Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Legami di legalità, legami di responsabilità

 
 

XV GIORNATA DELLA MEMORIA E DELL'IMPEGNO
IN RICORDO DELLE VITTIME DELLE MAFIE

20 marzo 2010 - Milano

in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

 
21 marzo 2009 a Napoli, gruppo di ragazze
21 marzo 2009 a Napoli

Come ogni anno dal 1996, si celebra col primo giorno di primavera la Giornata Nazionale della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Quest'anno Libera ha scelto come territorio protagonista Milano e la Lombardia tutta, dove si svolgeranno moltissime iniziative in vista della Giornata del 20 marzo.

Come di consueto, Libera Formazione propone alcune attività di preparazione alla Giornata:

- "Dalla parte giusta", guida per gli insegnanti edito da Giunti Progetti Educativi e Edizioni Gruppo Abele. E' un percorso di formazione da fare in classe, nelle scuole di ogni ordine e grado, che sarà disponibile gratuitamente per tutti i docenti che ne faranno richiesta, a partire dal 5 febbraio 2010.
La guida è inerente il tema delle mafie finanziarie ed è utile a prepararsi alla Giornata Nazionale del 20 marzo 2010 a Milano. Per gli studenti delle scuole primarie è altresì disponibile presso la sede di Libera il testo "Dalla parte giusta".

- "Le loro idee camminano sulle nostre gambe", percorso da svolgere in classe, con il quale il gruppo prende in adozione una vittima di mafia (assegnatagli dalla segreteria della Giornata) e si impegna a fare ricerca sulla sua storia, realizzando uno striscione da portare in marcia il 20 marzo 2010 a Milano, con il nome adottato. Gli studenti potranno scegliere liberamente in che modo interpretare la memoria della vittima assegnata alla classe, in modo da rappresentare durante il corteo la lunga lista letta nell'arco della giornata.

"Regoliamoci!", quarto bando di concorso nazionale, rivolto agli studenti delle scuole primarie e delle scuole secondarie di I e II grado. Il tema scelto quest'anno è la Costituzione, declinato in tre diverse categorie a seconda dell'ordine di scuole (cfr. Bando di concorso). La scadenza per aderire al bando è stata prorogata al 18 dicembre 2009 (www.libera.it) e ha visto l'adesione di centinaia di scuole in tutta Italia. Il concorso è realizzato in collaborazione con il MIUR.

Per la partecipazione delle delegazioni da ogni parte d'Italia, Libera sta predisponendo delle agevolazioni economiche e in servizi.

Sul sito di Libera è già disponibile la scheda di adesione e il regolamento per i contributi.

L'Associazione LIBERA è Ente di formazione accreditato presso il MIUR.

 
 
 

SEGRETERIA NAZIONALE
Libera - Via IV novembre  98 - 00187 Roma
Tel. 06-69770301/2 fax 06/6783559
E-mail organizzazione@libera.it    www.libera.it

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA MILANO
c/o ACLI Provinciale Milano 
Via della Signora 3, 20122 Milano
E-mail: milano.20marzo@libera.it  Tel. 02.7723221 Fax: 0276015257

Comunicati

  1. Criminal food, la sfida solidale di Ciotti e Caselli

    "Il settore agroalimentare è contaminato dalla mafia liquida, che proprio come l'acqua s'insinua ovunque, in ogni livello della filiera. Dobbiamo chiudere quei rubinetti". Non è un caso se nello slogan di Slow Food, oltre a buono e pulito ci sia il giusto. Articolo di Noemi Penna su La Stampa | 23 settembre 2016 

  2. La Provincia di Varese - Don Luigi e la sua forza nella bellezza delle montagne

    Francesco Caielli racconta l'incontro con don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera, avvenuto in alta montagna dove "le urla sono ovattate e le differenze sono azzerate dalla bellezza e dalla fatica"

  3. Libera e Gruppo Abele aderiscono a Puliamo il Mondo

    Tra il 23 ed il 25 settembre migliaia di cittadini scenderanno in campo per dare un aiuto concreto al nostro stupendo territorio, troppo spesso vittima dell'incuria e dell'indifferenza generale.