Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Campo per singoli a Genova

 
.
 

Provincia di Genova,
"In centro a Genova"
Vico delle Marinelle 6R


Settimane offerte:

dal 26 agosto al 2 settembre - disponibilità posti esaurita

Numero posti totali:

14

Tipologia di posti disponibili:

Si dorme al chiuso in un grande salone presso l'Associazione La Staffetta

Le attività sono consigliate a:
Partecipanti dai 18 ai 35 anni

Descrizione del campo:
Nel 2014 Genova è stata teatro della confisca di beni immobili più grande del Nord Italia: 96 unità immobiliari (su 115 totali), la maggior parte delle quali localizzata in centro storico. In quest'area si concentrano molte situazioni di difficoltà e disagio economico, sociale e culturale, ma insistono pure associazioni e singoli cittadini (tra cui il Cantiere per la legalità responsabile) che si sono attivati per informare la cittadinanza, dando vita a nuove e proficue collaborazioni. Ad oggi nel centro storico di Genova c'è un solo bene confiscato riutilizzato per finalità sociali, ma si progettano e realizzano vari percorsi legati ai temi dell'integrazione, dell'accoglienza, della riqualificazione del quartiere, del recupero di attività sociali e commerciali. L'importanza di restituire alla collettività questi beni ha fatto nascere vari progetti con l'obiettivo condiviso di far sentire questi beni come "beni di tutti", un patrimonio comune che va fatto fruttare a beneficio collettivo, in un'ottica di responsabilità condivisa.

Attività previste:

I volontari saranno impegnati sia in attività manuali di riqualificazione del bene confiscato già assegnato e di altri luoghi significativi per il quartiere (pulizie, decorazioni di saracinesche), sia in momenti di realizzazione di eventi pubblici e di animazione per il quartiere, in collaborazione con le numerose associazioni e realtà sociali presenti (attività con bambini, ...). La formazione prevede sia opportunità di approfondimento e confronto su temi specifici (mafie, immigrazione, accoglienza, ...), sia momenti di lavoro e confronto di gruppo e soprattutto incontri con abitanti e realtà associative del territorio, per conoscere e sperimentare esempi concreti di cittadinanza attiva.

Alloggio:
- Si dorme in un unico grande salone presso l'Associazione La Staffetta, a terra con sacco a pelo;
- Per il pernotto è necessario munirsi sacco a pelo, tappetino, torcia e cuscino se si ritiene;
- Docce al chiuso, divisione tra uomo/donna;

Informazioni utili:
- L'alimentazione prevista durante il campo è pensata anche per celiaci ed allergie varie, vegani e vegetariani, previa segnalazione;
- La cucina è gestita in collaborazione tra partecipanti e volontari locali. E' inoltre gradito il dono di un prodotto tipico da parte dei volontari, che verrà condiviso con tutti i partecipanti per rappresentare il proprio territorio;
- Data la complessità della realtà sociale del quartiere si richiede ai volontari una particolare attenzione al rispetto delle regole del campo e della convivenza sociale (rispetto degli spazi e delle persone, atteggiamento di ascolto ed accoglienza);

Materiali obbligatori da portare:
- Guanti da lavoro, abbigliamento e scarpe comode, costume da bagno, telo mare, tappetino, sacco a pelo, torcia, cuscino (se ritenuto necessario)

Materiali consigliati da portare:
crema solare, spray antizanzare

 

Come Arrivare:

> In treno:
Stazione di Genova Piazza Principe. Dalla stazione dei treni di Piazza Principe si arriva a piedi (5 minuti);

> In aereo:
Aeroporto di Genova.  dall'aeroporto saranno previsti mezzi messi a disposizione dall'organizzazione, previa comunicazione.

> In auto:
Uscita autostradale Genova Ovest. Svolgendosi il campo nel centro storico di Genova, i "pochi" parcheggi a disposizione sono tutti a pagamento. Si sconsiglia l'arrivo con la propria automobile. goo.gl/JcZ3o7

Storia del Bene:

In Sciä Stradda - On the road - nasce nel 2012, quando la Cooperativa "Il Pane e le Rose", aderente alla Comunità di San Benedetto, vince il bando per la riassegnazione e il riutilizzo sociale dei due "bassi", utilizzati per lo sfruttamento della prostituzione, confiscati al boss gelese di Cosa Nostra Rosario Caci. Questa è la prima esperienza di riutilizzo sociale di un bene confiscato alla mafia effettuato da una cooperativa sociale in Liguria. Dopo l'avvio come bottega con i prodotti di Libera Terra, provenienti dalle terre confiscate, da alcuni prodotti della rete del commercio equo e solidale, nonché dalle "cianfrusaglie" create dagli ospiti della Comunità di San Benedetto, oggi lo spazio ha ampliato i propri orizzonti, divenendo sempre più un luogo aperto e a servizio del quartiere e delle associazioni attive sul territorio. In Scia Stradda è un progetto fortemente voluto da Don Andrea Gallo, gestito dalla Cooperativa sociale "Il Pane e le Rose" Onlus, in rete con il presidio "Francesca Morvillo" di Libera Genova, la Bottega Solidale, la Cooperativa Sociale "Il Laboratorio" e Banca Etica. Ad oggi viene animato da varie realtà, in primis proprio dal presidio di Libera Genova "Francesca Morvillo", in stretta collaborazione con le associazioni A.D.eS.So. (Antimafia, Diritti e Solidarietà Sociale), Pas à pas, Yuri.it, Sta*mina e il comitato di residenti "L'Armata Brancaleone".

 
.
 
.
 
.
 
.
 

Comunicati

  1. Libera Catania: chiediamo verità e giustizia per gli omicidi di Francesco Vecchio e Alessandro Rovetta

    Il Coordinamento provinciale di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie a Catania - in relazione alla ricerca della verità sugli omicidi di Francesco Vecchio e di Alessandro Rovetta - ribadisce il proprio impegno di memoria e testimonianza per tutte le vittime delle mafie e la vicinanza ai tanti familiari che ancora aspettano di conoscere i motivi e i contesti nei quali sono maturati gli omicidi dei loro cari.

  2. Perugia: seminario di formazione per docenti

    Il Presidio insegnati  "G. Rechichi" organizza seminari di formazione per docenti, presidi e cittadinanza sul tema: "Lavoro etico, etica del lavoro". Il primo appuntamento si svolgerà il 22 settembre.

  3. Nuova referente per Libera Catanzaro

    Il 14 settembre durante l'assemblea provinciale di Libera Catanzaro, alla presenza del coordinatore regionale don Ennio Stamile è stata eletta la nuova referente del coordinamento provinciale: Elvira Iaccino.