Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Libera e la responsabilità della memoria

Da oltre ventuno anni Libera cerca e raccoglie le storie delle vittime innocenti delle mafie, accompagnando i familiari nell' incontrarsi, nel riconoscersi e nel camminare insieme nel percorso di emersione dal dolore. Grazie alle generose testimonianze dei familiari, in questi anni Libera ha raccolto un patrimonio prezioso di storie, dal valore etico, storico e sociale, inestimabile. Non si tratta solo di storie individuali o familiari: sono le storie dei nostri territori che, riunite insieme, raccontano un pezzo di Storia del nostro Paese.

 Con questo spirito Libera vuole rafforzare la propria responsabilità della memoria e presenta Vivi, un archivio multimediale, aperto e accessibile a tutti, dove sono raccolte tutte le storie delle vittime innocenti delle mafie. Un album collettivo in cui ritrovare la memoria dei propri territori.

L'archivio si comporrà di diverse sezioni, ciascuno strettamente legata all'altra. La navigazione potrà prendere avvio dall'elenco dei nomi da non dimenticare, perché è dall'idea di un elenco completo, su cui lavorare quotidianamente che è nato l'impegno di Libera nella memoria. L'elenco sarà consultabile in ordine cronologico o alfabetico, e che fornirà le prime informazioni più essenziali. 

Le altre sezioni del sito conterranno dunque dati, mappe e informazioni: La mappa dell'impegno, una cartina dell'Italia dove poter conoscere presidi di Libera, cooperative, beni confiscati e tutti i luoghi dedicati alla memoria di una delle vittime innocenti; I numeri della memoria, infografiche e grafici, modificabili dall'utente stesso a seconda dei criteri di ricerca desiderati, utili per una visione d'insieme; 21 marzo, una rassegna con tutte le edizioni della Giornata della memoria e dell'impegno a partire dal 1996, corredata dai manifesti e dalle foto delle manifestazioni.

 
 

Comunicati

  1. Da piazza Magione a Palermo per ricordare la strage di Capaci

    Su Rai Uno, per le commemorazioni del venticinquesimo anno dalla strage di Capaci un collegamento da piazza Magione a Palermo con Rita Borsellino e don Luigi Ciotti, piazza in cui sono cresciuti Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

  2. 23 maggio Rai Uno ore 20,30 : FALCONEEBORSELLINO Un'orazione civile in ricordo dei due magistrati e delle loro scorte

    Il 23 maggio e il 19 luglio del 1992 sono due date indissolubilmente legate. Così come lo sono state le vite, le sorti e i nomi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. A 25 anni di distanza dagli attentati di Capaci e di via D'Amelio, Rai 1 alle ore 20,30 trasmetterà in diretta da Palermo, FALCONEeBORSELLINO, un'orazione civile che vuole onorare il ricordo dei due grandi magistrati e delle loro scorte che insieme a loro persero la vita.

  3. Don Ciotti: «Corruzione avamposto di ogni mafia»

    A don Ciotti il Il Sole 24 Ore ha chiesto di riflettere sui 25 anni trascorsi dalla strage di Capaci.  Leggi tutta l'intervista.