Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Benfatto: relazioni, storie, luoghi e percorsi

 
 

Benfatto 2016 è un viaggio itinerante che Libera ha intrapreso con i giovani, portando con sé, durante il tragitto lungo lo Stivale, la loro carica di idee, speranze,percorsi motivazioni, energia ed entusiasmo.È un racconto che ha visto incrociarsi relazioni, storie, luoghi e percorsi.

È una strada che ricongiunge il passato al presente, e nella continuità, la spinge verso un futuro prossimo e vicino. E' la voce dei territori, delle comunità, delle loro istanze, delle loro risorse.Nelle sue tappe, che hanno toccato nord, centro e sud Italia, Benfatto ha indicato dei percorsi possibili, di formazione, crescita, collaborazione e condivisione.

Le istanze territoriali si sono "contaminate" reciprocamente, tracciando tanti percorsi di attivazione, partecipazione e rigenerazione.Ecco perché il tema della tappa conclusiva di Benfatto, che si svolgerà a Dobbiaco dal 24 al 27 novembre, si esprime nella concatenazione di tre verbi, che sono anche tre azioni da compiere: Destrutturare, Ricostruire, Raccontare. Tre azioni che seguono un filo conduttore: la continuità.
Destrutturare vuol dire muoversi, rompere la fissità, compiere dei passi, scomponendo e semplificando la complessità, quella che ha contribuito alla costruzione di un certo lessico, di alcuni stereotipi o immagini entro cui, delle volte, è stato circoscritto, quasi come un limite, il lavoro di Libera e l'impegno dei suoi giovani.

Ricostruire, pertanto, significa immaginare delle alternative, mettere in primo piano desideri, bisogni, motivazioni, acquisire consapevolezza di valori, punti saldi, competenze, qualità individuali e identità comuni e comunitarie. Significa consolidare il proprio sentire, il proprio impegno, la propria presenza partecipe all'interno di Libera così come della comunità più estesa con cui essa si relaziona e di cui fa parte.

Raccontare, infine, e raccontarsi: aprire la strada verso strumenti e modelli narrativi che mettano in relazione i giovani (dentro e fuori Libera) e quello che accade nel loro mondo (territori, comunità, persone, progetti). Un racconto che sia in grado di farci conoscere ma anche farci ri-conoscere.Da Dobbiaco verso nuovi orizzonti rigenerativi, condivisi e partecipati. Con Libera, per Libera.

Comunicati

  1. Libera Catania: chiediamo verità e giustizia per gli omicidi di Francesco Vecchio e Alessandro Rovetta

    Il Coordinamento provinciale di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie a Catania - in relazione alla ricerca della verità sugli omicidi di Francesco Vecchio e di Alessandro Rovetta - ribadisce il proprio impegno di memoria e testimonianza per tutte le vittime delle mafie e la vicinanza ai tanti familiari che ancora aspettano di conoscere i motivi e i contesti nei quali sono maturati gli omicidi dei loro cari.

  2. Perugia: seminario di formazione per docenti

    Il Presidio insegnati  "G. Rechichi" organizza seminari di formazione per docenti, presidi e cittadinanza sul tema: "Lavoro etico, etica del lavoro". Il primo appuntamento si svolgerà il 22 settembre.

  3. Nuova referente per Libera Catanzaro

    Il 14 settembre durante l'assemblea provinciale di Libera Catanzaro, alla presenza del coordinatore regionale don Ennio Stamile è stata eletta la nuova referente del coordinamento provinciale: Elvira Iaccino.