Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Libera Puglia

[19/07/17] Mottola (TA): 25° Anniversario della Strage di Via D'amelio
Il 19 luglio 2017 alle ore 20:30 presso il VIllino Odaldo Mottola (TA), Contrada Tamburello. Rappresentazione teatrale ideata e interpretata da Anna Carbotti, con Mariangela Lovecchio.

 

[10/07/17] Palagiano (TA):  Pellicole Libere 
Presso il Cafelab, Viale Stazione, Palagiano. Inizio proiezione alle ore 20:30.

 
 
 
  1. Libera su omicidi a San Marco in Lamis (Foggia)

    Libera su omicidi a San Marco in Lamis (Foggia)

    L'agguato del 9 agosto è la dimostrazione che siamo davanti una guerra criminale, feroce e violenta, una guerra in atto da tempo ma sottovalutata. Foggia, la Capitanata , il Gargano sono teatro di di una lunga scia di sangue che confermano ulteriormente una presenza mafiosa violenta e ben radicata nel territorio.

  2. Polizia, su Twitter video don Ciotti con berretto da poliziotto

    Polizia, su Twitter video don Ciotti con berretto da poliziotto

    Don Ciotti impartisce la benedizione durante la Messa per ricordare tutte le vittime di mafia e indossa il berretto da poliziotto. Il video è stato postato sull'account Twitter della Polizia di Stato. Giovedì 25 maggio, dopo la firma del protocollo d' intesa a Lecce, il Capo della Polizia Franco Gabrielli ha partecipato nella chiesa di Calimera alla messa celebrata da Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, da sempre vicino alla famiglia di Antonio Montinaro, il poliziotto capo scorta di Falcone morto nella strage di Capaci. 

  3. A Foggia la XXIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

    A Foggia la XXIII giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

    Il 21 marzo, primo giorno di primavera, Libera e Avviso Pubblico, insieme ai familiari delle vittime innocenti delle mafie,  alle  associazioni ai sindacati, alle scuole, ai cittadini , si ritrovano in migliaia di  luoghi per celebrare la Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo di tutte le  vittime innocenti delle mafie, e rinnova in nome di quelle vittime l'impegno nella lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione per una  primavera della verità e della giustizia sociale.

  4. Libera Palagiano ha incontrato i candidati Sindaco

    Libera Palagiano ha incontrato i candidati Sindaco

    L'appuntamento organizzato dal Presidio Libera Palagiano "Giovanbattista Tedesco" lo scorso 13 maggio presso l'Aula Consiliare del Comune di Palagiano, volto a raccogliere un impegno oneroso in termini di responsabilità da parte dei candidati alla carica di Sindaco delle prossime amministrative, ha voluto dimostrare chiaramente quello che è il ruolo di Libera nella politica.

 

Menu di sezione

Dossier realizzato dall'osservatorio LiberaInformazione sulla situazione dell'Ilva.
 
.
 

Comunicati

  1. Libera su omicidi a San Marco in Lamis (Foggia)

    L'agguato del 9 agosto è la dimostrazione che siamo davanti una guerra criminale, feroce e violenta, una guerra in atto da tempo ma sottovalutata. Foggia, la Capitanata , il Gargano sono teatro di di una lunga scia di sangue che confermano ulteriormente una presenza mafiosa violenta e ben radicata nel territorio.

  2. Don Ciotti, necessario politica torni parlare con le persone

    Perche' la democrazia torni a essere "potere del popolo" e' necessario che la politica torni a parlare con le persone e non alle persone. E necessario che agisca con loro, non al loro posto". Cosi' don Luigi Ciotti, presidente di Libera, a margine di un incontro a Rispescia (Grosseto) dove e' in corso Festambiente.

  3. La rivolta delle donne, una crepa nelle mafie

    I momenti di silenzio e di preghiera, la riflessione e l'attenzione ai segni di speranza non possono andare in ferie. Tanto più se quei segni annunciano possibili svolte e cambiamenti, conquiste o riconquiste di civiltà. Nel mondo chiuso e violento delle mafie sta avvenendo un fatto nuovo e potenzialmente di-rompente: la rivolta delle donne, la presa di coscienza dei giovani. Leggi l'editoriale di don Luigi Ciotti sul numero 32 di Famiglia Cristiana