Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Chi siamo

"Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" è nata il 25 marzo 1995 con l'intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull'uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l'educazione alla legalità democratica, l'impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall'Eurispes tra le eccellenze italiane.  Nel 2012 è stata inserita dalla rivista The Global Journal nella classifica delle cento migliori Ong del mondo: è l'unica organizzazione italiana di "community empowerment" che figuri in questa lista, la prima dedicata all'universo del no-profit.

 
 

Comunicati

  1. I battesimi con gli agenti in chiesa. Vita sotto scorta di don Ciotti

    Alle undici tutto è pronto per l'arrivo dell'uomo più minacciato d'Italia. In cima alla strada, davanti alla pizzeria Da Enzo, quattro pattuglie dei carabinieri sono in attesa. La notte prima, dalle 23 all'una, gli uomini e i cani dell'unità cinofila hanno ispezionato i locali. Subito dopo sono arrivati gli artificieri. Al mattino, poco prima che la gente cominciasse a riempire la sala, hanno rifatto gli stessi controlli.

  2. Miseria ladra, è un paese diseguale

    Oggi (il 17 ottobre per chi legge) saremo tutto il giorno davanti al Par­la­mento per ricor­dare come il prin­ci­pale pro­blema del nostro paese sia l'impoverimento che col­pi­sce 16 milioni di ita­liani ed ita­liane. Lo fac­ciamo nella gior­nata mon­diale per l'eliminazione della povertà, isti­tuita nel 1993 dalle Nazioni Unite. Una gior­nata mon­diale che cade nel più com­pleto disin­te­resse delle nostre isti­tu­zioni nazio­nali. La povertà è oggi il prin­ci­pale pro­blema del nostro paese ed ogni anno è sem­pre peggio.

  3. Gioco d'azzardo: Libera e Gruppo Abele estranee all'accordo siglato tra "Mettiamoci in gioco" e "Sistema Gioco Italia"

    Libera e Gruppo Abele in merito al protocollo d'intesa siglato da Sistema Gioco Italia" e la campagna "Mettiamoci in gioco", senza entrare nel merito di quanto previsto e fatta salve le buone intenzioni di chi l'ha promosso, a cominciare dal coordinatore della campagna Don Armando Zappolin, di cui conosciamo e apprezziamo l'impegno, ritengono doveroso precisare la loro estraneità a quanto accaduto.