Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Dottorato di ricerca in studi sulla criminalità organizzata: bando e borse di studio

È stato attivato presso l'Università degli Studi di Milano per l'anno accademico 2016/2017, subordinatamente all'accreditamento da parte del MIUR, il corso di dottorato di ricerca in Studi sulla criminalità organizzata.
Possono presentare domanda di partecipazione al concorso coloro i quali siano in possesso di laurea magistrale, o di titolo equivalente. Costituisce requisito per poter partecipare al concorso il possesso di competenze linguistiche almeno di livello B2 nella lingua inglese.

Le domande di ammissione devono essere presentate improrogabilmente entro le ore 13.00 di lunedì 9 gennaio 2017.

Per presentare la domanda bisogna:

1. Effettuare la registrazione al portale di Ateneo accedendo alla pagina www.unimi.it - Accesso rapido - Servizi - Registrazione (https://www.unimi.it/registrazione/registra.keb);

2. Autenticarsi con le proprie credenziali ai Servizi online SIFA accedendo alla pagina www.unimi.it - Servizi online SIFA - LOGIN (http://www.unimi.it/apps/hpsifaprivata.xsl);

3. Presentare domanda di ammissione al corso seguendo il percorso: Servizi di ammissione - Ammissione ai corsi post laurea - Dottorati di ricerca (http://studenti.divsi.unimi.it/ammissioni/a/dottorato/checkLogin.asp);

4. Effettuare il pagamento del contributo, non rimborsabile, di € 50,00 quale rimborso delle spese di selezione, mediante carta di credito oppure utilizzando il bollettino MAV (pagabile solo in Italia) che verrà generato dallo stesso servizio online.

L'ammissione al corso di dottorato avviene sulla base di una selezione a evidenza pubblica per titoli ed esami, espletata dalla Commissione formata e nominata in conformità alla normativa vigente.

La selezione è intesa ad accertare la preparazione, le capacità e le attitudini dei candidati alla ricerca scientifica e le loro motivazioni personali e si basa sulla valutazione del curriculum e di un progetto di ricerca, eventualmente ispirato al lavoro di tesi di laurea magistrale, e su un colloquio. La valutazione del curriculum e del progetto di ricerca precede il colloquio. L'esito della valutazione è consultabile sulla pagina Internet indicata nella tabella.

Per maggiori informazioni clicca qui

 

Comunicati

  1. Libera su omicidi a San Marco in Lamis (Foggia)

    L'agguato del 9 agosto è la dimostrazione che siamo davanti una guerra criminale, feroce e violenta, una guerra in atto da tempo ma sottovalutata. Foggia, la Capitanata , il Gargano sono teatro di di una lunga scia di sangue che confermano ulteriormente una presenza mafiosa violenta e ben radicata nel territorio.

  2. Don Ciotti, necessario politica torni parlare con le persone

    Perche' la democrazia torni a essere "potere del popolo" e' necessario che la politica torni a parlare con le persone e non alle persone. E necessario che agisca con loro, non al loro posto". Cosi' don Luigi Ciotti, presidente di Libera, a margine di un incontro a Rispescia (Grosseto) dove e' in corso Festambiente.

  3. La rivolta delle donne, una crepa nelle mafie

    I momenti di silenzio e di preghiera, la riflessione e l'attenzione ai segni di speranza non possono andare in ferie. Tanto più se quei segni annunciano possibili svolte e cambiamenti, conquiste o riconquiste di civiltà. Nel mondo chiuso e violento delle mafie sta avvenendo un fatto nuovo e potenzialmente di-rompente: la rivolta delle donne, la presa di coscienza dei giovani. Leggi l'editoriale di don Luigi Ciotti sul numero 32 di Famiglia Cristiana