Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Catanzaro: "IntegrAzioni"

Si chiamerà "IntegrAzioni" la rassegna culturale promossa da Libera Catanzaro, Venti d'Autore, Meet Project, Aniti Impresa sociale e la Compagnia Teatrale "Teatro Incanto", che a partire dal 20 febbraio, ha l'obiettivo di affrontare tematiche attuali di sviluppo sociale e/o contrasto dei fenomeni sociali di stampo mafioso che toccano la vita quotidiana dei cittadini coinvolgendo le realtà associative del territorio, la cittadinanza, i giovani in particolare. "Affronteremo i temi della rigenerazione urbana, dell'immigrazione e integrazione, della memoria, - chiariscono i soggetti promotori dell'iniziativa. Ascolteremo storie di vita e di lotta concreta, di gente che ha incontrato il cancro della 'ndrangheta e che ha cercato di sfuggirne il morso, ma anche storie di chi si impegna per far risplendere territori che prima sapevano di violenza o di bruttezza". Gli appuntamenti saranno caratterizzati da dibattiti aperti con gli "ospiti": sarà un'occasione per fornire in particolare ai giovani strumenti di conoscenza e di riflessione affinché imparino a riconoscere i propri diritti e i propri doveri, in modo tale da non delegare mai, a nessuno e in nessun caso, il proprio futuro. "Il percorso intrapreso  - aggiungono i promotori di IntegAzioni - consentirà una conoscenza critica dei fenomeni sociali e farà sì che nasca dall'impegno collettivo una risposta. Pensiamo che parlare delle dinamiche sociali non basta, che approfondire e conoscerle ci aiuta ad affrontarle meglio nel quotidiano e con una consapevolezza diversa, costruita dal confronto, convinti del fatto che i fenomeni sociali e /o sociali di stampo mafioso, e i comportamenti che ne derivano, vanno combattuti dal basso con una società istruita, formata, consapevole e civile. Per fare questo utilizzeremo il linguaggio cinematografico, del fumetto, del teatro, attraverso la proiezione di cortometraggi, documentari, testimonianza ed esperienza di buona prassi". Ma non è tutto: <Partendo dall'assunto che uniti si vince - concludono le associazioni promotrici - vogliamo sostenere un progetto comune, contribuire a valorizzare le cose belle della nostra città, a realizzare il sogno di Salvare il Teatro Comunale di Catanzaro dall'abbandono. Come? L'ingresso agli appuntamenti della rassegna è ad offerta libera. Il ricavato delle serate consentirà di contribuire alla raccolta fondi avviata qualche mese fa a sostengo dell'apertura del comunale>.
La rassegna che avrà luogo a Catanzaro presso il Centro Polivalente per i giovani di via Fontana Vecchia, sarà articolata in quattro appuntamenti, animati e coordinati a cadenza mensile dalle associazioni promotrici, secondo il seguente calendario
lunedì 20 febbraio proiezione "Autoritratti" cortometraggio prodotto da Kiwi, deliziosa Guida di Rosarno. Dibattito con i soci dell' Associazione A di Città ed Andrea Nevi, regista - a cura di Aniti;
sabato 11 marzo  Presentazione graphic novel su Lea Garofalo con l' autrice del fumetto Ilaria Ferramosca e Simona Della Chiesa - a cura di Libera Catanzaro e Venti d'Autore. L'incontro rientra tra gli eventi previsti per i "Cento passi verso la XXII Giornata della Memoria", che si terrà a Locri il 21 marzo;
sabato 18 marzo spettacolo teatrale sulla mafia "Ma fino a quando" di Nino Gemelli - a cura di Teatro Incanto;
giovedì 20 aprile proiezione documentario "Tripoli" di Marco Perri (in diretta via skype) - a cura di Meet Project.
Ogni incontro avrà una durata di due ore circa a partire dalle ore 18.00.


 
 

Comunicati

  1. In riferimento alle scritte apparse sui muri del vescovado

    Siamo i primi, da sempre, a dire che il lavoro è necessario, anzi che èil primo antidoto alle mafie. Ma che sia un lavoro onesto, tutelato dai diritti, non certo quello procurato dalle organizzazioni criminali.

  2. Il Vescovo di Locri esprime vicinanza a don Luigi Ciotti e a Libera

    In merito alle scritte minacciose e ingiuriose contro don Luigi Ciotti, apparse questa mattina sui muri dell'Episcopio e in altri luoghi di Locri, la comunità diocesana attraverso il vescovo, monsignor Francesco Oliva, esprime piena e convinta solidarietà a don Luigi. Apprezza e sostiene l'impegno e la scelta fatta da Libera di tenere a Locri la manifestazione principale della Giornata della Memoria e dell'Impegno del 2017.

  3. 21 Marzo 2017 in Liguria - Rassegna Stampa

    Ecco come la stampa locale ha raccontato la Giornata del 21 Marzo 2017 in Liguria.