Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Milano: Orizzonti e pratiche per un'educazione alternativa alla cultura mafiosa

La proposta di formazione per docenti del territorio milanese inserito nella progettualità 285, si articola in un itinerario strutturato su due giornate, finalizzate all'approfondimento dei contenuti, dei metodi e di alcuni strumenti utilizzabili nel quotidiano educare alla legalità e alla giustizia sociale.

Struttura e contenuti della proposta
Il corso si struttura in due giornate di lavoro: il 30 e 31 gennaio 2017
Contenuti:
- le mafie come sistema pedagogico e culturale
- la funzione educativa di contesti
- il dispositivo educativo mafioso
- le mafie alla risposta dei bisogni profondi di chi è in crescita
- verso una pedagogia alternativa

Metodo
Il percorso sarà condotto con una metodologia interattiva, orientata a valorizzare conoscenze, esperienze e rappresentazioni dei docenti in formazione; cercando poi di farle interagire con saperi e conoscenze complesse. A tale proposito, si alterneranno relazioni di studio ed esperti, a momenti di lavoro di studio e approfondimento in gruppo. 

IMPORTANTE: E' OBBLIGATORIO PRENOTARE LA PARTECIPAZIONE AL CORSO E ISCRIVERSI A UNO DEI LABORATORI POMERIDIANI. LE ISCRIZIONI SARANNO ACCOLTE FINO AL 15 GENNAIO 2017.


 
 

Comunicati

  1. Nasce la rete Numeri Pari | Rassegna stampa

    Nasce, dalla precedente esperienza della campagna contro la povertà del Gruppo Abele e Libera Miseria Ladra, il Movimento "Numeri Pari", una rete contro le disuguaglianze , per la giustizia sociale e la dignità. L'aggregazione di associazioni ed enti è stata presentata oggi a Roma; nel servizio del Tg3 le interviste a don Ciotti, presidente del Gruppo Abele e di Libera, e don Zappolini, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA).

  2. 19 condanne e 8 assoluzioni: si chiude il processo Condor

    È nel 1999 che il p.m. Capaldo, che ha guidato l'azione della pubblica accusa assieme alla Dottoressa Tiziana Cugini, inizia ad indagare sulla morte di alcuni sudamericani di origini italiane all'interno dell'Operazione Condor, la grande alleanza tra le giunte militari del Sud America e gli Stati Uniti contro il "pericolo rosso".

  3. Sentenza Condor - Martedi 17 Gennaio 2017, Rebibbia, Roma

    Dopo quasi due anni di dibattimento, 60 udienze e con l'audizione di decine di testimoni, esperti, familiari e compagni di prigionia delle vittime, il prossimo 17 gennaio dalle ore 9,30 si terrà l'ultima udienza nell'aula bunker di Rebibbia a Roma relativa al Processo Condor. A seguire nel corso della stessa giornata sarà emessa la sentenza per il sequestro e l'omicidio di 42 giovani, tra cui 20 italiani, avvenuti in Cile, Argentina, Bolivia, Brasile e Uruguay tra il 1973 e il 1978. Gran parte di loro sono ancora oggi desaparecidos.