Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Terremoto Aquila, due anni dopo per non dimenticare le tante crepe nella ricostruzione

L'art. 4 della Costituzione  parla del dovere di tutti i cittadini di svolgere azioni per il bene comune e la ricerca della verita'. Come Libera sin dalle prime ore del post terremoto stiamo facendo proprio questo. Nulla di piu'. Vogliamo una ricostruzione pulita e lo dobbiamo a quanti sono rimasti sotto a edifici costruiti con sabbia di mare o con cemento scadente. L' Abruzzo è una  terra  stupenda, forte e generosa, anche se ora con tante ferite, ed ha tutti gli anticorpi possibili per reagire. Deve prevalere l'idea del noi  e del rispetto della  dignita' dei cittadini.

I numeri della ricostruzione
A due anni dal terremoto di magnitudo 6.3 che alle 3.32 del 6 aprile devasto' L'Aquila e provincia, provocando 309 morti, circa 2.000 feriti e la distruzione di un ingente patrimonio architettonico, la ricostruzione sembra procedere a rilento e, soprattutto, mancano certezze su 'quando' la situazione tornera' normale. Nel secondo anniversario della tragedia, gli aquilani ricorderanno le vittime con alcune manifestazioni: spiccano la fiaccolata, in partenza dalle 23 del 5 aprile dalla Fontana Luminosa per arrivare in Piazza Duomo alle 3.15 del 6 e, nella serata del 6, il concerto dei giovani musicisti del conservatorio. Sarà presente in visita ufficiale il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Sono ancora 37.733  le persone assistite nel Comune dell'Aquila e nei 56 del cratere sismico, secondo i dati recenti della Struttura per la Gestione dell'Emergenza (Sge). Di queste, poco meno di 23 mila risiedono in alloggi a carico dello Stato; circa 13 mila sono beneficiarie del contributo di autonoma sistemazione (200 euro a persona ogni mese) e 1.328 sono ancora in strutture ricettive abruzzesi e nelle caserme. A far discutere ci sono anche le macerie, la cui stima precisa e' difficile elaborare: milioni di tonnellate di materiali derivanti dai crolli e dalle demolizioni. Migliaia di aquilani vivono in 19 'new town', ma cio' che risulta difficile e' ricostruire il tessuto sociale. Conferma questa situazione la ricerca 'Microdis-L'Aquila', degli atenei di Firenze, Marche e L'Aquila, condotta su 15 mila terremotati. Dallo studio - secondo cui la ricostruzione e' 'piu' lenta che in Indonesia' - emerge la mancanza di luoghi di ritrovo per una 'comunita' morta assieme al sisma'. Tutto cio' ha portato ad un aumento dei casi di ansia e depressione che, per il locale Dipartimento di Salute Mentale, sono causati non solo dal terremoto in se', ma anche dal venir meno della rete sociale.

Terremoto giudiziario, a rischio prescrizione
A due anni dal terremoto la Procura della Repubblica dell'Aquila,  ha pressoche' concluso il corposo lavoro di indagine che ruota intorno ai crolli del terremoto che hanno causato la morte di 309 persone.Quella che e' stata definita ben presto la maxi inchiesta sul terremoto ha portato all'apertura di circa 215 fascicoli: di questi 15, tra cui quello sul crollo della casa dello studente, uno dei simboli piu' commoventi del sisma, sono procedimenti in corso che in andranno a processo. La restante parte - circa 200 - o e' stata archiviata oppure e' oggetto di istanze di archiviazione. Accanto alla maxi inchiesta sul terremoto, viaggia l'inchiesta sulla commissione Grandi Rischi, per la quale i pm aquilani hanno iscritto sul registro degli indagati sette persone, tra cui vertici della Protezione civile nazionale e dell'istituto nazionale di geofisica e Vulcanologia (Ingv) che parteciparono all'Aquila alla riunione del 31 marzo 2009, cinque giorni prima del sisma, al termine della quale - secondo l'accusa - furono lanciati messaggi rassicuranti che non fecero attivare precauzioni in grado di salvare vite umane.

 
 
 
 

Comunicati

  1. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  2. La Provincia di Varese - Don Luigi e la sua forza nella bellezza delle montagne

    Francesco Caielli racconta l'incontro con don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, avvenuto in alta montagna dove "le urla sono ovattate e le differenze sono azzerate dalla bellezza e dalla fatica"

  3. Libera e Gruppo Abele aderiscono a Puliamo il Mondo

    Tra il 23 ed il 25 settembre migliaia di cittadini scenderanno in campo per dare un aiuto concreto al nostro stupendo territorio, troppo spesso vittima dell'incuria e dell'indifferenza generale.