Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Presentati Libero Cinema in Libera Terra ed E!state Liberi 2011

 
 

La sesta edizione di LIBERO CINEMA IN LIBERA TERRA, festival itinerante che porta il cinema nelle terre confiscate alle mafie e restituite alla legalità, attraversa anche quest'anno l'intera penisola, confermando l'impegno contro le mafie anche nel Nord Italia. Si aggiungono alcune nuove tappe, tra le quali: Castelfranco Emilia, Isola di Capo Rizzuto a fianco del sindaco Carolina Girasole, a Pollica per ricordare Angelo Vassallo, a Castelvetrano dove è nata una nuova cooperativa di Libera Terra. Il tour si conclude a Firenze durante la festa nazionale di Libera.
Libero Cinema in Libera Terra è promosso da CINEMOVEL FOUNDATION, con la presidenza onoraria di ETTORE SCOLA, e da LIBERA: associazioni, nomi e numeri contro le mafie, presieduta da don LUIGI CIOTTI. Il progetto è sostenuto da Fondazione Unipolis, si avvale della collaborazione delle cooperative di Libera Terra e del contributo di BNL, Coop Adriatica, Regione Emilia Romagna - Assemblea Legislativa, Europe Direct - coordinamento Emilia Romagna, Fondazione con il Sud, Gruppo Hera, Comune di Bari, Comune di Lanuvio. Per la prima volta il programma viene presentato nei locali della Presidenza della provincia di Roma.
Lo scopo di Libero Cinema in Libera Terra è coinvolgere i cittadini del presente, cosmocivici (da una definizione della scrittrice Fatema Mernissi), nuovi cittadini del mondo globalizzato convinti che la democrazia si sperimenti nel pubblico confronto, nel bilanciamento delicato fra libertà e regole comuni. Anche quest'anno Libero Cinema incontrerà i tanti ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia e di tutte le età che ogni estate scelgono di fare un'esperienza di volontariato e di formazione civile sui terreni confiscati, gestiti dalle cooperative sociali di Libera Terra.
 
IL PROGRAMMA 2011. Si parte venerdì 1 luglio 2011 in Lombardia, a Galbiate (LC) presso la Cooperativa Arcobaleno con Pietro di Daniele Gaglianone. Il 2 luglio a San Sebastiano Po (TO) nella Cascina Caccia sarà proiettato il film di Laura Halinovic, che sarà presente alla proiezione, Io, la mia famiglia rom e Woody Allen. Domenica 3 luglio ci si sposta in Emilia-Romagna, a Castelfranco Emilia (MO) nel Parco della Resistenza a Ca' Ranuzza per proiettare Una vita tranquilla di Claudio Cupellini, alla presenza dello sceneggiatore Guido Iuculano.
Tappa significativa quella di martedì 5 luglio a L'Aquila, in Piazza del Duomo con Angela di Roberta Torre. Dal 6 luglio la carovana si sposta in Sud Italia con la tappa barese: sarà proiettato I malavoglia di Pasquale Scimeca che incontrerà personalmente il pubblico. Il 7 luglio a Mesagne (BR) in Piazza Orsini è in programma L'uomo fiammifero di Marco Chiarini che introdurrà il film. A Matera, venerdì 8 luglio, è la volta de Il sangue verde di Andrea Segre, alla presenza del regista. Sabato 9 luglio in Calabria, ad Isola Capo Rizzuto (KR), sarà proiettato Il primo incarico di Giorgia Cecere, presente alla proiezione, e Libero Cinema in Libera Terra appunti per un film. L'11 luglio a Polistena (RC) sarà ricordata la coraggiosa figura del giornalista Giancarlo Siani con Fortapasc di Marco Risi. Introdurrà il film Lucio Musolino, giornalista de Il Fatto Quotidiano. Dal 12 luglio la carovana si sposta per 4 date in Sicilia: si comincia martedì 12 luglio a Belpasso (CT), nella cooperativa Beppe Montana - Contrada Casabianca, con Pietro di Daniele Gaglianone. Il 13 luglio a Naro (AG) sarà proiettato uno dei film rivelazione del 2009 La bocca del lupo di Pietro Marcello, mentre l'indomani 14 luglio a Castelvetrano (TP) Marina di Salinunte sarà possibile vedere L'uomo fiammifero di Marco Chiarini, presente alla proiezione. La tappe siciliane si chiudono venerdì 15 luglio a Roccamena (PA) Piazza Giovanni XXIII con Tatanka di Giuseppe Gagliardi, presente alla proiezione. Il 17 luglio ci si sposta a Pollica (SA) Porto di Acciaroli per vedere Biutiful Cauntri di Esmeralda Calabria, Andrea D'Ambrosio, Peppe Ruggiero che presenteranno il film. Martedì 19 a Castel Volturno (CE), nella Cooperativa Don Peppe Diana è in programma Into Paradiso di Paola Randi. A Lanuvio (RM), il 20 luglio, sarà proiettato La nostra vita di Daniele Lucchetti.
Grande festa finale il 23 luglio in Toscana alla Fortezza da Basso a Firenze per la festa di Libera dove saranno proiettati '43 - '97 di Ettore Scola, I gatti persiani di Bahman Ghobadi, Libero Cinema in Libera Terra appunti per un film, Onda Libera.

