Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

logo sedi cgil
 

1992-2017 l'Italia che non dimentica

In occasione del 25° anniversario della strage di Capaci, rinnoveremo la memoria con la proiezione del film "IO CHE LAVORO PER UN ALGORITMO", storie di Lavoro e Legalità.Siamo lieti di invitarla alla prima del film che si terrà il giorno
22 MAGGIO alle ore 21.00
presso il cinema ASTRA
Via Giulio Cesare, 3 Como

Interverranno:
Donata Patricia Costa, Sostituto Procuratore della Repubblica, Tribunale ordinario di Milano
Elena Lattuada, Segretario Generale CGIL Lombardia
Giacomo Licata, Segretario Generale CGIL Como
Marinella Magnoni, Segreteria CGIL Lombardia
Davide Mattiello, Deputato Commissione Antimafia
Daniele Tissone, Segretario Generale SILP CGIL
Stefano Tosetti, Libera Como

Coordina:
Davide Cantoni, direttore ETV

Il Film è prodotto da CGIL Como.
Regia di Dario Tognocchi con una troupe di studenti dell'Istituto "Paolo Carcano".

clicca sulla immagine per ingrandirla


locandina film como
 

Comunicati

  1. La lezione di Rita Atria la ragazza che disse no alla schiavitù mafiosa

    Abbiamo ricordato Paolo Borsellino, non possiamo dimenticare Rita Atria. Il ricordo di don Luigi Ciotti su La Repubblica | 26 luglio 2017

  2. Il raduno di Libera porta a Cecina più di 250 ragazzi

    Oltre 250 ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia, da Torino a Palermo, in tenda per 5 giorni a Cecina, saranno protagonisti del VI appuntamento nazionale dei giovani di Libera. Leggi l'articolo pubblicato su Il Tirreno del 26 luglio 2017.

  3. Nota di Luigi Ciotti su minacce giornalista Repubblica

    Sappiano questi signori - che ieri hanno minacciato Salvo Palazzolo per aver informato delle misure preventive di confisca applicate ad alcuni "beni" della famiglia Riina - che esiste una Sicilia e un'Italia che s'impegnano per la libertà e la giustizia, e che di fronte alle minacce e alle menzogne non indietreggiano né tacciono.