Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise PÓgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Reggio Calabria: conf. stampa su agguato imprenditore

Sabato 12 gennaio 2011 ore 11,00 Sede di Libera, via P.Pellicano, 21/H Reggio Calabria

All'alba del 9 febbraio 2011 hanno sparato contro Tiberio Bentivoglio per uccidere l'uomo e, con l'uomo, il percorso di liberazione dal ricatto delle cosche che, attraverso la campagna antiracket ReggioliberaReggio, stiamo indicando da oltre un anno agli imprenditori e ai commercianti reggini.
Hanno tentato di porre fine ad una vita e, nel contempo, ad un'esperienza che evidentemente sta cogliendo nel segno, alimentando nervosismi e reazioni violente. Convinti della inderogabile necessitÓ di non abbassare la guardia  e per sollecitare una chiara ed immediata assunzione di responsabilitÓ da parte di tutte le istituzioni preposte, il LIBERA, associazioni, nomi e numeri contro le mafie  hanno convocato una conferenza stampa per sabato 12 febbraio alle ore 11.00 presso la sede del coordinamento reggino di Libera, in via P.Pellicano, 21/H.

Libera - Coordinamento Reggio Calabria
L' Ufficio stampa
Per informazioni: 0965/894706 - Cell.349.6069587

 

Comunicati

  1. I sentieri della memoria

    Si sta avvicinando l'undicesimo 22 luglio, data simbolo in cui l'Associazione Libera promuove "I Sentieri della Memoria", una marcia fino a Pietra Cappa, nel cuore dell'Aspromonte e nel comune di San Luca, per ricordare Loll˛ Cartisano e tutte le vittime innocenti della 'ndrangheta.

  2. Cerignola: tornano i campi di volontariato di Libera su beni confiscati alla mafia

    Puntuali come l'estate tornano i campi di volontariato di "E!State Liberi!" organizzati da Arci, CGIL, Spi Cgil, Flai Cgil e Libera. 

  3. La prigione dei giudici | La vera storia dell'Asinara

    Nell'agosto del 1985 Falcone e Borsellino, minacciati dalla mafia, vennero costretti all'esilio con le famiglie sull'isola del Diavolo. E anche per loro quel paradiso fu un inferno. Articolo di Attilio Bolzoni su Repubblica | 20 luglio 2014