Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Muggia (TS), 19 luglio 1992: esperienze a confronto

SABATO 16 LUGLIO ALLE 20.30 PRESSO IL TEATRO VERDI DI MUGGIA (TS) il coordinamento provinciale di LIBERA e la segreteria provinciale del SIULP, in collaborazione con il Comune di Muggia, organizzano l'incontro:
"19 luglio 1992: esperienze a confronto" con Gian Carlo CASELLI e Salvatore BORSELLINO.

Conclusioni di Felice ROMANO, segretario nazionale SIULP.

Modera gli interventi Lorenzo FRIGERIO di Libera Informazione.

 

Comunicati

  1. I battesimi con gli agenti in chiesa. Vita sotto scorta di don Ciotti

    Alle undici tutto è pronto per l'arrivo dell'uomo più minacciato d'Italia. In cima alla strada, davanti alla pizzeria Da Enzo, quattro pattuglie dei carabinieri sono in attesa. La notte prima, dalle 23 all'una, gli uomini e i cani dell'unità cinofila hanno ispezionato i locali. Subito dopo sono arrivati gli artificieri. Al mattino, poco prima che la gente cominciasse a riempire la sala, hanno rifatto gli stessi controlli.

  2. Gioco d'azzardo: Libera e Gruppo Abele estranee all'accordo siglato tra "Mettiamoci in gioco" e "Sistema Gioco Italia"

    Libera e Gruppo Abele in merito al protocollo d'intesa siglato da Sistema Gioco Italia" e la campagna "Mettiamoci in gioco", senza entrare nel merito di quanto previsto e fatta salve le buone intenzioni di chi l'ha promosso, a cominciare dal coordinatore della campagna Don Armando Zappolin, di cui conosciamo e apprezziamo l'impegno, ritengono doveroso precisare la loro estraneità a quanto accaduto.

  3. Don Luigi Ciotti sull'articolo pubblicato su Vita.it

    All'articolo pubblicato su Vita.it - "Caro don Ciotti, chi non dice no alle sale gioco è ancora complice?" - Libera e il Gruppo Abele  risponderanno con una nota congiunta. Ma poiché il testo mi chiama in causa in prima persona, vorrei precisare nel frattempo alcune cose.