown espongono e vendono per pochi euro falsi made in Italy, falsi vero cuoio e falsi vera pelle. Di vero c'è solo il contenuto di cromo esavalente, sostanza altamente cancerogena per chi ne viene a contatto. Dall'inchiesta giornalistica nasce un filone investigativo che sfocia in sequestri e denunce, ma soprattutto nella scoperta delle minacce terribili che il mercato del falso e le politiche di dumping sui prezzi portano alla salute di ignari consumatori. Il reportage di Andrea Guolo incarna il rigore dell'attività di cronista e dimostra una volta di più l'imprenscindibile funzione sociale del giornalismo legato ai fatti e alla ricerca".
 
Per l'autore si tratta del terzo riconoscimento del 2011, dopo il premio "Penna d'Oca", primo classificato nella sezione editoria (con Gian Omar Bison), per il libro "Uomini e Carne. Un viaggio dove nasce il cibo" (editore Franco Angeli), e dopo essere stato finalista al premio "Comunicare la coscienza imprenditoriale" con un capitolo di "Mafie in pentola", dedicato al vino Centopassi e titolato "La mafia passa, il vino resta".
 
"Con emozione e gratitudine ricevo questo premio importantissimo", dichiara Andrea Guolo, "che è il risultato di un bel lavoro di squadra. C'è un forte collegamento tra il mio impegno professionale nei due diversi ambiti, moda e cibo: la passione nel raccontare e documentare il lavoro che sta alla base di un prodotto, la necessità di informare il consumatore su ciò che acquista e il rischio che un acquisto inconsapevole possa avvantaggiare la criminalità organizzata. Sono le stesse motivazioni che stanno alla base del testo di Mafie in pentola".

Comunicati

  1. Primo memorial di calcio a 5 in ricordo di Talbi Rauf

    Un torneo di calcio a cinque per Talbi Rauf. Una passione quella per il calcio che Rauf aveva condiviso in Italia con gli amici di Libera. La sua morte ha colto nel dolore profondo tutti coloro che avevano conosciuto e vissuto. In ricordo di Raul è il primo Memorial di calcio a cinque che si svolgerà il 24 giugno a Firenze presso IPM in via Degli Orti Oricellari 18 a partire dalle ore 15.00.

  2. Mafiosi e corrotti, sì alla scomunica

    "La scomunica sancisce in modo non più equivocabile l'incompatibilità tra il Vangelo e le mafie" scrive don Luigi Ciotti sulle pagine del periodico cattolico Famiglia Cristiana, spiegando quanto sia importante per la Chiesa ribadire la propria responsabilità sociale e l'interesse per il bene comune

  3. Riparte Reggio Libera Reggio

    Il 5 Luglio alle ore 18.00 presso l'auditorium "Don Orione", sito sull'omonima via, antistante il santuario di S.Antonio, sarà rilanciata la campagna "ReggioLiberaReggio - La libertà non ha pizzo" all'interno di un momento di riflessione con il quale ci appelleremo alla città chiedendo a tutti di unire le forze verso un unico obiettivo comune: il contrasto al racket e la diffusione del consumo responsabile.