Testata per la stampa
 
  1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
  1. rss |
  2. English page Page en langue francaise Pàgina en espanol |
  3.  
    |
  4. scrivi |
  5. mappa |
  6. Versione ad Alto Contrasto Dimensione del testo: Normale Dimensione del testo: Grande

Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Libera in Goal arriva a Trieste

Un calcio...alle mafie: "Libera in Goal-Trieste" approda anche nel capoluogo friulano e la cornice d'eccezione sarà il centro sportivo dei Gesuiti di Villa Ara.  

L'evento, che avrà luogo il 10 aprile p.v., nello splendido impianto di Via Monte Cengio 2, rappresenta la prima riproduzione locale di un esperimento nato fuori porta e giunto ormai alla sua quinta edizione: organizzato dall'associazione triestina RIME e da quella napoletana VoDiSca, in collaborazione con Libera-Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, ogni settembre, Libera in Goal si svolge nel complesso quadro sociale di Scampia, facendosi occasione di scambio e confronto con le numerosissime realtà che quotidianamente concorrono alla lotta alle mafie e alla costruzione di concrete occasioni di legalità. 

In attesa del prossimo torneo partenopeo, quest'anno calcetto e impegno civile scenderanno in campo assieme anche a Trieste, in nome della stessa concezione dello sport come strumento fondamentale di integrazione sociale e formazione dei giovani.

Responsabilità, impegno, memoria, educazione: sono questi i principi di Rime, associazione nata a Trieste nel 2011, che, insieme al coordinamento triestino di Libera, è l'ente promotore dell'iniziativa ed ha trovato, al suo fianco, l'apporto della Polisportiva Fuoric'Entro e dei Gesuiti di Villa Ara.
L'evento è organizzato anche grazie al contributo del gruppo musicale di Trieste "Concrete Jelly", nato nei primi mesi del 2013, che ha deciso di devolvere parte del ricavato della sua musica rock, funk, blues e venature stoner, all'associazione RIME.

Dalle ore 10.00 alle 19.00, i due campi di calcio di Villa Ara ospiteranno le dodici squadre partecipanti, rappresentanti delle associazioni coinvolte in questa giornata, tutte impegnate nel tema delle marginalità. La conoscenza e l'integrazione delle periferie sociali, dunque, il filo rosso della versione triestina di Libera in Goal, ispirato anche dalle politiche giovanili di Libera Friuli Venezia Giulia. 

Sarà un'occasione per avvicinare tante persone a tematiche importanti: ancora una volta, lo sport farà da trait d'union con cultura, associazionismo ed inclusione sociale, per cercare di fare "goal" contro le mafie. 

Per maggiori informazioni ed approfondimenti è anche attivo l'indirizzo mail ufficiale dell'evento: liberaingoal@associazionerime.it

 

Comunicati

  1. Fnsi, Usigrai e Alg saranno a Milano lunedi 29 maggio al fianco di don Luigi Ciotti

    Saremo accanto a Don Luigi Ciotti. Lunedì, in occasione dell'udienza per le minacce del boss Toto Riina rivolte al presidente di Libera intercettate il 14 settembre 2013 nel carcere di Opera a Milano, Fnsi, Usigrai e Alg saranno presenti con una propria delegazione guidata da Vittorio di Trapani.  È il nostro modo per dire che le giornaliste e i giornalisti italiani non lasciano soli Don Luigi e tutti coloro che ogni giorno lottano contro le mafie e la corruzione.

  2. Da piazza Magione a Palermo per ricordare la strage di Capaci

    Su Rai Uno, per le commemorazioni del venticinquesimo anno dalla strage di Capaci un collegamento da piazza Magione a Palermo con Rita Borsellino e don Luigi Ciotti, piazza in cui sono cresciuti Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

  3. 23 maggio Rai Uno ore 20,30 : FALCONEEBORSELLINO Un'orazione civile in ricordo dei due magistrati e delle loro scorte

    Il 23 maggio e il 19 luglio del 1992 sono due date indissolubilmente legate. Così come lo sono state le vite, le sorti e i nomi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. A 25 anni di distanza dagli attentati di Capaci e di via D'Amelio, Rai 1 alle ore 20,30 trasmetterà in diretta da Palermo, FALCONEeBORSELLINO, un'orazione civile che vuole onorare il ricordo dei due grandi magistrati e delle loro scorte che insieme a loro persero la vita.