Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Chi siamo

"Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" è nata il 25 marzo 1995 con l'intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull'uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l'educazione alla legalità democratica, l'impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall'Eurispes tra le eccellenze italiane.  Nel 2012 è stata inserita dalla rivista The Global Journal nella classifica delle cento migliori Ong del mondo: è l'unica organizzazione italiana di "community empowerment" che figuri in questa lista, la prima dedicata all'universo del no-profit.

 
 

Comunicati

  1. Rassegna stampa su minacce Riina a don Ciotti

    La notizia delle minacce di morte rivolte da Totò Riina a don Luigi Ciotti e la risposta del presidente di Libera e della società responsabile sui maggiori quotidiani nazionali.

  2. Ciuri di campo

    Sui passi di Peppino, 1978-1982: L'Italia vista da Palermo. Palermo vista dall'Italia.
    Percorso di studio e ricerca sul campo - Marina di Cinisi, Palermo - 31 agosto - 7 settembre 2014

  3. Milano: Casa Libera, il NOI che vince

    Milano: il nostro referente regionale Davide Salluzzo intervistato dalla rivista UNO ci parla del bene confiscato a Trezzano sul Naviglio