Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Catanzaro: "IntegrAzioni"

Si chiamerà "IntegrAzioni" la rassegna culturale promossa da Libera Catanzaro, Venti d'Autore, Meet Project, Aniti Impresa sociale e la Compagnia Teatrale "Teatro Incanto", che a partire dal 20 febbraio, ha l'obiettivo di affrontare tematiche attuali di sviluppo sociale e/o contrasto dei fenomeni sociali di stampo mafioso che toccano la vita quotidiana dei cittadini coinvolgendo le realtà associative del territorio, la cittadinanza, i giovani in particolare. "Affronteremo i temi della rigenerazione urbana, dell'immigrazione e integrazione, della memoria, - chiariscono i soggetti promotori dell'iniziativa. Ascolteremo storie di vita e di lotta concreta, di gente che ha incontrato il cancro della 'ndrangheta e che ha cercato di sfuggirne il morso, ma anche storie di chi si impegna per far risplendere territori che prima sapevano di violenza o di bruttezza". Gli appuntamenti saranno caratterizzati da dibattiti aperti con gli "ospiti": sarà un'occasione per fornire in particolare ai giovani strumenti di conoscenza e di riflessione affinché imparino a riconoscere i propri diritti e i propri doveri, in modo tale da non delegare mai, a nessuno e in nessun caso, il proprio futuro. "Il percorso intrapreso  - aggiungono i promotori di IntegAzioni - consentirà una conoscenza critica dei fenomeni sociali e farà sì che nasca dall'impegno collettivo una risposta. Pensiamo che parlare delle dinamiche sociali non basta, che approfondire e conoscerle ci aiuta ad affrontarle meglio nel quotidiano e con una consapevolezza diversa, costruita dal confronto, convinti del fatto che i fenomeni sociali e /o sociali di stampo mafioso, e i comportamenti che ne derivano, vanno combattuti dal basso con una società istruita, formata, consapevole e civile. Per fare questo utilizzeremo il linguaggio cinematografico, del fumetto, del teatro, attraverso la proiezione di cortometraggi, documentari, testimonianza ed esperienza di buona prassi". Ma non è tutto: <Partendo dall'assunto che uniti si vince - concludono le associazioni promotrici - vogliamo sostenere un progetto comune, contribuire a valorizzare le cose belle della nostra città, a realizzare il sogno di Salvare il Teatro Comunale di Catanzaro dall'abbandono. Come? L'ingresso agli appuntamenti della rassegna è ad offerta libera. Il ricavato delle serate consentirà di contribuire alla raccolta fondi avviata qualche mese fa a sostengo dell'apertura del comunale>.
La rassegna che avrà luogo a Catanzaro presso il Centro Polivalente per i giovani di via Fontana Vecchia, sarà articolata in quattro appuntamenti, animati e coordinati a cadenza mensile dalle associazioni promotrici, secondo il seguente calendario
lunedì 20 febbraio proiezione "Autoritratti" cortometraggio prodotto da Kiwi, deliziosa Guida di Rosarno. Dibattito con i soci dell' Associazione A di Città ed Andrea Nevi, regista - a cura di Aniti;
sabato 11 marzo  Presentazione graphic novel su Lea Garofalo con l' autrice del fumetto Ilaria Ferramosca e Simona Della Chiesa - a cura di Libera Catanzaro e Venti d'Autore. L'incontro rientra tra gli eventi previsti per i "Cento passi verso la XXII Giornata della Memoria", che si terrà a Locri il 21 marzo;
sabato 18 marzo spettacolo teatrale sulla mafia "Ma fino a quando" di Nino Gemelli - a cura di Teatro Incanto;
giovedì 20 aprile proiezione documentario "Tripoli" di Marco Perri (in diretta via skype) - a cura di Meet Project.
Ogni incontro avrà una durata di due ore circa a partire dalle ore 18.00.


 
 

Comunicati

  1. La lezione di Rita Atria la ragazza che disse no alla schiavitù mafiosa

    Abbiamo ricordato Paolo Borsellino, non possiamo dimenticare Rita Atria. Il ricordo di don Luigi Ciotti su La Repubblica | 26 luglio 2017

  2. Il raduno di Libera porta a Cecina più di 250 ragazzi

    Oltre 250 ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia, da Torino a Palermo, in tenda per 5 giorni a Cecina, saranno protagonisti del VI appuntamento nazionale dei giovani di Libera. Leggi l'articolo pubblicato su Il Tirreno del 26 luglio 2017.

  3. Nota di Luigi Ciotti su minacce giornalista Repubblica

    Sappiano questi signori - che ieri hanno minacciato Salvo Palazzolo per aver informato delle misure preventive di confisca applicate ad alcuni "beni" della famiglia Riina - che esiste una Sicilia e un'Italia che s'impegnano per la libertà e la giustizia, e che di fronte alle minacce e alle menzogne non indietreggiano né tacciono.