E!STATE LIBERI 2011. Dodici regioni, trenta campi sui beni confiscati, con il coinvolgimento di oltre 4000 volontari. E non solo sud ma anche Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana, Marche, Abruzzo. Un'estate all'insegna delle responsabilità e dell'impegno contro le mafie. Estate Liberi 2011 sono i campi di studio e di volontariato sui beni confiscati organizzati da Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. Da giugno a settembre ragazzi, studenti, giovani da tutt'Italia e dall'Europa potranno partecipare ad un'esperienza di impegno civile con i campi di volontariato sui terreni e beni che una volta appartenevano ai boss delle principali organizzazioni criminali. Dalla Piana di Gioia Tauro sulle proprietà confiscate ai Piromalli, alle terre un tempo appartenenti a Brusca e Riina nel corleonese, passando per la Puglia sulle tenute che erano della famiglia Screti, ai caseifici dei casalesi. Dalla Sicilia alla Campania, dalla Puglia alla Calabria, attraversando la Toscana, Sardegna, Piemonte, Marche e Abruzzo sui quei beni che una volta erano cosa loro, i giovani diventano "protagonisti" con un impegno concreto di responsabilità e condivisione. L'obiettivo principale dei campi di volontariato e di studio sui beni confiscati alle mafie è quello di diffondere una cultura fondata sulla legalità e giustizia sociale che possa efficacemente contrapporsi alla cultura della violenza, del privilegio e del ricatto. L'attività dei campi di lavoro si svolge su vari momenti: il lavoro agricolo o
attività di risistemazione del bene, lo studio e l'incontro con il territorio per uno scambio interculturale. Volontari incontreranno e si confronteranno con i familiari delle vittime di mafia, giornalisti, rappresentanti delle istituzioni e con gli operatori delle cooperative sociali. Estate Liberi non è una semplice campagna di volontariato, è un viaggio collettivo che coinvolge a pieno cittadini, associazioni, cooperative e istituzioni, un "noi" che per il 2011 si rinnova con obiettivi sempre più ambiziosi.

Comunicati

  1. Libera Puglia su vicenda Valenzano

    Sull'episodio del pallone aerostatico verificatosi nei giorni scorsi a Valenzano durante la festa patronale di San Rocco e ora oggetto di inchiesta della Dda di Bari e di una interrogazione parlamentare, aleggia il sospetto che si sia trattato di una esplicita dichiarazione di controllo del territorio da parte del locale clan Buscemi-Stramaglia. La vicenda riporta alla mente analoghi episodi verificatisi in altri comuni italiani durante le celebrazioni religiose, occasioni propizie per lanciare alla comunità riunita messaggi dissimulati più o meno facilmente interpretabili. 

  2. Antonio Scopelliti, un grande magistrato temuto per la sua intelligenza e per la sua onestà

    Lo chiamavano il "giudice solo". Antonio Scopelliti viene ammazzato il 9 agosto 1991 nella sua Calabria, vittima di un agguato mafioso, mentre era in auto, da solo e senza scorta.

  3. On line il programma del campo di E!state Liberi "Riconosci e combatti la corruzione"

    Dal 29 al agosto al 4 settembre a Castel Volturno si svolgerà il primo campo di E!state Liberi dedicato al tema della lotta e prevenzione della corruzione, organizzato dal settore dedicato che fa capo a Libera e Gruppo Abele e dagli operatori che gestiscono il bene confiscato di Casa Alice, della città casertana.