Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise PÓgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Seriate (BG): Il Centro di promozione della Legalità in un bene confiscato alla criminalità

Un tempo sede per il contrabbando, ora centro per la legalitÓ. L'appartamento di via Marconi 49/B, confiscato ai beni della mafia, sabato 18 febbraio sarÓ consegnato all'associazione "Centro di Promozione della legalitÓ Bergamo (CPL) e Rete S.O.S", per diventare la nuova sede del CPL. Il progetto, selezionato e finanziato dalla Regione Lombardia e dall'Ufficio scolastico provinciale, prevede che la casa confiscata diventi un Centro per la promozione della legalitÓ gestito dalla Consulta provinciale studentesca, dalle scuole e associazioni in rete, guidata dal capofila Istituto Giulio Natta e composta da 60 scuole e 20 enti istituzionali, tra pubblici e privati. L'obiettivo Ŕ promuovere una cittadinanza attiva, finalizzata alla divulgazione dei saperi della legalitÓ agli studenti di Seriate e della provincia di Bergamo.


Seriate (BG) il 18 febbraio 2017 alle ore 9:00 presso il Teatro Aurora in via del Fabbro 5.

Saluti istituzionali
Testimonianza di Marisa Fiorani, madre di Marcella Di Levrano, vittima di mafia
Intervento di don Luigi Ciotti.
Modera Andrea Crippa, presidente della Rete di Scuole S.O.S

Alle ore 12:30 corteo al bene confiscato e intitolazione dello stesso a Marcella.
Consegna delle chiavi al presidente della Consulta Studentesca.

 

Comunicati

  1. In riferimento alle scritte apparse sui muri del vescovado

    Siamo i primi, da sempre, a dire che il lavoro Ŕ necessario, anzi che Ŕil primo antidoto alle mafie. Ma che sia un lavoro onesto, tutelato dai diritti, non certo quello procurato dalle organizzazioni criminali.

  2. Il Vescovo di Locri esprime vicinanza a don Luigi Ciotti e a Libera

    In merito alle scritte minacciose e ingiuriose contro don Luigi Ciotti, apparse questa mattina sui muri dell'Episcopio e in altri luoghi di Locri, la comunitÓ diocesana attraverso il vescovo, monsignor Francesco Oliva, esprime piena e convinta solidarietÓ a don Luigi. Apprezza e sostiene l'impegno e la scelta fatta da Libera di tenere a Locri la manifestazione principale della Giornata della Memoria e dell'Impegno del 2017.

  3. Inaugurato il presidio di Libera a Conversano

    Si Ŕ presentato ufficialmente alla cittÓ il Presidio Libera di Conversano, il gruppo cittadino dell'associazione ispirata e promossa da don Ciotti con l'intento di sollecitare la societÓ civile nella lotta alle mafie e promuovere legalitÓ e giustizia. Lunedý sera, alla Casa delle Arti, i promotori hanno illustrato il percorso che ha portato alla nascita del gruppo locale.