Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Campo per minorenni a Sedriano (MI)

 
.
 

Provincia di Milano, Sedriano
"Sogna con noi"
Via San Remigio


Settimane offerte: 
dal 30 luglio al 6 agosto- disponibilità posti esauriti
dal 6 agosto al 13 agosto- disponibilità posti esauriti

Numero posti totali:
15

Tipologia di posti disponibili:
Si dormirà su brandine da campo in camerate divise tra maschi e femmine

Le attività sono consigliate a:
Partecipanti dai 14 ai 18 anni

Descrizione del campo:
Sedriano è un paese di 12.000 abitanti alle porte di Milano, recentemente "salito" agli onori della cronaca come primo Comune della Lombardia sciolto per sospette infiltrazioni della criminalità organizzata, emerse nel corso dell'inchiesta che ha portato in carcere per voto di scambio l'ex assessore regionale Zambetti.Tutti coloro che decideranno di vivere questa esperienza avranno modo di osservare da vicino come opera, dove si radica e quali sono gli affari che conduce la mafia nel nord Italia e in particolare in Lombardia. Ma soprattutto di conoscere tutte quelle realtà associative e non solo che ogni giorno combattono silenziosamente per promuovere la legalità e i principi scritti nella Costituzione.

Attività manuali previste:
Il campo si svolgerà a Sedriano e avrà l'obiettivo di ridare vita alla villetta di via Fiume, 18 - bene confiscato al narcotrafficante Paolo Leone. L'amministrazione comunale di Sedriano, con la delibera dello scorso 26 gennaio, si è impegnata a stabilire i criteri di assegnazione dei beni confiscati sul proprio territorio, lo scopo della concessione della villetta di via Fiume sarebbe l'utilizzo sociale per emergenze abitative e di ricovero per donne con minori, oggetto di violenza domestica, e che si trovano temporaneamente in una situazione di impossibilità a ritornare nella propria dimora. Il programma del campo, oltre all'impegno concreto sul bene confiscato, prevede momenti di incontro e conoscenza con il territorio ed una giornata di visita alla città di Milano.

Alloggio:
- Per il pernotto sono disponibili brandine all'interno di camerate, ma è necessario munirsi di sacco a pelo o sacco lenzuolo, e cuscino;
- Docce al chiuso.

Informazioni utili:
- L'alimentazione prevista durante il campo è pensata anche per vegetariani, vegani, celiaci ed allergie varie solo previa segnalazione;
- La cucina è gestita da un responsabile campo coadiuvato a turno dai campisti-partecipanti;
- Per allergie varie prestare attenzione  per graminacee e polvere.

Materiali obbligatori da portare:
- Guanti da lavoro, K-way, abbigliamento da lavoro, asciugamani e accappatoi, bagnoschiuma, shampoo, sacco a pelo o sacco lenzuolo, cuscino.

Materiali consigliati da portare:
Crema solare, crema o spray antizanzare, costume, asciugacapelli.

 

Come Arrivare:

> In treno:
Stazione di Vittuone (MI)

> In aereo:
Aeroporto di Linate; Air Bus, servizio di ATM che collega l'aeroporto di Linate con la Stazione Centrale di Milano. Dalla fermata MM. Molino Dorino a Sedriano: bus Z620.
Aeroporto di Malpensa, collegamento ferroviario alla Stazione Garibaldi di Milano. www.malpensaexpress.it. Dalla fermata MM. Molino Dorino a Sedriano: bus Z620.
Orio al Serio (BG), Bus per Sesto 1 maggio FS. MM da Sesto 1 maggio a Molino Dorino. Dalla fermata MM. Molino Dorino a Sedriano: bus Z620

> In auto:

Uscita autostradale A4 - Arluno. Nel caso di arrivo in auto esiste possibilità di parcheggio custodito https://goo.gl/maps/RajP8LbfrPv

I partecipanti saranno prelevati e accompagnati tramite navetta dal luogo di arrivo indicato previa segnalazione orari di arrivo.

Storia del Bene:

Il bene all'interno del quale si realizzeranno i lavori consiste in un'abitazione indipendente con relativo box di appartenenza, precedentemente utilizzata a scopo abitativo. Confiscata definitivamente nel maggio 2011, la villetta apparteneva all'allora 54enne siciliano Paolo Leone, arrestato nel 2007 insieme a Carmine Di Nocera, 49 anni, con l'accusa di traffico internazionale di droga. Questi fermi sono avvenuti nell'ambito dell'operazione «Donnie Brasco», coordinata dal pm Nicola Piacente della Dda di Milano. Al momento della cattura, i militari hanno recuperato all'interno della villa otto chili di cocaina con una purezza del 90% circa e 65mila euro in contanti. Un ruolo decisivo lo ebbe il boss di Cosa nostra Giuseppe Lombardo, arrestato nel '99 per traffico internazionale di droga, decisosi poi a collaborare. Fu lui ad indicare agli inquirenti Paolo Leone come il nuovo responsabile del traffico di droga. Dopo aver scontato 8 anni di carcere, nel 2015 Leone tornò in libertà. Solo pochi mesi dopo la scarcerazione, il 24 novembre, Paolo Leone tentò di ammazzare in un agguato mafioso nei pressi di un cantiere edile a Corbetta, il suo ex socio in affari, Giuseppe Lombardo. Credendo di averlo ucciso, Leone si costituì il giorno stesso e venne nuovamente incarcerato a Opera.

 
.
 
.
 
.
 
 

Comunicati

  1. Libera e Gruppo Abele su approvazione Senato ddl ul whistleblowing

    "L'approvazione in Senato del ddl sul whistleblowing , tutela dei segnalanti, è una bella notizia. L'auspicio, ora, è l'approvazione in tempi rapidi alla Camera dei Deputati per diventare definitivamente una legge dello Stato." In una nota Libera e Gruppo Abele commentano favorevolmente l'approvazione al Senato del ddl sul whistleblowing.

  2. Sull'omicidio di Daphne Caruana Galizia

    Il violento e brutale assassino della giornalista maltese Daphne dimostra ancora una volta quanto un'informazione libera, seria e documentata rappresenta un pericolo per i potenti, per i corrotti e per la criminalità organizzata.

  3. Roma: Dalla legge di iniziativa popolare alla riforma del codice antimafia

    A pochi giorni dall'approvazione della riforma del Codice Antimafia, la rete delle associazioni del comitato promotore della campagna 'Io Riattivo il Lavoro', costituito dalla Cgil insieme ad Acli, Arci, Avviso Pubblico, Centro studi Pio La Torre, LegaCoop, Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie e Sos Impresa, ha indetto una conferenza stampa.