Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pāgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Niente regali alle mafie, i beni confiscati sono cosa nostra

 

Firmatari

80801 Costanza De Paolis - Cirič
80802 Damiano Miceli - Messina
80803 Anna Rizzi - Roma
80804 massimo seneci - verona
80805 gisella abruzzini - roma
80806 giuliana de marco - roma
80807 rontu marius - cirič
80808 guido pasquale - bisceglie
80809 chiara di labio - cirič
80810 giovanni lazzarin - cuneo
80811 olga francone - cirič (TO)
80812 Cristina Tentori - Galbiate (Lc)
80813 andrea montemagno - nole
80814 Bruno turello - Monza
80815 Marco Leone - Barbania
80816 Roberta Mucci - Modena
80817 Claudio Pozzi - Padula Scalo (Sa)
80818 silvana borriello - Torre del Greco (NA)
80819 luca chianca - Balangero
80820 elisa talentino - roma
80821 valentina ferreri - torino
80822 giancarlo chiavenna - orsenigo
80823 LUCIA PASQUARIELLO - PAVIA
80824 francesca imperatore - torino
80825 dario fenoli - cirič (TO)
80826 RITAPAOLA ROSSIN - SAN BONIFACIO - VR
80827 giuseppe gragnato - SAN BONIFACIO - VR
80828 Silvia Truccano - San Giorgio Canavese
80829 Andrea Federico Cecchin - San Francesco al Campo
80830 silvana perut - venezia

Comunicati

  1. La lezione di Rita Atria la ragazza che disse no alla schiavitų mafiosa

    Abbiamo ricordato Paolo Borsellino, non possiamo dimenticare Rita Atria. Il ricordo di don Luigi Ciotti su La Repubblica | 26 luglio 2017

  2. Il raduno di Libera porta a Cecina pių di 250 ragazzi

    Oltre 250 ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia, da Torino a Palermo, in tenda per 5 giorni a Cecina, saranno protagonisti del VI appuntamento nazionale dei giovani di Libera. Leggi l'articolo pubblicato su Il Tirreno del 26 luglio 2017.

  3. Nota di Luigi Ciotti su minacce giornalista Repubblica

    Sappiano questi signori - che ieri hanno minacciato Salvo Palazzolo per aver informato delle misure preventive di confisca applicate ad alcuni "beni" della famiglia Riina - che esiste una Sicilia e un'Italia che s'impegnano per la libertā e la giustizia, e che di fronte alle minacce e alle menzogne non indietreggiano né tacciono.