Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Reggio Calabria: conf. stampa su agguato imprenditore

Sabato 12 gennaio 2011 ore 11,00 Sede di Libera, via P.Pellicano, 21/H Reggio Calabria

All'alba del 9 febbraio 2011 hanno sparato contro Tiberio Bentivoglio per uccidere l'uomo e, con l'uomo, il percorso di liberazione dal ricatto delle cosche che, attraverso la campagna antiracket ReggioliberaReggio, stiamo indicando da oltre un anno agli imprenditori e ai commercianti reggini.
Hanno tentato di porre fine ad una vita e, nel contempo, ad un'esperienza che evidentemente sta cogliendo nel segno, alimentando nervosismi e reazioni violente. Convinti della inderogabile necessità di non abbassare la guardia  e per sollecitare una chiara ed immediata assunzione di responsabilità da parte di tutte le istituzioni preposte, il LIBERA, associazioni, nomi e numeri contro le mafie  hanno convocato una conferenza stampa per sabato 12 febbraio alle ore 11.00 presso la sede del coordinamento reggino di Libera, in via P.Pellicano, 21/H.

Libera - Coordinamento Reggio Calabria
L' Ufficio stampa
Per informazioni: 0965/894706 - Cell.349.6069587

 

Comunicati

  1. Diario dai campi: la bellezza che Resiste

    Questa terra non è come tutte le altre. Essere qui vuol dire viaggiare alla scoperta di una storia, di un'idea, di un racconto. Te ne accorgi subito.

  2. Libera Reggio Emilia sul legame tra politica e mafie

    A seguito della proiezione della video inchiesta  "La 'Ndrangheta di casa nostra. Radici in terra emiliana" come coordinamento di Libera Reggio Emilia vogliamo innanzi tutto ringraziare i ragazzi di Cortocircuito per l'ottimo lavoro svolto ed esprimere loro piena vicinanza. 

  3. Diario dei campi: Non ho mai visto occhi stanchi di conoscere

    Inizio il mio diario con una frase che Francesca disse sabato notte, in attesa dell'alba. In quel momento, dopo una settimana di lavoro e poche ore di sonno, i nostri occhi si stavano effettivamente chiudendo, ma stavamo cercando in tutti i modi di stare svegli, di ascoltare mentre ci raccontava la storia di Roberto Antiochia e Ninni Cassarà.