Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Memoria

Il settore Memoria di Libera si occupa di tutte le attività necessarie a mantenere vivo il ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Ricostruire e diffondere le loro storie, associando ai nomi un volto, significa sia salvaguardare il loro diritto al ricordo che assolvere il nostro dovere sociale di fissarli nella memoria collettiva, sottolineando la dimensione pubblica di questi drammi privati. In quest'ottica ci prefiggiamo di rompere l'isolamento dei loro familiari ma anche offrire esempi alle nuove generazioni perché tragedie così non accadano più. E' fondamentale conoscere l'ambiente economico-sociale-culturale in cui si sono svolti i fatti e valutare se e cosa da allora è cambiato. Ricostruire una storia, quindi, è necessario anche per analizzare lo sviluppo delle dinamiche mafiose e delle strategie di contrasto. Vittime delle mafie non sono solo le persone uccise dalla violenza criminale, ma anche i loro congiunti. Per questo, obiettivo del Settore Memoria è non solo tutelare la memoria di chi non c'è più, ma anche camminare al fianco dei loro familiari, organizzando momenti di confronto e formazione, sostenendo la loro ricerca di giustizia, promuovendo strumenti di sostegno più soddisfacenti, affinché siano tutelati i diritti di chi continua a vivere nel dolore.

Per maggiori informazioni contattare l'indirizzo mail: memoria@libera.it

 

 

[21/03/17] Brescia: XXII giornata della memoria e dell'impegno
Martedì 21 marzo alle ore 10,30 in Piazza Loggia a Brescia, XXII giornata della memoria e dell'impegno

 

[23/03/17] Milano: proiezione film Lea

Giovedì 23 e venerdì 24 marzo presso il cinetaeatro "La Creta" a Milani, proiezione del film Lea

 
 
 
  1. Libera e la responsabilità della memoria

    Libera e la responsabilità della memoria

    Libera vuole rafforzare la propria responsabilità della memoria e presenta Vivi, un archivio multimediale, aperto e accessibile a tutti, dove sono raccolte tutte le storie delle vittime innocenti delle mafie. Un album collettivo in cui ritrovare la memoria dei propri territori.

  2. Da Locri l'urlo contro tutte le mafie

    Da Locri l'urlo contro tutte le mafie

    Il 21 marzo la Giornata della memoria coi vescovi calabresi in prima linea. L'evento promosso da Libera e da Avviso pubblico si svolgerà nella cittadina jonica, luogo simbolo della battaglia alla 'ndrangheta. Col diretto sostegno della Conferenza episcopale calabra
    Articolo di Antonio Maria Mira su  Avvenire | 19 febbraio 2017

  3. Dalla memoria all'impegno : Libera Catanzaro ricorda le vittime calabresi di mafia

    Dalla memoria all'impegno : Libera Catanzaro ricorda le vittime calabresi di mafia

    Riprendono i percorsi formativi promossi dal coordinamento provinciale di Libera Catanzaro. La proposta di quest'anno "Dalla memoria all'impegno"  ha l'obiettivo di far conoscere alle nuove generazioni le azioni svolte da uomini e donne uccisi nella nostra regione dalla mafia approfondendo i fondamenti che hanno caratterizzato il loro operato e le modalità con cui hanno promosso giustizia sociale, di coinvolgere, formare e preparare alla XXII edizione della Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti di tutte le mafie, che quest'anno si svolgerà in Calabria a Locri il 21 marzo 2017.

  4. "Premio Cimminiello - Per non restare all'angolo"

    "Premio Cimminiello - Per non restare all'angolo"

    Il Presidio di Libera Vomero-Arenella vi invita a partecipare alla terza edizione del "Premio Cimminiello - Per non restare all'angolo", patrocinato dal Comune di Napoli ed istituito dallo stesso Presidio in memoria di Gianluca Cimminiello, vittima innocente della camorra.

Comunicati

  1. In riferimento alle scritte apparse sui muri del vescovado

    Siamo i primi, da sempre, a dire che il lavoro è necessario, anzi che èil primo antidoto alle mafie. Ma che sia un lavoro onesto, tutelato dai diritti, non certo quello procurato dalle organizzazioni criminali.

  2. Il Vescovo di Locri esprime vicinanza a don Luigi Ciotti e a Libera

    In merito alle scritte minacciose e ingiuriose contro don Luigi Ciotti, apparse questa mattina sui muri dell'Episcopio e in altri luoghi di Locri, la comunità diocesana attraverso il vescovo, monsignor Francesco Oliva, esprime piena e convinta solidarietà a don Luigi. Apprezza e sostiene l'impegno e la scelta fatta da Libera di tenere a Locri la manifestazione principale della Giornata della Memoria e dell'Impegno del 2017.

  3. Inaugurato il presidio di Libera a Conversano

    Si è presentato ufficialmente alla città il Presidio Libera di Conversano, il gruppo cittadino dell'associazione ispirata e promossa da don Ciotti con l'intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Lunedì sera, alla Casa delle Arti, i promotori hanno illustrato il percorso che ha portato alla nascita del gruppo locale.