Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

 

Ogni giorno veniamo a sapere di una nuova strage di innocenti, di uomini trucidati, di bambini affogati, di ospedali e scuole bombardate, di sofferenze disumane. Una serie infinita d'immagini strazianti scorre davanti ai nostri occhi lasciandoci storditi, angosciati, impauriti.

Fermiamo queste stragi! Fermiamo le guerre e i violenti!
Partecipa alla Marcia PerugiAssisi. Domenica 9 ottobre vieni anche tu!
La sfida della pace è immensa, ma non impossibile. Se ciascuno farà la sua parte, la vinceremo .Ma solo se ci sarai anche tu. Ogni cosa che facciamo può contribuire o a generare la pace, o a generare conflitti, paure, tensioni, rabbie e guerre. Se davvero vogliamo la pace la dobbiamo fare in tutti i campi. Ognuno di noi può fare cose importanti. 
Facciamo crescere un movimento inarrestabile fatto di mille gesti quotidiani.
Organizziamo insieme la più grande Marcia delle donne e degli uomini per la pace!

Per maggiori informazioni: www.perlapace.ithttp://www.perugiassisi.org/

Comunicati

  1. La lezione di Rita Atria la ragazza che disse no alla schiavitù mafiosa

    Abbiamo ricordato Paolo Borsellino, non possiamo dimenticare Rita Atria. Il ricordo di don Luigi Ciotti su La Repubblica | 26 luglio 2017

  2. Il raduno di Libera porta a Cecina più di 250 ragazzi

    Oltre 250 ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia, da Torino a Palermo, in tenda per 5 giorni a Cecina, saranno protagonisti del VI appuntamento nazionale dei giovani di Libera. Leggi l'articolo pubblicato su Il Tirreno del 26 luglio 2017.

  3. Nota di Luigi Ciotti su minacce giornalista Repubblica

    Sappiano questi signori - che ieri hanno minacciato Salvo Palazzolo per aver informato delle misure preventive di confisca applicate ad alcuni "beni" della famiglia Riina - che esiste una Sicilia e un'Italia che s'impegnano per la libertà e la giustizia, e che di fronte alle minacce e alle menzogne non indietreggiano né tacciono.