Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

XV Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie

 
 

 
 
 
Banner del 20 marzo 2010

La XV Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie, si celebrerà in Lombardia, a Milano, sabato 20 marzo 2010.

Milano sarà protagonista dei giorni del 19 (con l'incontro tra i familiari delle vittime e a seguire momento ecumenico di ricordo delle vittime) e del 20 (con la marcia al mattino e i seminari).

Sarà come sempre importante coinvolgere tutta la rete di Libera, gli studenti, la cittadinanza e le associazioni piccole e grandi.

Il tema che porremo al centro della Giornata, sarà la dimensione finanziaria delle mafie. Troppo spesso si licenzia frettolosamente ancora oggi il problema mafie come qualcosa che riguarda solo alcune regioni del Sud Italia. Sappiamo per certo che non è così, che oggi le mafie investono in tutto il mondo e che nel Nord Italia ci sono importanti cellule di famigerati clan, che riciclano denaro sporco, investono capitali nell'edilizia e nel commercio, sono al centro del narcotraffico, sfruttano attraverso lavoro nero.
La corruzione, oggi nuovamente a livelli altissimi come sottolineato dalla Corte dei Conti, è un fenomeno presente in misura crescente dove ci sono maggiori possibilità di business: è dunque il Nord tutto a doversi guardare da questi fenomeni di penetrazione di capitali illeciti.

Milano è la città in cui fu ucciso nel 1979 Giorgio Ambrosoli, avvocato esperto in liquidazioni coatte amministrative, che stava indagando sui movimenti del banchiere siciliano Michele Sindona.

Milano è la città in cui il 27 luglio del 1993 ci fu una delle bombe che esprimevano l'attacco diretto allo Stato da parte della mafia: la strage di via Palestro, nei pressi del Padiglione di Arte Contemporanea. Ci furono cinque morti.

Milano è infine la città in cui si terrà l'Expo nel 2015, una manifestazione che attrarrà ingenti capitali e su cui sarà importante vigilare al fine di non consentire l'infiltrazione delle mafie.

Per tutte queste ragioni e per molte altre, ci ritroveremo il 20 marzo 2010 a Milano, per celebrare la XV Giornata Nazionale della Memoria e dell'Impegno, in ricordo delle vittime delle mafie.

IL PROGRAMMA DELLE GIORNATE E I SEMINARI TEMATICI
 
 

Segr. organizzativa
c/o ACLI Provinciale Milano
Via della Signora 3, 20122 Milano
E-mail: milano.20marzo@libera.it Tel. 02.7723221 Fax: 0276015257

Per ricettività alberghiera
Agenzia Guglie Viaggi
booking@guglieviaggi.it
Marco: 02 7762204

Per ospitalità presso oratori, palestre ed altre strutture con proprio sacco a pelo e materassino, inviare una mail specificando recapiti, provenienza, data e ora di arrivo a milano.20marzo@libera.it

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Comunicati

  1. Musica contro le mafie

    "Musica contro le mafie" è un importante premio musicale che coniuga la musica all'impegno sociale.

  2. Libera non aderisce alla manifestazione "Antimafia Capitale: per la Legalità contro le mafie"

    In merito alle notizie riportate da alcuni organi di stampa, si precisa che Libera non aderisce alla manifestazione "Antimafia Capitale: per la Legalità contro le mafie" che si svolgerà domani giovedì 3 settembre a Roma in piazza San Giovanni Bosco, essendo Libera un coordinamento di associazioni, più di 1.600 dove ciascuna realtà è libera di aderire, di costruire i propri percorsi e fare le proprie scelte.

  3. Targhe divelte all'Università di Salerno, Libera stigmatizza l'atto

    Qualunque atto che, in qualunque modo e con qualsiasi finalità, colpisca la memoria delle vittime innocenti delle mafie merita la più ferma condanna e la più decisa stigmatizzazione per il solo fatto di essere stato compiuto. È per questo che, come Libera, ma ancor prima come cittadini campani e salernitani, avvertiamo il dovere di denunciare con forza quanto accaduto nel Giardino della Legalità "Falcone e Borsellino" dell'Università di Salerno.