Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Cirò Marina (KR): la gestione sociale dei beni confiscati alle mafie

CIRO' MARINA - TEATRO ALIKIA
VENERDI' 11 NOVEMBRE - ORE 15.00
Il seminario, aperto al pubblico, rientra nell'ambito del programma del corso di formazione "Imprenditore sociale e agricoltura biologica" rivolto a 30 giovani del territorio e finalizzato alla promozione di una cooperativa sociale per la gestione dei terreni confiscati nei comuni di Cirò e Isola di Capo Rizzuto.

Programma della giornata
Ore 15.00 Saluti delle autorità
- Sindaco di Cirò Marina
- Sindaco di Cirò
Ore 15.30 - Interventi
- Davide Pati, Presidenza nazionale di Libera
- Don Pasquale Aceto , Cooperativa Stella Maris
- Roberto Salerno, Presidente Camera di Commercio di Crotone
- Raffaele Mazzotta, Procuratore della Repubblica di Crotone
- Vincenzo Panico, Prefetto di Crotone
- Monsignor Domenico Graziani, Vescovo di Crotone

 

Comunicati

  1. A Roma da giovedì la terza edizione di Contromafie di Libera

    Tutto pronto per la Terza edizione di Contromafie, gli Stati Generali dell'Antimafia, che si svolgeranno a Roma dal 23 al 26 ottobre promossi da Libera. Quattro giorni di impegno, di confronto e studio per fare il punto sulla lotta alle mafie e alla corruzione.

  2. Libera su minacce a onorevole Spadoni

    Domenica la parlamentare reggiana Maria Edera Spadoni ha sporto denuncia contro ignoti, poiché al termine di una manifestazione svoltasi nella giornata precedente, tre persone le hanno intimato di non parlare più delle infiltrazioni mafiose nel territorio citando Grande Aracri.

  3. Riapre la Bottega di Libera "Pio La Torre" a Roma

    Riapre in Via dei Prefetti, 23 a Roma  la Bottega dei Sapori e dei Saperi "Pio La Torre". Un piccolo spazio in cui si respira aria di corresponsabilità con i prodotti di Libera Terra coltivati nelle terre confiscate alle mafie.